Home » Eventi »Rassegna Stampa » Rapporti UNWTO e Univerde: dove va l’ecoturismo?:

Rapporti UNWTO e Univerde: dove va l’ecoturismo?

novembre 10, 2011 Eventi, Rassegna Stampa

Alla parola ecoturismo, a molti vengono ancora in mente, per contrasto, le coste cementificate e i mostri ecologici in mezzo a paesaggi incontaminati. Ma le strutture ricettive non sono l’unico elemento a pesare sull’ambiente. Bisogna considerare anche gli spostamenti, l’alimentazione, la sostenibilità dei sistemi turistici. L’ambiente è infatti messo sempre più a dura prova da un turismo che, nonostante la crisi, è in costante aumento. Secondo i dati contenuti nell’ultimo rapporto dell’Unwto (l’Organizzazione Mondiale del Turismo), si scoprono cifre strabilianti: nel 2010 i turisti che hanno varcato la frontiera del proprio Paese sono stati 940 milioni, a cui vanno aggiunti tutti coloro che hanno fatto vacanze “domestiche”. Entro il 2012 gli arrivi potrebbero superare la soglia di 1 miliardo ed entro il 2015 le economie emergenti supereranno, in termini di arrivi turistici internazionali, quelle avanzate. Entro il 2030, si arriverà, di questo passo, a 1,8 miliardi di turisti internazionali nel mondo, ad un ritmo di 43 milioni di turisti in più all’anno, poco meno dell’intera popolazione spagnola.

In occasione di Ecomondo, la fondazone Univerde dell’ex Ministro Alfonso Pecoraro Scanio ha organizzato un convegno per analizzare, alla luce di questi nuovi dati, il Primo Rapporto sul Turismo Sostenibile ed Ecoturismo, realizzato alcuni mesi fa insieme a Ipr Marketing. Viste anche le previsioni dell’Unwto, il turismo sostenibile appare una strada obbligata e sempre più necessaria: l’unico modo per consentire al pianeta di “reggere” gli spostamenti di milioni di persone.

La tendenza è comunque fortunatamente crescente nelle scelte di viaggio degli italiani: la ricerca di Univerde ha infatti registrato il boom dell’interesse per il turismo ecologico, la natura, i parchi, la riconversione ecologica delle realtà ricettive, ma anche una crescente preoccupazione, specie nei giovani, per i danni che il turismo può causare all’ambiente. La sostenibilità della vacanza è considerata una necessità dall’83% degli italiani, mentre il 63% degli intervistati (percentuale che tra i giovani sale oltre l’80%) indica la cementificazione come il primo dei danni che un turismo malgestito può causare all’ambiente. Ad essa si aggiungono però molte altre minacce possibili, in particolare per quanto riguarda le emissioni di Co2 e l’effetto serra: «Nel Rapporto 2012 sarà approfondito il rapporto tra turismo e cambiamenti climatici e il contributo che il primo può dare nella lotta a questo grave problema», spiega il presidente della fondazione Pecoraro Scanio.

Già lo studio del 2011 si è soffermato sulla mobilità sostenibile, rilevando che il treno resta al centro dell’attenzione, ma è ancora poco popolare tra i giovani. Il 58% degli intervistati preferisce la gita in canoa agli acquascooter (27%); in campagna e montagna solo il 21% preferisce il fuoristrada mentre oltre il 70% sceglie  escursioni a piedi e trekking, mentre, in relazione al cibo, oltre il 90% preferisce mangiare  prodotti locali e bio e solo il 6% è attratto dai fast food. Per quanto riguarda invece le strutture ricettive, ben il 35% dichiara di informarsi sulla loro sostenibilità ambientale e quelli che lo fanno usano soprattutto internet.

Anche nella scelta delle destinazioni la sostenibilità svolge un ruolo importante. Alla domanda “Cosa attrae di più nella scelta di una meta turistica?”, la prima risposta riguarda la natura incontaminata e le  bellezze paesaggistiche (59%), seguita da cultura, bellezze storico artistiche (57%), mentre meno della metà (23%) mette ai primi posti i luoghi di svago ben organizzato. Tra le principali motivazioni dei turisti italiani, troviamo conoscenza ed esplorazione (42%), arricchimento culturale (39% – soprattutto donne), svago e divertimento (37%), mentre sport e movimento sono in coda alla classifica (solo 5%). Se poi, a determinare la scelta, la motivazione economica resta prevalente, è tuttavia quasi raggiunta dalla motivazione ambientale (nel voto medio 7,1 a 6,8).

All’ecoturismo si collegano il trekking, le attività sportive in natura, la visita di borghi storici e la ricerca dei prodotti enogastronomici locali. Gli hotel “green” sono preferiti dal 69% a parità di prezzo e dal 25% in ogni caso, solo il 6% si dichiara non interessato alla scelta ecologica degli alberghi. Un dato ormai chiaro ai grandi gruppi alberghieri: «Nh, gruppo con 400 alberghi in Europa, ha scelto di fare investimenti massicci nella green economy, e anche Hilton sta puntando sull’ecoturismo». «Serve però – conclude Pecoraro Scanio - una politica che aiuti e incentivi le aziende che fanno questa scelta».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende