Home » Comunicati Stampa » Venezia modello di Green Airport:

Venezia modello di Green Airport

giugno 30, 2010 Comunicati Stampa

Courtesy of PistolatoE’ stata presentata nei giorni scorsi, alla presenza delle più importanti società di gestione aeroportuale italiane e compagnie aeree, la prima applicazione mondiale di un nuovo modello di analisi volto a migliorare sensibilmente la sostenibilità ambientale degli aeroporti.

Si tratta del “Green and Efficient Airport”, approccio studiato e lanciato da Siemens che si basa su un “health check” mirato ad individuare e quantificare l’attuale livello di consumi energetici e delle emissioni di CO2 dello scalo, e soprattutto a suggerire una
serie di leve con le quali intervenire.

In meno di due mesi, presso lo scalo di Venezia, un gruppo di lavoro formato da tecnici SAVE e dagli specialisti di Siemens della divisione Mobility, attivi nella business unit Infrastructure Logistics, ha studiato il modello di funzionamento energetico dell’aeroporto, con particolare attenzione alla generazione locale di energia e all’utilizzo di energie rinnovabili.
Sono state così evidenziate 68 leve di miglioramento – relative principalmente a energy mix, tecnologie, strategie e best practice in termini di risparmio – con un potenziale di circa il 20% di energy saving, un ritorno sull’investimento che per le principali soluzioni proposte risulta compreso tra 1 e 5 anni, ed un impatto finanziario positivo massimo di 1,2 milioni di euro/anno.

In 4 settimane, il team di lavoro è stato in grado di ultimare dapprima la valutazione dell’attuale stato dei consumi energetici, quindi l’elaborazione delle proposte di ottimizzazione del fabbisogno relativo ad una struttura complessa, quale è appunto un fabbricato aeroportuale.

Lo studio si è sviluppato attraverso le seguenti fasi:
• prima settimana: lavoro on site, basato su interviste mirate ad offrire una base line di partenza;
• seconda settimana: raccolta di dati e informazioni di dettaglio;
• terza settimana: revisione e verifica delle soluzioni;
• quarta settimana: verifica e finalizzazione di tutti i dati e soluzioni.

In particolare, i risultati dello studio hanno:
• descritto in modo dettagliato 30 leve di miglioramento energetico con analisi costi/benefici,
• investigato 27 possibilità di risparmio energetico,
• approfondito ulteriormente 5 tecnologie, ritenute nel contesto specifico le più adatte per una efficace implementazione.

Lo studio si è basato in particolare su un approccio olistico dello stato di salute dell’intero aeroporto, sia in termini di tecnologie che di processi.
Sulla base di differenti approcci (top down e bottom up), sono state fornite chiare proiezioni per l’aeroporto relativamente a:
• comparazione delle “prestazioni energetiche” rispetto ad un benchmark internazionale
• valutazione delle possibili riduzioni delle emissioni di CO2
• risparmi energetici
• impatto finanziario (calcolo del Ritorno dell’Investimento).

L’approccio al problema dei consumi energetici di un aeroporto proposto da Siemens ed adottato per la prima volta a Venezia dimostra come sia possibile individuare il quadro completo dello stato energetico di uno scalo in poche settimane.
Attraverso questo studio, il Gruppo SAVE continua a perseguire l’interesse più generale degli operatori aeroportuali, delle compagnie aeree, degli stakeholder e della comunità locale circostante, in termini di sempre maggiore attenzione nei confronti delle problematiche ambientali connesse all’attività aeroportuale.

“I risultati presentati oggi – afferma Giuliano Busetto, CEO Industry Sector di Siemens S.p.A. – confermano ancora il posizionamento unico di Siemens in termini di sviluppo sostenibile. Ciò è possibile grazie al nostro portfolio ambientale, in cui il
settore Industry e la divisione Mobility giocano un ruolo fondamentale, con casi di eccellenza sviluppati in Italia come il progetto con SAVE per l’aeroporto di Venezia”.

“Energia pulita e risparmio energetico – dichiara Enrico Marchi, Presidente di SAVE – sono temi ormai imprescindibili in tutti gli ambiti della nostra esistenza, sia privata che pubblica. Il lavoro realizzato con Siemens è un passo importante nella direzione
di “green airport”, sulla base di un modello che coniuga rispetto delle esigenze ambientali con l’attenzione ai consumi energetici e al risparmio di costi”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende