Home » Comunicati Stampa »Progetti » Verso una gastronomia “ecologica”: presentato il Manifesto di Pollenzo:

Verso una gastronomia “ecologica”: presentato il Manifesto di Pollenzo

giugno 17, 2014 Comunicati Stampa, Progetti

Viene dall’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo un contributo all’Italia e all’Europa per ridefinire la propria identità a partire da un elemento centrale come la questione agricola e la sicurezza alimentare. A dirlo è stato il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina, alla presentazione del Manifesto di Pollenzo in occasione del Decennale dell’Unisg: “Grazie per questi 10 anni, per la straordinaria intuizione che avete avuto e per il lavoro fatto fino a ora. Siamo in un momento storico in cui l’Italia e l’Europa non sono più al centro del mondo, e per ridefinire la propria identità devono aprirsi a un dialogo tra pari, senza l’arroganza di chi già sa ma con l’approccio di chi ancora non conosce. Dopo le ultime elezioni e in vista del semestre europeo di presidenza italiana è necessario ridefinire l’identità europea, e le istituzioni da sole non riescono. Questo Manifesto potrà dare un contributo significativo alla discussione sulla questione alimentare, in vista del semestre europeo di presidenza italiana. La produzione e il consumo di cibo rappresentano un tema geopolitico nodale, in quanto possono cambiare i rapporti tra gli stati. In questo Manifesto vedo l’originalità della proposta italiana. Del resto, l’esempio siete voi, che avete avuto una visione alta e lungimirante con la creazione di questo ateneo”.

Il Manifesto di Pollenzo, presentato dal professor Nicola Perullo alla platea dei partner strategici dell’Università di Scienze Gastronomiche (aziende ed enti che sostengono l’attività didattica dell’ateneo), ha l’ambizione di diventare il punto di riferimento delle scienze gastronomiche del XXI secolo, intese come un terreno di saperi che dialogano attivamente e dinamicamente tra loro. Una scienza della vita e della quotidianità che riguarda tutta la nostra esistenza, non soltanto il piacere monetizzato del tempo libero, e che si sviluppa in diversi ambiti di ricerca: beni comuni e tecnologia; diritto del cibo e giustizia; biodiversità e sostenibilità agricola, biodiversità e sostenibilità culturale; benessere, piacere, convivialità; identità, tradizione e autenticità; gusto, esperienza, pratica e teoria.

Il documento, sintesi del modello didattico dell’Università di Pollenzo, verrà sottoposto a livello internazionale a donne e uomini di pensiero chiamati a condividerne l’ispirazione e a portare contributi: “Il Manifesto può essere un punto di partenza straordinario per il pensiero che il mondo dovrà sviluppare attorno alle tematiche dell’alimentazione”, ha sottolineato Carlo Petrini, presidente dell’Unisg. “Non è un documento chiuso all’ambito accademico ma un lavoro di ricerca e condivisione aperto ai contributi di quella moltitudine di persone che dedicano la loro vita alla produzione del pane quotidiano, alla distribuzione del cibo e alla sua fruizione intelligente. Anche in vista delle grandi sfide che questo momento ci pone, prima fra tutti la vergogna della morte per fame, che non ha più senso in un mondo dove quasi il 40% della produzione viene buttato via. Le questioni poste dal Manifesto sono una sfida anche per il sistema Paese Italia e che parta da Pollenzo mi inorgoglisce, come penso tutti gli italiani. Il Manifesto supera la visione antropocentrica della gastronomia, riconoscendo i diritti della natura e delle altre specie. È l’essenza stessa di un nuovo umanesimo quello che vede il cibo energia della vita essere riconosciuto come vita stessa“.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende