Home » Comunicati Stampa » Un cinema in difesa dell’ambiente:

Un cinema in difesa dell’ambiente

dicembre 10, 2010 Comunicati Stampa

Premio Roberto RosselliniLa serata di gala del Premio Internazionale Roberto Rossellini Maiori Film Festival si è chiusa a Maiori lo scorso 27 novembre al Centro Congressi dell’Hotel Pietra di Luna. La manifestazione, intitolata al maestro del neorealismo,  ha dedicato  un’intera  settimana a  proiezioni  ed  incontri  relativi al tema dell’ambiente e della sua salvaguardia in pieno spirito rosselliniano, cercando di fare del cinema “un’arte utile”.

Ha presenziato alla conferenza il professore Mario Alverà, uno dei pochi relatori ad essere stato addestrato personalmente dall’ex Vice Presidente Al Gore ed ammesso dall’Associazione No-Profit  ‘The Climate Project’’, un’organizzazione mondiale che nasce dall’impegno in campo ambientale di Al Gore – per questo insignito del Premio Nobel per la Pace 2007 insieme all’IPCC dell’Onu – allo scopo di realizzare un’informazione chiara per tutti, rigorosa ed esaustiva, sul tema dei cambiamenti climatici.

Numerosi i riconoscimenti attribuiti in questa undicesima edizione nel ricordo di Roberto Rossellini:

- Yann Arthus Bertrand per il film Home, un vero e proprio inno alla bellezza del nostro pianeta e alla sua delicata armonia, attraverso fantastici paesaggi di 54 paesi catturati solo dall’alto. Il regista e fotografo francese ci porta in  un viaggio spettacolare sopra tutto il pianeta Terra.  Home è molto di più di un magnifico film-documentario, è una lunga sequenza di inquadrature mozzafiato della Terra come non si è mai visto prima.

- Walt Disney Italia per film “Earth. La nostra Terradi  Alastair Fothergill e Mark Linfield, prodotto da Disneynature. Earth racconta le stagioni, attraverso un viaggio dal Polo Nord al Polo Sud, narrando la vita di tre famiglie: quella degli orsi polari (più che altro di una madre orsa e dei due cuccioli); quella di un elefantessa e del suo cucciolo nel deserto del Kalahari; quella di una balena megattera e il suo balenottero. Per realizzare Earth sono stati necessari cinque anni di produzione, mille ore di riprese, quaranta troupe specializzate; per la prima volta sono state utilizzate delle cineprese super high speed al di fuori di uno studio cinematografico.

– Gaetano Pascale, responsabile di Slow Food Campania, per il film Terra madre (2009) di Ermanno Olmi. Un maestro del cinema mondiale  propone il proprio punto di vista sul grande tema del cibo e sulle implicazioni economiche, ecologiche, sociali ad esso correlate. Ermanno Olmi costruisce un documentario, un film d’inchiesta limpidamente autoriale, che fa i conti con il destino del pianeta. Una poetica riconoscibile e riconducibile a tutta la sua opera precedente ma sorprendente per la sua unicità formale nel panorama del genere documentario.

– Mario Alverà per “The Climate Project”, l’organizzazione mondiale che nasce dall’impegno in campo ambientale di Al Gore allo scopo di realizzare un’informazione chiara per tutti, ma rigorosa ed esaustiva, sul tema dei cambiamenti climatici.

– Federica Masin, executive creative producer, per Current TV, il network televisivo internazionale di informazione indipendente particolarmente sensibile alle tematiche ambientali, fondato nel 2005 da Al Gore, premiato nel 2007 con un Emmy Award per il suo originale servizio TV interattivo, piattaforma cross-mediale attiva 24 ore su 24 che integra televisione e internet e si fonda sul concetto degli User Generated Content (contenuti generati dagli utenti). Conta dunque sulla partecipazione attiva di un pubblico  pronto a proporre e fruire dei contenuti con l’intento di creare una coscienza collettiva attraverso lo scambio partecipativo d’informazioni da ogni angolo del pianeta.

– Guglielmo Pepe, direttore, per la rivista National Geographic che da sempre si è prefissata di incrementare e diffondere la conoscenza geografica e allo stesso tempo di promuovere la protezione della cultura dell’umanità, della storia e delle risorse naturali.

– Giuseppe Onufrio, direttore esecutivo, per Greenpeace, uno dei più grandi movimenti ambientalisti del mondo. Greenpeace è un’associazione non violenta, che utilizza azioni dirette per denunciare in maniera creativa i problemi ambientali e promuovere soluzioni per un futuro verde e di pace. Greenpeace è indipendente e non accetta fondi da enti pubblici, aziende o partiti politici.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende