Home » Comunicati Stampa » Cisco verso la “Piattaforma Unica di Gestione del Consumo Energetico”:

Cisco verso la “Piattaforma Unica di Gestione del Consumo Energetico”

luglio 13, 2011 Comunicati Stampa

Cisco Italia ha presentato l’iniziativa EnergyWise, che coinvolge un gruppo di 16 tra aziende e centri di ricerca Italiani del settore dell’elettronica e dell’informatica nel progetto di sviluppo di una “Piattaforma Unica di Gestione del Consumo Energetico”.

La piattaforma permetterà agli energy manager e alle aziende del settore di avvalersi di una gestione integrata del profilo energetico di un dominio amministrativo dell’energia (macro area urbana, distretto, area geografica…), fornendo gli strumenti necessari alla misura, alla correlazione dei dati, alla previsione dei consumi, alla fatturazione ed acquisto dell’energia. Cisco EnergyWise è il modello di comunicazione adottato.

Le aziende coinvolte collaborano al fine di sviluppare moduli software e dispositivi, sulla base di un piano industriale condiviso e comune: contatori intelligenti, sensori ed attuatori, sistemi di acquisizione e conversione di protocolli (gateway), applicazioni di intelligenza artificiale per la profilatura dei consumi, la previsione degli stessi  ed il trading dell’energia.  Le componenti della piattaforma sono sviluppate in accordo con le specifiche del modello di comunicazione Cisco EnergyWise, alla base del quale c’è l’assunzione che la rete dati sia un sistema intelligente in grado di acquisire, adattare ed aggregare le informazioni utili e di presentarle ai sistemi di gestione per dominio energetico.

La soluzione indirizza in particolare la gestione del profilo energetico di macro aree urbane (o “distretti”) che, nella visione Cisco, grazie ad un utilizzo evoluto dell’intelligenza integrata nella Rete saranno il cuore di una società “smart & connected” in grado di svilupparsi in modo sostenibile per l’uomo e l’ambiente.

L’iniziativa EnergyWise applica un modello di collaborazione tra Cisco Italia e le eccellenze della PMI, definito “Innovation and Adjacent markets”, che prevede l’interazione tra le parti nella progettazione di sistemi informatici che rispondano alle necessità di mercati in forte sviluppo (es. Energy e Sanità) oppure aree tematiche di interesse nazionale (es. dematerializzazione e digitalizzatione).

Il modello è stato ideato da Cisco Italia per accelerare – secondo le esigenze specifiche del nostro territorio – lo sviluppo di soluzioni e servizi basati su IP in settori di mercato ad alto potenziale, creando al contempo un metodo di collaborazione operativa in grado di valorizzare e aprire nuove opportunità alle aziende italiane dotate di competenze tecnologiche o di business di eccellenza.

Caratteristiche distintive di questo modello sono, in particolare, un processo interno che affianca all’analisi di business classica l’apporto creativo e strutturato di tutte le risorse aziendali, ed un approccio verso l’esterno che costruisce con le aziende coinvolte un’ ecosistema di imprese che si proponga in modo univoco verso il mercato.

In questo modo si crea un “sistema virtuoso” capace di valorizzare il patrimonio imprenditoriale specifico del nostro paese, sfruttando una sinergia che da un lato fa leva sulla visione globale dei mercati e la disponibilità di piattaforme IP abilitanti, dall’altro si poggia sulla conoscenza dei mercati locali e sull’eccellenza delle aziende coinvolte.

Il punto è questo: non si tratta di dirigere l’innovazione, ma di dare una direzione all’innovazione” spiega David Bevilacqua, Amministratore Delegato di Cisco Italia.

 

Le aziende coinvolte da Cisco nell’iniziativa EnergyWise formano  allo stato attuale  un “Comitato Tecnico-scientifico”. Il rapporto con Cisco è ufficializzato attraverso la sottoscrizione di un protocollo di intesa e la partecipazione attiva al Cisco Developer Program – il programma globale che qualifica le aziende che vi aderiscono, come sviluppatori ufficiali su tecnologia/piattaforma Cisco.

La “Piattaforma Unica di Gestione del Consumo Energetico” che nascerà dalla collaborazione fra Cisco e le aziende italiane coinvolte comprenderà i seguenti elementi:

  • Raccolta dati: misurazione dei consumi energetici, conservazione dei dati così raccolti, gestione dell’erogazione e uso dell’energia, con vantaggi sia a livello di singole entità connesse al sistema (risparmi nei consumi, controllo centralizzato e in tempo reale della disponibilità di energia ecc.) sia a livello di correlazione fra le varie entità facenti parte dello stesso dominio (o “distretto”) energetico.
  • Previsione: analisi delle informazioni per correlare l’utilizzo dell’energia dei vari utenti e elaborare previsioni, anche allo scopo di evitare consumi di picco che comportino penalità economiche. Tali dati possono essere utili anche per gestire al meglio l’operatività sulla Borsa dell’Energia e per permettere una migliore pianificazione dei costi associati all’energia nei bilanci economici di aziende ed amministrazioni.
  • Amministrazione e trading dell’energia: per gestire i contratti di fornitura energetica ed avere una interfaccia utile per accedere in modo diretto al mercato dell’energia.  Disporre di strumenti di questo tipo dà maggiore supporto alle decisioni degli Energy Manager e migliora in generale le attività di gestione della fornitura di energia, permettendo anche di stipulare accordi bilaterali con le utilities.

Le aziende che abbiamo coinvolto hanno riconosciuto in EnergyWise  una piattaforma comune altamente performante,  su cui inserirsi secondo le loro specifiche competenze, cogliendo l’opportunità di entrare in un processo che coinvolge tutta la filiera dell’energia:  produttori, trader, operatori, distributori, utenti” spiega Michele Festuccia,  che coordina l’iniziativa “Innovation & Adjacent markets” di Cisco. “Dal canto nostro, possiamo contare sul meglio che si trova oggi sul mercato italiano per arricchire le nostre competenze, arrivare ad operare in modo diretto  e con una offerta completa nel settore energia, ed essere protagonisti della definizione delle Smart Grid del futuro”.

Un primo esempio di prodotto sviluppato a partire da questa iniziativa è una Managed PDU (Power Distribution Unit) da rack, compatibile con la specifica Cisco Energywise. Questo sistema fornisce la “curva di carico” per singola “presa” servita, permettendo di elaborare non solo previsioni sul consumo energetico, ma anche stime in termini di emissioni di Co2 equivalenti. Il sistema è inoltre completamente gestito da remoto con la possibilità di attivare o disattivare l’erogazione di corrente elettrica.

Le aziende italiane coinvolte attualmente nel progetto sono: Softeco Sismat, The Net Planet, NAT Style, Harpa Italia, ARS, Media Motive, Business-e,  Staer Sistemi, Compel, Umpi Elettronica, System Management, Pegasus, GFMnet, Consorzio Roma Ricerche, SoTel e IsTEch.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende