Home » Eventi » A Firenze l’orgoglio dei parchi e delle aree protette italiane:

A Firenze l’orgoglio dei parchi e delle aree protette italiane

marzo 3, 2011 Eventi

San Rossore“Quest’incontro è un punto di partenza per discutere della necessità di un vero rilancio delle aree protette in un momento di grave crisi internazionale in cui,  in Italia,  si è addirittura messa in discussione la loro esistenza. Ma ci vuole l’impegno di  tutte le istituzioni, a cominciare da Governo e Parlamento, perché i parchi rappresentano il nodo cruciale per le politiche dei territori e l’aggregazione di enti e interessi locali”.

Sono queste le parole che Renzo Moschini, promotore del “Gruppo di San Rossore”, ha pronunciato a Firenze, lunedì 28 Febbraio, presso Palazzo Bastogi, sede del Consiglio Regionale della Toscana.

A Firenze il “Gruppo di San Rossore”, nato nell’omonimo Parco situato nelle vicinanze di Pisa, ha organizzato la prima assemblea “per il rilancio dei Parchi” convocando studiosi, esperti, politici e, naturalmente, i dirigenti di altri parchi italiani, per rivendicare il giusto ruolo che i parchi devono avere in Italia.

Dall’assemblea  è emerso «l’orgoglio di rappresentare una realtà importante per il Paese, di essere parte di un movimento che lega l’Italia alle esperienze internazionali più avanzate e costituisce una chance concreta per il futuro della nostra società», come ha dichiarato Moschini.

A Firenze erano presenti molti degli oltre 700 sottoscrittori dell’appello nato a San Rossore, quando, nel mese di dicembre 2010, un gruppo di studiosi, operatori, amministratori e cittadini, si è riunito per alzare la voce e “per pretendere, per i parchi, maggiore attenzione da parte delle istituzioni, maggiore considerazione per il ruolo delicatissimo che svolgono, maggiore sostegno dall’intera società civile”: è la dichiarazione di intenti del Gruppo, dopo l’ abbandono e il  disconoscimento del ruolo delle aree protette, culminato nel pesantissimo  taglio dei finanziamenti pubblici, deciso nel luglio 2010. Un taglio che mette in  pericolo l’intero sistema della aree protette italiane. 

Già l’11 Febbraio scorso, all’interno del Parco di Migliarino-San Rossore-Massaciuccoli, era stato inaugurato il Centro Valerio Giacomini di Studi e Documentazione sulle Aree Protette, frutto della collaborazione di Regione Toscana,  Federparchi e Parco di San Rossore. Un’occasione per presentare un ‘rapporto’ sullo stato dei parchi regionali toscani e un lavoro, come ha sottolineato il presidente di Federparchi, Giampiero Sammuri, che “rappresenta il primo importante mattone nella costruzione di un edificio di conoscenza di cui i dati reali sono le fondamenta”. Il Centro nasce infatti per fornire all’azione di tutti gli operatori dei parchi e dei decisori politici, strumenti certi, utili per orientare le scelte future.

Se la situazione di crisi dei parchi dipende infatti principalmente da fattori “esterni”, è tuttavia opportuno rivolgere attenzione e valutazioni all’interno della gestione. L’incontro fiorentino del 28 febbraio ha dunque creato l’occasione per evidenziare la necessità di integrazione dei Parchi nel sistema istituzionale, prendendo ad esempio le aree protette che si sono raccolte in un’unica “area vasta”, come quella dei “Parchi di Mare e d’Appennino“, un’esperienza illustrata dal Presidente della Alpi Apuane, Nardini, alla presenza dei rappresentanti istituzionali delle tre Regioni interessate: l’ assessore Briano per la Liguria, l’assessore Bramerini per la Toscana e il dirigente Valbonesi per l’Emilia Romagna.

Al presidente del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano, Fausto Giovanelli, è inoltre toccato ricordare che “I parchi sono una metafora della difesa ambientale, che ha assunto, in ogni parte del mondo, la forma di istituzione autonoma appartenente al senso comune e la cui utilità è generalmente riconosciuta. Il valore dei parchi è centinaia di volte più elevato di quanto rappresentato da quello 0,03 per mille del Pil con il quale vengono sostenuti. Occorre che i parchi stessi sappiano accompagnare questa crescita del loro ‘valore’ con la creatività e la capacità d’iniziativa, per incrementare la buona competitività dei rispettivi territori».

E a proposito del Gruppo di San Rossore Giovanelli ha auspicato «Che sappia proporsi come “presenza culturale, come gruppo di pensiero in grado di esprimere una pressione basata sulla forza delle idee, sulla capacità di parlare non solo agli addetti ai lavori ma all’intera società».

A questo fine il Gruppo di san Rossore ha redatto, nell’ambito dei precedenti incontri, un appello sulla base del quale verranno preparati documenti e proposte concrete da presentare alle amministrazioni nazionali. L’appello è scaricabile a questo indirizzo.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende