Home » Comunicati Stampa » Turboden coordina il progetto H-REII per la riduzione delle emissioni di CO2:

Turboden coordina il progetto H-REII per la riduzione delle emissioni di CO2

gennaio 28, 2010 Comunicati Stampa

Turboden, azienda bresciana appartenente a Pratt & Whitney Power Systems Company (gruppo UTC) e leader in Europa nella realizzazione di turbogeneratori basati sul Ciclo Rankine Organico (ORC), ha dato avvio al progetto H-REII (Heat Recovery in Energy Intensive Industries) in collaborazione con autorevoli partner quali: Provincia di Brescia, CSMT (Centro Servizi Multisettoriale Tecnologico), Associazione Industriale Bresciana (AIB) e Federazione Italiana Uso Razionale Energia (FIRE).

Il progetto nasce dalla necessità di contribuire allo sviluppo di politiche di supporto alla realizzazione di innovativi interventi di recupero calore da processi industriali altamente energivori (siderurgie, cementifici, fonderie di alluminio e non ferrosi, trattamenti termici, industrie del vetro, industrie chimiche, …), così da permettere un drastico abbattimento delle emissioni globali di CO2.

Il progetto H-REII trae origine dalla considerazione che molti processi industriali, in contesti territoriali con grande consumo di energia, producono calore con un contenuto energetico non valorizzato. Da qui l’idea di un’indagine circoscritta ad un determinato territorio, con lo scopo di valutare il reale risparmio in termini di energia e di riduzione di CO2. Recuperando infatti il calore di scarto, ad oggi disperso in atmosfera, è possibile contribuire ad una sensibile riduzione dei gas serra emessi dai processi industriali ed inoltre contribuire al raggiungimento degli obiettivi imposti dalla Unione Europea. Per questo motivo il progetto H-REII risponde pienamente agli obiettivi previsti dal programma europeo denominato “LIFE+” che prevede un contributo comunitario per progetti di questa natura. Da una valutazione preliminare e dai risultati di alcuni audit energetici effettuati nei mesi scorsi è possibile stimare un potenziale di circa  316.000 ton/annue di CO2 risparmiate ed oltre 500 GWh/annui di energia elettrica risparmiata mediante la realizzazione di circa 60 impianti di recupero calore (mediamente di taglia intorno a 1 MWel), con tecnologia ORC in processi altamente energivori.

L’indagine, in grado di creare un riferimento nel panorama nazionale ed europeo – al momento unica nel suo genere in questa tipologia di aziende destinatarie – si svolge nel territorio di Brescia, realtà italiana fortemente industrializzata.

“Lo scenario ambientale e la normativa UE impongono scelte volte alla riduzione dell’impatto sull’ambiente (in particolare CO2) e sull’uso razionale dell’energia- afferma Marco Baresi, responsabile del progetto in Turboden. “La normativa di riferimento nel settore recupero calore da processi industriali (Heat Recovery) è in evoluzione a livello comunitario, nazionale, regionale e provinciale. Brescia (ed in generale la Regione Lombardia) è una realtà con molti processi industriali che producono calore ad alto contenuto energetico non valorizzato adeguatamente. Il recupero calore da processi industriali (HR), congiunto alla produzione di energia elettrica, – conclude Baresi – è la risposta ideale per una reale riduzione di CO2”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende