Home » Comunicati Stampa »Progetti » Youth4EJ, una piattaforma online per denunciare l’ingiustizia ambientale:

Youth4EJ, una piattaforma online per denunciare l’ingiustizia ambientale

aprile 6, 2017 Comunicati Stampa, Progetti

Youth4EJ è un osservatorio online pensato per stimolare i giovani ad analizzare con spirito critico vicende o eventi che hanno  avuto o continuano ad avere conseguenze, impatti o danni ambientali su luoghi o comunità. Inquinamento, contaminazioni del suolo, distruzione degli ecosistemi o danni alla salute: chiunque sia a conoscenza o sia stato testimone di casi di questo tipo può raccontarli attraverso la piattaforma. E farsi così portavoce di un messaggio importante: la salute dell’ambiente e delle comunità deve essere un diritto universalmente riconosciuto, in tutti gli Stati e a tutte le latitudini.

Sulla piattaforma sono già stati segnalati decine di casi da molti giovani europei – dalla Slovenia alla Grecia, dall’Estonia all’Italia – anche riguardanti situazioni critiche in altri continenti. Tra i più significativi, le conseguenze della pesca con la dinamite nell’Arcipelago Myeik, in Myanmar; gli scarichi di colorante nel fiume Jian a Luoyang, in Cina; fuoriuscite di gas in Alaska che mettono in pericolo la sopravvivenza dei beluga; la distruzione della foresta Toolangi in Australia.

L’osservatorio offre un valido supporto non solo per far conoscere e diffondere casi di inquinamento poco conosciuti, ma anche un mezzo per informarsi su quanto sia grave e attuale il problema ambientale in ogni parte del mondo. La conoscenza e la diffusione sono infatti il primo passo per cambiare le cose, e Youth4EJ si propone come lo strumento adatto per rafforzare un processo di consapevolezza critica e di cambiamento.

Per segnalare i casi basta accedere alla piattaforma e cliccare sulla sezione “Report a case”. Alcuni casi verranno poi approfonditi  e condivisi su forum e social network attraverso una campagna a livello nazionale ed europeo.

Youth4EJ è un’iniziativa promossa nell’ambito del progetto SAME World, co-finanziato dall’Unione Europea con lo scopo di sensibilizzare i cittadini – in particolare studenti e insegnanti – su temi come i cambiamenti climatici, le migrazioni ambientali e la giustizia ambientale e incoraggiare l’adozione di stili di vita più sostenibili. Tra i partner del progetto è coinvolto anche l’Istituto Oikos di Milano, che si occupa di conservazione delle risorse naturali e sviluppo sostenibile.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende