Home » Eventi »Idee » Achim Steiner: “l’attuale modello economico ha fallito”:

Achim Steiner: “l’attuale modello economico ha fallito”

aprile 3, 2012 Eventi, Idee

I tre giorni a cavallo del solstizio d’estate saranno, a prescindere dal clima, caldissimi. Dal 20 al 22 giugno, infatti, si svolgerà a Rio de Janeiro la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile. Un appuntamento su cui sono puntati gli occhi di tutte le associazioni ambientaliste. Forse perché sarà la nostra ultima occasione per cambiare rotta, dopo che le promesse fatte – esattamente venti anni fa – dai capi di stato e di governo, riuniti nello storico vertice del ’92 nella città brasiliana, sono state completamente tradite.

A questo riguardo è intervenuto, venerdì 30 marzo, a Roma, Achim Steiner, Vicesegretario Generale dell’Onu e Direttore Esecutivo dell’Unep (il Programma Ambientale delle Nazioni Unite), che ha tenuto una lectio magistralis (dal titolo “Imparare a vivere su un unico Pianeta”) organizzata dal Wwf e dalla Fondazione Aurelio Peccei, in collaborazione con Unicredit.

Steiner ha messo in fila le questioni che dovranno essere discusse nei tavoli della Conferenza di Rio. A partire da un dato molto semplice: «Investire il 2% del Pil mondiale annuo, in media circa 1.300 miliardi di dollari, fino al 2050 in 10 settori chiave dell’economia globale (energia, acqua, pesca, foreste, riciclaggio dei rifiuti, mobilità, agricoltura) basterebbe per uscire dalla crisi economica e ambientale e avviare la transizione verso un’economia verde». Ormai, infatti, è chiaro che «il paradigma economico del passato ha funzionato bene per molti anni, ma ha fallito. Sotto c’è un modello indifendibile dal punto di vista empirico e scientifico».

Se gli si chiede da dove ripartire, Steiner non ha dubbi: «Bisogna iniziare a trattare la natura come un fattore economico, e non come una cornucopia che non si esaurirà mai. Non si tratta di sminuire il patrimonio ambientale, ma di aggiungere il fattore economico a quello etico nel valutare la natura». Ad esempio «investiamo miliardi in tecnologie per la cattura e lo stoccaggio della CO2 senza capire che abbiamo i migliori magazzini naturali che possano esistere: le foreste, i suoli, gli oceani». In passato «abbiamo distrutto le foreste perché non si è capito il valore dei servizi ambientali offerti dagli ecosistemi», come quello, appunto, dell’assorbimento di anidride carbonica.

La conferenza di Rio, inoltre, sarà anche l’ultima occasione per rimediare al vuoto di governance mondiale in fatto di ambiente: «Le grandi economie non sono più il fattore determinante. Ci riduciamo ad agire ancora una volta su traiettorie singole, mentre servono azioni congiunte. Bisogna istituire una governance ambientale con strutture autorevoli e forti», è l’appello di Steiner, che sottolinea come «siamo ancora sulla strada sbagliata: la nostra capacità di agire è stata superata dal ritmo del degrado e dell’erosione del Pianeta».

Un messaggio che, negli stessi giorni, hanno lanciato anche i tremila scienziati riuniti a Londra per la conferenza Planet Under Pressure conclusasi il 30 marzo e organizzata da diversi programmi di ricerca sui cambiamenti globali. «Siamo di fronte a una grande accelerazione dell’impatto delle attività umane sui sistemi naturali – è l’allarme che arriva dagli studiosi – e se non agiamo subito si rischia di raggiungere le soglie di non ritorno». Quelle che il Wwf prova a delineare e quantificare in scenari che tutti sperano non si avverino mai: «Se perdiamo questa occasione le conseguenze attuali e future sarebbero drammatiche», con un’accelerazione di una serie di processi già in atto, dalla perdita delle foreste – «ogni anno ne spariscono nel mondo 13 milioni di ettari, una superficie pari a quella della Grecia» – ai declini del suolo «in termini di salute e di produttività», di cui nell’ultimo quarto di secolo ha già risentito «il 24% del territorio globale, a seguito dell’uso non sostenibile». C’è poi l’erosione delle terre causata da «alcune tipologie di agricoltura convenzionale e intensiva», che procede «a ritmi circa 100 volte superiori rispetto a quelli con cui la natura è in grado di ricreare il terreno». Inoltre, in assenza di interventi, «entro il 2030 più del 20% degli habitat terrestri, prendendo in considerazione solo i Paesi in via di Sviluppo, potrebbe essere convertito a terreni agricoli, aggravando così le perdite di vitali servizi ecosistemici e della biodiversità». Per non parlare dei cambiamenti climatici, di cui già adesso si osservano le pesanti conseguenze: «Le emissioni di gas serra continuano a crescere, spingendo il pianeta verso la soglia di un surriscaldamento del pianeta di 2 °C, al di sopra della quale gli scienziati temono che i cambiamenti ambientali potrebbero divenire irreversibili».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende