Home » Comunicati Stampa » WWF: rafforzare il ‘greening’ con regole vincolanti per tutti i Paesi Ue:

WWF: rafforzare il ‘greening’ con regole vincolanti per tutti i Paesi Ue

novembre 30, 2011 Comunicati Stampa

“Dichiarare di voler promuovere un’agricoltura  più sostenibile e produttiva ed allo stesso tempo  delegare agli Stati  membri dell’Unione Europea e alle Regioni l’applicazione delle misure comunitarie  necessarie - ovvero quelle previste dal ‘greening’ della Politica Agricola Comune (PAC) e in grado di rendere l’agricoltura più rispettosa della biodiversità e della sicurezza del territorio (attraverso siepi, superfici erbose che facilitano l’assorbimento dell’acqua ecc.) – è una contraddizione in termini, che non aiuta gli agricoltori italiani  e  delude le aspettative dei cittadini consumatori”. Così il WWF Italia commenta la richiesta per una maggiore autonomia decisionale da parte degli Stati membri dell’Unione Europea e, per l’Italia, delle Regioni, (principio  di  sussidiarietà)  nell’applicazione  del  ‘greening’,  presentata  ieri  da  Coldiretti  al Commissario all’Agricoltura UE, Dacian Ciolos, e al Presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo, Paolo de Castro.

Delegare agli Stati membri e alle Regioni i criteri minimi di sostenibilità ambientale nella gestione delle terre e delle  filiere produttive significherebbe, per l’Italia, cancellare operativamente ogni buona intenzione dichiarata fino ad ora con il greening proposto dalla Commissione UE.

Il WWF condivide invece la proposta di Coldiretti di garantire meccanismi di pagamento che assicurino i contributi dell’Unione Europea solo ai cosiddetti ‘agricoltori attivi’, ovvero coloro che realmente traggono il loro reddito dall’attività agricola – e non siano semplicemente proprietari terrieri – e che pertanto sono i veri custodi del territorio e dei beni comuni, come acqua, biodiversità e clima.

Servono  regole  certe  e  vincolanti  per  tutti,  senza  possibilità  di  scorciatoie. L’attuale programmazione,  invece, che ha delegato alle Regioni le decisioni sulle misure ambientali, ha portato a risultati deludenti e poco  efficaci: solo quattro Regioni italiane hanno ad esempio attivato la misura dell’indennità ‘Natura 2000’ nei  rispettivi Programmi di Sviluppo Rurale (PSR) che riconosce agli agricoltori un rimborso sul mancato reddito dovuto all’applicazione delle  norme  a  tutela  della  biodiversità  (in  attuazione  delle Direttive  comunitarie   per   la conservazione della Natura).

L’analisi dei PSR delle diverse Regioni, svolta dalla LIPU evidenzia inoltre  che solamente il 2,56% dei fondi sono  destinati a misure ed interventi favorevoli alla biodiversità degli ambienti agricoli. Simile è anche la percentuale di  fondi destinati a misure ed interventi a favore della biodiversità degli ambienti forestali (2,71%).

Lo scopo finale del WWF è fermare e far  regredire  il degrado dell’ambiente naturale del nostro pianeta e contribuire a costruire un futuro in cui l’umanità possa vivere in armonia con la natura.

Il WWF chiede al Parlamento e alla Commissione europea di resistere alle pressioni che arrivano dal Governo e dal mondo agricolo italiano per un greening della PAC più ‘leggero’ e di rafforzare le misure per la sostenibilità piuttosto che indebolirle come invece richiesto dal mondo agricolo italiano. I cittadini europei  chiedono impegni seri e inderogabili per assicurare un’agricoltura più sostenibile per l’ambiente, in grado di  contribuire alla soluzione delle gravi emergenze ambientali come la perdita di biodiversità, la gestione sostenibile dell’acqua, la sicurezza del suolo ed i cambiamenti climatici, in questi giorni al centro del vertice ONU di Durban.

Secondo il WWF, le proposte della Commissione UE per rendere più sostenibile la prossima PAC 2014 –  2020  sono al momento ‘deboli’ rispetto alla complessità e gravità delle crisi ambientali a livello globale e nazionale. Solo il 30% dei pagamenti diretti alle aziende agricole previste dal primo pilastro della PAC sarebbe  vincolato a pratiche virtuose per l’ambiente e il greening prevede di destinare appena il 7% della superficie aziendale alle aree naturali, essenziali per mettere oggi in sicurezza il nostro territorio.

La riforma della PAC propone misure insufficienti per cambiare rotta rispetto ad un utilizzo non sostenibile delle terre, all’elevato rischio idrogeologico – che continua a seminare vittime nel nostro Paese  -  perdita  di  biodiversità  ed  emissione  di  gas  climalteranti,  in  particolare  dal  comparto zootecnico con produzione intensiva.

E’ quindi incomprensibile la netta opposizione al greening della PAC da parte del mondo agricolo italiano condivisa dal neo Ministro dell’Agricoltura Mario Catania.

La  discussione  sul  greening nella  riforma  della  PAC  e  le  decisioni  che  saranno  assunte  dal Parlamento Europeo nei prossimi mesi saranno la testimonianza più significativa della reale volontà di perseguire anche in agricoltura modelli di sviluppo sostenibili per l’ambiente.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

novembre 24, 2016

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ieri mattina ha accolto la richiesta di Greenpeace e del Pesticide Action Network (PAN) Europe stabilendo che i test di sicurezza condotti dalle aziende chimiche per valutare i pericoli dei pesticidi devono essere resi pubblici. Per la Corte di Giustizia questi studi rientrano infatti nell’ambito delle “informazioni sulle emissioni nell’ambiente“, [...]

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

novembre 24, 2016

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

Guido Barilla, Presidente della Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition, ha incontrato ieri il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per presentare il 7° Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione dal titolo “Mangiare Meglio, Mangiare Meno, Mangiare Tutti” che si terrà il 1° dicembre 2016, all’Università Bocconi di Milano. Un grande evento interdisciplinare per creare un [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende