Home » Comunicati Stampa » Tracciabilità dei prodotti alimentari garantiti con il progetto Ue “Farm to fork”:

Tracciabilità dei prodotti alimentari garantiti con il progetto Ue “Farm to fork”

novembre 29, 2011 Comunicati Stampa

Il progetto “RFID from Farm to Fork” (F2F), co-finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito dell’ICT Policy Support Programme e coordinato dall’Università di Wolverhampton (UK), punta a incentivare l’utilizzo di tecnologie innovative per la tracciabilità di cibo e bevande nelle Piccole e Medie Imprese.

Il progetto F2F, che coinvolge istituti di ricerca e aziende con sedi in Regno Unito, Spagna, Slovenia, Belgio e Italia, ha identificato 4 categorie del settore agroalimentare – carne, pesce, vino e caseario – oggetto di analisi per quanto riguarda l’applicazione della tecnologia RFID a supporto della tracciabilità di filiera, dal produttore al consumatore.

Attualmente sono due i progetti pilota attivi in Italia, in particolare in Veneto – grazie alla collaborazione con Treviso Tecnologia che coordina una sperimentazione con il Consorzio Cooperative Pescatori del Polesine di Scardovari (Ro) e ha presentato il progetto alle case vinicole del Consorzio di Tutela Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG – e in Basilicata – grazie al supporto dell’Università del Salento che segue la sperimentazione presso Vigne Mastrodomenico. L’infrastruttura informatica e i servizi online del progetto F2F sono stati predisposti da Santer Reply di Milano e dal laboratorio IT Futures di Wolverhampton (UK).

L’Identificazione a Radio Frequenza (RFID) consente di applicare al prodotto un’etichetta intelligente (tag) che, attraverso un’antenna, permette di leggere le informazioni relative ai prodotti, mentre le Reti di Sensori Wireless (WSN) vengono utilizzate per raccogliere informazioni pedoclimatiche (grado di umidità, temperatura, bagnatura fogliare, vento, irradiazione ed altri valori).

I prodotti possono quindi “comunicare” la loro presenza in determinati punti della filiera ed essere associati alle condizioni ambientali presenti in quei punti, in modo da facilitare la loro identificazione, la tracciabilità dall’origine al consumatore, il controllo della qualità e la conseguente riduzione degli sprechi.

Il monitoraggio costante consente alle aziende di valutare con più facilità il ritorno degli investimenti in termini di ottimizzazione dei processi di filiera (allevamento, coltivazione, produzione, processamento, magazzino, logistica e vendita), i costi operativi vanno incontro a una riduzione e la possibilità di provare la provenienza dei propri prodotti porta ad accrescere la fiducia e l’interesse del consumatore.

Il progetto punta ad aumentare la competitività delle aziende sul mercato internazionale, migliorando l’efficienza del processo produttivo e garantendo la massima trasparenza nei confronti dei consumatori ai quali viene offerto un prodotto sicuro di qualità certificata di cui possono conoscere l’intera storia sfruttando il web e le tecnologie multimediali, anche attraverso l’utilizzo di smart phone e tablet direttamente sul punto vendita” dichiara Roberto Santolamazza, Direttore di Treviso Tecnologia.

“La sperimentazione presso l’azienda Mastrodomenico sta dimostrando che l’uso delle tecnologie RFID e WSN può concretamente aiutare chi opera nel settore dei vini ad elevare il livello di tracciabilità del processo e dunque le garanzie di qualità del prodotto. Al contempo, si innalza  l’efficienza e l’efficacia dei processi produttivi. Tutto con costi relativamente contenuti, ed impatti modesti sulla riorganizzazione dei processi interni” dichiara Luciano Tarricone, Responsabile del gruppo di Campi Elettromagnetici dell’Università del Salento (EML2).

L’Università di Wolverhampton sta sviluppando dei pilota nella filiera della carne in Inghilterra (Buttercross Farm e Green Fields Farm Shop). I consumatori possono interrogare le confezioni di bacon leggendo il codice QR: la pagina di tracciabilità riporta l’origine dei prodotti, i luoghi di lavorazione delle carni e grafici sulle condizioni di trasporto e di stoccaggio.

Due aziende, Culmarex in Spagna e Fonda in Slovenia, hanno aderito al progetto per garantire la qualità e la sicurezza dei propri branzini. Dal vivaio all’allevamento il pesce è trasportato in vasche etichettate con un report elettronico sull’origine e sulle condizioni di trasporto. Il codice QR rimanda ad una pagina web con le informazioni sulla catena del freddo in tutte le fasi, dal momento della pesca fino al trasporto al negozio.

Vigne Mastrodomenico in Italia e Vitivinicola del Ribeiro in Spagna sono alcune delle aziende che hanno già aderito ad F2F. Agronomi ed enologi possono conoscere in tempo reale la situazione pedoclimatica dei vigneti e gestire i trattamenti, l’imbottigliamento, lo stoccaggio e le spedizioni ai distributori. L’intenditore di vini potrà poi avere informazioni sul percorso del vino dalla collina fino al ristorante o al negozio.

Latte e formaggi di qualità sono frutto di rigorose procedure di controllo e selezione degli animali e delle materie prime; nel caseario una corretta ed efficiente gestione dei dati aziendali ed il monitoraggio delle condizioni di trasporto assumono quindi importanza soprattutto quando si tratta di prodotti freschissimi. Le etichette del progetto F2F fungeranno da interfaccia tra il sistema di tracciabilità del produttore artigianale di formaggi Mr. Moyden’s (UK) e il consumatore finale.

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende