Home » Eventi » A Firenze l’orgoglio dei parchi e delle aree protette italiane:

A Firenze l’orgoglio dei parchi e delle aree protette italiane

marzo 3, 2011 Eventi

San Rossore“Quest’incontro è un punto di partenza per discutere della necessità di un vero rilancio delle aree protette in un momento di grave crisi internazionale in cui,  in Italia,  si è addirittura messa in discussione la loro esistenza. Ma ci vuole l’impegno di  tutte le istituzioni, a cominciare da Governo e Parlamento, perché i parchi rappresentano il nodo cruciale per le politiche dei territori e l’aggregazione di enti e interessi locali”.

Sono queste le parole che Renzo Moschini, promotore del “Gruppo di San Rossore”, ha pronunciato a Firenze, lunedì 28 Febbraio, presso Palazzo Bastogi, sede del Consiglio Regionale della Toscana.

A Firenze il “Gruppo di San Rossore”, nato nell’omonimo Parco situato nelle vicinanze di Pisa, ha organizzato la prima assemblea “per il rilancio dei Parchi” convocando studiosi, esperti, politici e, naturalmente, i dirigenti di altri parchi italiani, per rivendicare il giusto ruolo che i parchi devono avere in Italia.

Dall’assemblea  è emerso «l’orgoglio di rappresentare una realtà importante per il Paese, di essere parte di un movimento che lega l’Italia alle esperienze internazionali più avanzate e costituisce una chance concreta per il futuro della nostra società», come ha dichiarato Moschini.

A Firenze erano presenti molti degli oltre 700 sottoscrittori dell’appello nato a San Rossore, quando, nel mese di dicembre 2010, un gruppo di studiosi, operatori, amministratori e cittadini, si è riunito per alzare la voce e “per pretendere, per i parchi, maggiore attenzione da parte delle istituzioni, maggiore considerazione per il ruolo delicatissimo che svolgono, maggiore sostegno dall’intera società civile”: è la dichiarazione di intenti del Gruppo, dopo l’ abbandono e il  disconoscimento del ruolo delle aree protette, culminato nel pesantissimo  taglio dei finanziamenti pubblici, deciso nel luglio 2010. Un taglio che mette in  pericolo l’intero sistema della aree protette italiane. 

Già l’11 Febbraio scorso, all’interno del Parco di Migliarino-San Rossore-Massaciuccoli, era stato inaugurato il Centro Valerio Giacomini di Studi e Documentazione sulle Aree Protette, frutto della collaborazione di Regione Toscana,  Federparchi e Parco di San Rossore. Un’occasione per presentare un ‘rapporto’ sullo stato dei parchi regionali toscani e un lavoro, come ha sottolineato il presidente di Federparchi, Giampiero Sammuri, che “rappresenta il primo importante mattone nella costruzione di un edificio di conoscenza di cui i dati reali sono le fondamenta”. Il Centro nasce infatti per fornire all’azione di tutti gli operatori dei parchi e dei decisori politici, strumenti certi, utili per orientare le scelte future.

Se la situazione di crisi dei parchi dipende infatti principalmente da fattori “esterni”, è tuttavia opportuno rivolgere attenzione e valutazioni all’interno della gestione. L’incontro fiorentino del 28 febbraio ha dunque creato l’occasione per evidenziare la necessità di integrazione dei Parchi nel sistema istituzionale, prendendo ad esempio le aree protette che si sono raccolte in un’unica “area vasta”, come quella dei “Parchi di Mare e d’Appennino“, un’esperienza illustrata dal Presidente della Alpi Apuane, Nardini, alla presenza dei rappresentanti istituzionali delle tre Regioni interessate: l’ assessore Briano per la Liguria, l’assessore Bramerini per la Toscana e il dirigente Valbonesi per l’Emilia Romagna.

Al presidente del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano, Fausto Giovanelli, è inoltre toccato ricordare che “I parchi sono una metafora della difesa ambientale, che ha assunto, in ogni parte del mondo, la forma di istituzione autonoma appartenente al senso comune e la cui utilità è generalmente riconosciuta. Il valore dei parchi è centinaia di volte più elevato di quanto rappresentato da quello 0,03 per mille del Pil con il quale vengono sostenuti. Occorre che i parchi stessi sappiano accompagnare questa crescita del loro ‘valore’ con la creatività e la capacità d’iniziativa, per incrementare la buona competitività dei rispettivi territori».

E a proposito del Gruppo di San Rossore Giovanelli ha auspicato «Che sappia proporsi come “presenza culturale, come gruppo di pensiero in grado di esprimere una pressione basata sulla forza delle idee, sulla capacità di parlare non solo agli addetti ai lavori ma all’intera società».

A questo fine il Gruppo di san Rossore ha redatto, nell’ambito dei precedenti incontri, un appello sulla base del quale verranno preparati documenti e proposte concrete da presentare alle amministrazioni nazionali. L’appello è scaricabile a questo indirizzo.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende