Home » Comunicati Stampa » Un magazzino tutto “verde”:

Un magazzino tutto “verde”

dicembre 2, 2009 Comunicati Stampa

Nuovo polo logisticoCoop2 PratoUn magazzino tutto “verde”. Dal tetto alle fondamenta che è già attivo e che entrerà a pieno regime a gennaio 2010 quando sarà completato l’utilizzo delle scaffalature e saranno trasferite lì le sedi del consorzio logistico e per gli acquisti non alimentari. Da qui si movimenterà qualcosa come 730.000 metri cubi di merci destinate a rifornire i reparti non food di oltre 1400 punti vendita Coop in tutta Italia. “Un esempio di razionalizzazione logistica oltre che un polo all’avanguardia dal punto di vista ambientale –spiega Maurizio Martini, presidente Consorzio Nazionale Non Alimentari Coop Italia- Per Coop è un investimento significativo (pari a poco meno di 100 milioni di euro di cui 13,5 soltanto per l’impianto fotovoltaico) che abbiamo voluto fare perseguendo la logica della razionalizzazione del trasporto merci che abbiamo avviato già dal 2004 ottimizzando il rifornimento e garantendo sempre viaggi a pieno carico. Seguendo questa logica abbiamo ottenuto già egregi risultati: dal 2006, da quando abbiamo cominciato il processo di centralizzazione acquisti e consegne dei fornitori tutti gli indicatori di efficienza logistica sono migliorati: dal valore medio per metro cubo di merce, al costo logistico per metro cubo movimentato, al costo logistico complessivo sul volume di vendite. Avevamo fra gli obbiettivi la realizzazione di un grande magazzino centrale per ridurre ancora i costi di navettaggio e movimentazione fra i molti depositi che avevamo. Da qui la nascita di un nuovo, grande polo della logistica Coop per i non alimentari”.

Il nuovo polo logistico è parte integrante di un impegno di Coop nei confronti dell’ambiente che data da tempi non sospetti. Il criterio della progettazione sostenibile è riferimento per tutti gli ultimi insediamenti. Solo sul fotovoltaico ad esempio Coop prevede entro la fine del 2009 la messa in funzione di circa 50 impianti per complessivi 12000 kW, equivalenti a un investimento di oltre 50 milioni di euro sostenuti dalle 9 grandi cooperative di consumo. “Dai consumatori ai fornitori ai singoli punti vendita. La sensibilizzazione avviata da Coop sui temi dell’ambiente procede a tutto campo- conferma Aldo Soldi, presidente Coop-Ancc (Associazione Nazionale Cooperative di Consumatori)-  Tuttora abbiamo in corso due importanti campagne consumeriste sul risparmio energetico (“Risparmia le energie” che coinvolge 2500 famiglie in tutta Italia e “Coop For Kyoto” che interessa 151 stabilimenti produttivi fornitori di prodotto a marchio) e continua il lavoro di Inres (il nostro consorzio di progettazione) per ideare e costruire edifici secondo criteri di efficienza e di rigore ambientale. Prima si valutano i consumi di energia, acqua, la produzione dei rifiuti, le emissioni rumorose, il traffico indotto; poi si scelgono tecnologie e sistemi di gestione in grado di ridurre emissioni e consumi per arrivare all’obiettivo di un punto vendita a “impatto zero”. Il magazzino di Prato rientra a pieno titolo negli ottimi risultati raggiunti come ad esempio Rimini dove nel 2005 è nato il primo ipercoop in Italia che ha azzerato le emissioni di CO2 da riscaldamento e condizionamento, Ascoli Piceno dove si trova l’unico ipermercato della grande distribuzione che ha ottenuto la registrazione di eccellenza ambientale Emas, o Sesto Fiorentino (Fi) dove si trova il primo centro commerciale in Italia che ha ottenuto la certificazione di sostenibilità secondo protocollo Itaca-Sustainable Building”.

Le caratteristiche ambientali del nuovo polo logistico- Il nuovo edificio occupa un’area di 100.000 mq circa ed è costituito da un fabbricato ad uso magazzino di 50.000 mq di superficie, di una palazzina uffici di circa 7700 mq suddivisi su 4 piani, oltre a circa 35.000 mq fra piazzali di manovra e aree di sosta. L’acciaio e l’uso di ampie vetrate caratterizzano architettonicamente l’intera struttura.

Il tetto ospita l’impianto fotovoltaico primo per dimensione in Italia tra gli impianti montati su un singolo edificio e tra i primi venti in Europa. Progettato da Inres, si compone di 15.650 pannelli in silicio policristallino forniti da Mitsubishi Electric che vanta oltre 25 anni di esperienza nell’industria solare, una superficie pari a quella di 5 campi da calcio e una produzione a regime, di 3.200.000 kWh di energia elettrica. Una produzione questa che consente di non immettere in atmosfera 1.860.000 kg di anidride carbonica all’anno. Pari al consumo medio annuale di 1185 famiglie o al consumo annuale di 14200 frigoriferi in classe A+ o di 22.000 personal computer in classe A Energy Star. L’anidride carbonica risparmiata in un anno equivale a quella assorbita da 2650 alberi nella loro intera vita. In termini energetici complessivi, l’impianto non solo sarà in grado di soddisfare al completo fabbisogno di energia del nuovo polo logistico, ma produrrà un quantitativo di energia eccedente; il surplus, stimato in 500.000 Kw, sarà immesso e ceduto sulla rete di distribuzione nazionale.

L’impianto sul tetto è inoltre integrato da 5 inseguitori solari, costituiti da 60 pannelli fotovoltaici Mitsubishi Electric, della potenza complessiva di 11,4 kW posizionati all’entrata del parcheggio che si orienteranno per massimizzare la produzione.

L’intera progettazione dell’edificio, ad opera di Tecnopolis, è comunque stata sviluppata integrando tra loro le migliori soluzioni atte alla riduzione dei consumi energetici e dei carichi ambientali, tanto da poter essere considerata un esempio di sviluppo sostenibile. In particolare, il riscaldamento dei magazzini è ottenuto con un sistema a pannelli radianti a pavimento a bassa temperatura, ottenendo una migliore uniformità, un miglior confort e un alto rendimento climatico, l’utilizzo di caldaie a condensazione per la produzione di acqua calda per riscaldamento garantisce un’alta efficienza energetica, l’acqua calda per uso sanitario e mensa è ottenuta con pannelli solari termici, il condizionamento della sala CED è realizzato con macchine modulanti a alta efficienza per un  risparmio superiore al 60% rispetto ai sistemi tradizionali, tutta l’illuminazione è garantita da  lampade fluorescenti corredate di reattori in grado di accendersi automaticamente comandati da  sonde di luminosità opportunamente posizionate permettono di misurare l’effettivo contributo dell’irraggiamento solare all’interno dei magazzini dotati di ampi shed finestrati che garantiscono la luce naturale e fanno da supporto all’impianto fotovoltaico.

Le curiosità- Il cantiere, aperto nel maggio 2008 con le prime opere di realizzazione delle fondazioni, si è chiuso nell’ottobre di quest’ anno. Mediamente vi hanno lavorato 120 persone  con punte di 230 lavoratori. Presenza di lavoratori dell’Est europa (Kirkisistan, Ucraina, Moldavia) e Africa. Un melting pot di nazionalità; in totale sono 15 i Paesi rappresentati (compresa l’Italia).

Coop Italia ha stretto un rapporto di collaborazione con il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci; nell’atrio d’ingresso con cadenza annuale saranno proposte opere d’arte contemporanea della collezione. La prima installazione, visibile già dal giorno dell’inaugurazione, dal titolo “Invaders” è opera dell’artista Paolo Masi. Una serie di cerchi in plexiglas colorati e distribuiti come una libera pennellata di colore sulla parete, colloquia con l’ambiente che l’accoglie e cambia la percezione dello spazio architettonico.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende