Home » Comunicati Stampa »Progetti » Youth4EJ, una piattaforma online per denunciare l’ingiustizia ambientale:

Youth4EJ, una piattaforma online per denunciare l’ingiustizia ambientale

aprile 6, 2017 Comunicati Stampa, Progetti

Youth4EJ è un osservatorio online pensato per stimolare i giovani ad analizzare con spirito critico vicende o eventi che hanno  avuto o continuano ad avere conseguenze, impatti o danni ambientali su luoghi o comunità. Inquinamento, contaminazioni del suolo, distruzione degli ecosistemi o danni alla salute: chiunque sia a conoscenza o sia stato testimone di casi di questo tipo può raccontarli attraverso la piattaforma. E farsi così portavoce di un messaggio importante: la salute dell’ambiente e delle comunità deve essere un diritto universalmente riconosciuto, in tutti gli Stati e a tutte le latitudini.

Sulla piattaforma sono già stati segnalati decine di casi da molti giovani europei – dalla Slovenia alla Grecia, dall’Estonia all’Italia – anche riguardanti situazioni critiche in altri continenti. Tra i più significativi, le conseguenze della pesca con la dinamite nell’Arcipelago Myeik, in Myanmar; gli scarichi di colorante nel fiume Jian a Luoyang, in Cina; fuoriuscite di gas in Alaska che mettono in pericolo la sopravvivenza dei beluga; la distruzione della foresta Toolangi in Australia.

L’osservatorio offre un valido supporto non solo per far conoscere e diffondere casi di inquinamento poco conosciuti, ma anche un mezzo per informarsi su quanto sia grave e attuale il problema ambientale in ogni parte del mondo. La conoscenza e la diffusione sono infatti il primo passo per cambiare le cose, e Youth4EJ si propone come lo strumento adatto per rafforzare un processo di consapevolezza critica e di cambiamento.

Per segnalare i casi basta accedere alla piattaforma e cliccare sulla sezione “Report a case”. Alcuni casi verranno poi approfonditi  e condivisi su forum e social network attraverso una campagna a livello nazionale ed europeo.

Youth4EJ è un’iniziativa promossa nell’ambito del progetto SAME World, co-finanziato dall’Unione Europea con lo scopo di sensibilizzare i cittadini – in particolare studenti e insegnanti – su temi come i cambiamenti climatici, le migrazioni ambientali e la giustizia ambientale e incoraggiare l’adozione di stili di vita più sostenibili. Tra i partner del progetto è coinvolto anche l’Istituto Oikos di Milano, che si occupa di conservazione delle risorse naturali e sviluppo sostenibile.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende