Home » Comunicati Stampa » Total Italia realizza la prima stazione di servizio ecoattiva:

Total Italia realizza la prima stazione di servizio ecoattiva

ottobre 21, 2009 Comunicati Stampa

Total ItaliaGrazie alla partnership con Global Engineering e Università di Perugia, Total Italia ha creato per la prima volta sul territorio nazionale un’area a Impatto Zero destinata a ridurre di ben 100 tonnellate di CO2 l’anno, l’equivalente delle emissioni prodotte da un milione di autoveicoli.

La stazione di servizio Total Arda Ovest di Fiorenzuola, sull’autostrada A1, è la prima area di servizio “Ecoattiva” in Italia: grazie all’applicazione di circa 1.200 metri quadri di pittura fotocatalitica bianca prodotta da Global Engineering sulla pensilina e di pannelli fotovoltaici sulla struttura, permetterà la riduzione di circa 100 tonnellate di CO2, corrispondenti alle emissioni annue di 1.000.000 di autoveicoli, secondo i valori stimati da UNIPG (Università di Perugia). In questo modo, la superficie così trattata compensa totalmente la CO2 prodotta dal traffico in transito, rendendo l’area a Impatto Zero.
La stazione di servizio è stata trattata con prodotti fotocatalizzatori dotati della tecnologia PPS® (Proactive Photocatalytic System) che abbattono gli inquinanti dell’aria (monossido di carbonio, biossido di azoto, biossido di zolfo, benzene, particolato fine, voc ed altri) attraverso il processo della fotocatalisi, che si attiva grazie all’azione combinata della luce (solare o artificiale) e dell’aria. Dopo una fase sperimentale di test sull’area di Servizio Total di Mulazzano (MI), i cui risultati sono stati estremamente positivi, si è dato il via a questo progetto che in futuro si estenderà anche ad altre stazioni.

L’iniziativa è stata realizzata grazie alla partnership tra Total, multinazionale del settore petrolio e gas, Global Engineering, azienda milanese leader nella produzione della tecnologia di prodotti Ecoattivi fotocatalitici, e l’Università di Perugia, con il dipartimento di Fisica Tecnica Industriale e il Centro nazionale di Ricerca sulle Biomasse. Con questo ambizioso progetto Arda Ovest diventa un punto di riferimento nei piani di Total, da sempre sensibile alletematiche legate all’ambiente e all’ecosostenibilità. Total diventa pioniere in Italia di un nuovo modo di realizzare stazioni di servizio Ecoattive.

Total Italia, coerentemente con la mission della casa madre, si è posta obiettivi che hanno alla base i principi della salvaguardia della salute delle persone e della tutela dell’ambiente. Una volontà e un impegno sviluppati attraverso l’applicazione e il costante aggiornamento dei sistemi di gestione della sicurezza, il coinvolgimento di tutti, collaboratori e partner, con particolare riferimento al management aziendale, al fine di creare e diffondere una “cultura della sicurezza” quale valore che accomuna. Un’attenzione diffusa alla salvaguardia ambientale, sia attraverso l’ottenimento di certificazioni ambientali ISO 14000, sia applicando, ove possibile, ogni azione di carattere preventivo.
L’incremento delle immissioni nell’atmosfera di gas serra, e in particolare di CO2 derivanti dalle attività antropiche, concorre all’aumento della temperatura media del nostro pianeta. Una soluzione in grado di dare un contributo significativo al problema del Global Warming è migliorare l’albedo medio della Terra, aumentando la quantità di energia che, provenendo dal sole è riflessa dalla Terra stessa e, quindi, non contribuisce al suo riscaldamento.
La semplice applicazione di pitture e asfalti fotocatalitici consente di assorbire inquinanti e abbattere del 50% le emissioni, realizzati cioè con tecniche e materiali non solo ecosostenibili, ma anche in grado di giovare all’ambiente. La tecnica proposta è riflettere immediatamente sulla superficie terrestre una parte della radiazione a onda corta proveniente dal Sole prima che si trasformi in calore ad onda lunga.
“Il gruppo Total in qualità di attore energetico internazionale”, – spiega Paul Mannes Direttore Rete di Total – “per soddisfare in modo stabile i fabbisogni crescenti di energia ha messo a punto un modello di sviluppo che coniuga l’accettabilità delle sue attività con un programma importante di investimenti. Le nostre ambizioni sono: preparare il futuro energetico ossia sviluppare nuove energie e contribuire alla razionalizzazione dei consumi; sviluppare una nostra politica sociale basata sulla responsabilità; rispondere alle sfide dello sviluppo sostenibile attraverso la valorizzazione delle risorse naturali, la protezione dell’ambiente, l’adattamento alla cultura dei paesi che ospitano le nostre attività e il dialogo con la società civile attraverso un’informazione trasparente e una comunicazione costante. La stazione di servizio Ecoattiva di Arda rientra in questo più ampio progetto di sostenibilità e rappresenta un impegno reale nei confronti dei nostri Clienti che si traduce non solo nella realizzazione di stazioni di servizio a impatto zero ma anche nel programma Eco 10: semplici consigli e buone abitudini di guida che fanno realmente risparmiare e nella ricerca di prodotti (carburanti e lubrificanti) per migliorare le prestazioni”, conclude Mannes.
“Siamo onorati di portare avanti il nostro progetto con Total”, – dichiara Claudio Terruzzi, amministratore delegato di Global Enginnering – “che ha creduto nell’efficienza della nostra tecnologia. I nostri non sono prodotti magici, ma si basano su studi che conduciamo e sperimentiamo da anni. La chiave è la fotocatalisi, un fenomeno naturale che, attraverso l’interazione con luce solare e aria, rende innocue molte delle sostanze inquinanti, ossidandole e decomponendole. Rivestimenti che operano come dei veri “mangia smog”, abbattono gli inquinanti dell’aria attraverso un forte processo ossidativo che porta alla decomposizione e trasformazione in sostanze innocue (sali minerali e calcare) degli inquinanti organici e inorganici”.
“Il progetto albedo per il quale ho ricevuto un importante premio internazionale nel 2007” dice il prof. Franco Cotana, Professore Ordinario di Fisica Tecnica Industriale, presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Perugia e Direttore del Centro nazionale di Ricerca sulle Biomasse – CRB, presso lo stesso ateneo “va esattamente nella direzione dell’accordo sottoscritto nel recente G8 dell’Aquila. Infatti, nell’intesa, a cui hanno manifestato di aderire anche Cina e India, si parla di contenimento del riscaldamento medio del pianeta entro 2 gradi. Ciò è possibile non
solo indirettamente riducendo le emissioni, ma anche direttamente riflettendo fuori dell’atmosfera parte della radiazione solare che scalda la terra. Total è la prima compagnia petrolifera al mondo che applicherà tecnologie del progetto albedo certificate da CIRIAF (Centro Interuniversitario di Ricerca sull’Inquinamento da Agenti Fisici) per la realizzazione della stazione di servizio ecoattiva grazie alla superficie riflettente al biossido di titanio della Global Engineering”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende