Home » Comunicati Stampa »Normative » Verso il Testo Unico sull’Agricoltura Biologica. La soddisfazione di Federbio:

Verso il Testo Unico sull’Agricoltura Biologica. La soddisfazione di Federbio

marzo 20, 2017 Comunicati Stampa, Normative

La Commissione Agricoltura della Camera ha approvato, il 16 marzo, il testo unico sull’agricoltura biologica, da anni atteso dall’intero comparto. Il testo, che sarà trasmesso alle commissioni competenti in sede consultiva per l’espressione del parere di competenza, ha l’obiettivo di mettere ordine e dare valore a un settore in costante crescita e sempre più in grado di rispondere alle richieste dei nuovi consumatori.

I deputati Massimo Fiorio e Alessandra Terrosi, rispettivamente primo firmatario e relatore della proposta di legge, hanno messo in evidenza come l’obiettivo del provvedimento sia quello di riconoscere l’agricoltura biologica “quale attività di interesse nazionale con funzioni sociali ed economiche rilevanti, capace di promuovere la sicurezza alimentare ed il benessere degli animali e ridurre le emissioni nocive”.

L’approvazione del testo di legge è stata accolta con entusiasmo da FederBio, secondo cui il provvedimento permetterà all’Italia di fare finalmente proprio il riconoscimento espresso dall’Unione Europea. Da una decina di anni, infatti, l’Europa ha preso atto delle importanti funzioni sociali della produzione biologica: la fornitura di beni pubblici che contribuiscono alla tutela dell’ambiente, il benessere degli animali e lo sviluppo rurale, assieme all’alimentazione di un mercato che risponde alla crescente domanda mondiale di prodotti biologici.

“Esprimiamo il nostro apprezzamento in merito al fatto che una legge dello Stato definisca l’agricoltura biologica come ‘attività di interesse nazionale – commenta il Presidente di FederBio Paolo Carnemolla – “non fosse altro perché ciò costituisce il riconoscimento dell’impegno di oltre 60.000 aziende agricole che si prendono cura dell’ambiente e del territorio, senza utilizzare nei loro campi nemmeno un grammo di concimi e pesticidi chimici di sintesi, e delle oltre 8.000 imprese che trasformano la materia prima prodotta da più di un milione e mezzo di ettari (oltre il 12% della superficie agricola complessiva italiana), un settore virtuoso con circa 250.000 addetti, in gran parte composto da giovani e donne istruiti, dinamici e fortemente impegnati.”

In qualità di organizzazione che rappresenta tutti gli attori della filiera biologica, FederBio, spiega il Presidente, si rende disponibile a portare il proprio contributo per la redazione del Piano d’Azione Nazionale per l’Agricoltura Biologica e i Prodotti Biologici, da aggiornare annualmente come previsto dal DDL. Il Piano dovrà essere coerente all’obiettivo di favorire la conversione al biologico delle imprese agricole e agroalimentari, di rafforzare l’organizzazione della filiera, di incentivare il consumo, di potenziare il sistema di controllo e, non da ultimo di incentivare la ricerca e l’innovazione.

FederBio è inoltre già impegnata ad aprire il cantiere per un organismo interprofessionale unico per il settore, in linea con i parametri indicati dal testo approvato.

L’incidenza del comparto biologico in Italia fotografa un paese sempre più cosciente delle potenzialità e dei benefici che questo tipo di agricoltura porta con sé.

L’Italia è infatti il sesto Paese al mondo per superficie sottratta all’uso dissennato della chimica in agricoltura, il nono per incidenza dell’agricoltura biologica rispetto a quella complessiva e per tasso d’incremento delle superfici biologiche.

In Europa, l’Italia detiene inoltre il primato per numero di aziende agricole biologiche e, a livello internazionale, è il settimo mercato mondiale per consumo di prodotti biologici. Leader mondiale per quantità di prodotti biologici al mondo, l’Italia è al primo posto anche per la produzione di agrumi biologici, al secondo posto al mondo per l’apicoltura e per la produzione di ortaggi, di uva e di olive, al terzo posto per la produzione di frutta, al quarto posto per le leguminose.

I dati degli istituti pubblici di ricerca guardano allo sviluppo della produzione biologica come soluzione per permettere la salvaguardia di un ambiente duramente provato e per garantire la sicurezza e la qualità dell’alimentazione. Basti pensare che le ricerche condotte denunciano che il 63,9% delle acque superficiali del nostro Paese è contaminato da pesticidi - nel 21,3% dei casi in concentrazioni superiori ai limiti ammessi per legge – e che il 31,7% delle acque sotterranee è contaminato. A ciò si aggiungono i dati ARPA, ASL e Istituti Zooprofilattici che evidenziano come l’agricoltura convenzionale nel 2015 abbia portato sulle tavole degli italiani il 66.1% della frutta e il 30,9% degli ortaggi con residui di pesticidi.

L’agricoltura biologica è perciò un valido alleato per la salute e la sicurezza alimentare. Una tesi avvalorata, tra i molti studi sul tema, anche dal rapporto scientifico commissionato l’anno scorso dal Parlamento Europeo. Dal rapporto emerge che il consumo di cibo biologico è correlato alla riduzione del rischio di malattie allergiche e di obesità, e alla diminuzione degli effetti negativi sullo sviluppo cognitivo e neurologico dei bambini, causati dagli attuali livelli di esposizione di insetticidi, in particolare durante la gravidanza e l’infanzia. Le colture biologiche hanno infatti un tenore di cadmio inferiore a quelle convenzionali, il latte e la carne biologici presentano una maggior quantità di acidi grassi omega3, il rifiuto degli antibiotici nella produzione animale riduce al minimo il grave problema dell’antibiotico-resistenza, con benefici per la salute pubblica potenzialmente considerevoli.

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende