Home » Eventi »Recensioni » Al 18° Cinemambiente vincono le bici. Chiusura con i ghiacci di Luc Jacquet:

Al 18° Cinemambiente vincono le bici. Chiusura con i ghiacci di Luc Jacquet

ottobre 13, 2015 Eventi, Recensioni

A CinemAmbiente quest’anno hanno vinto le biciclette. Ed è stata una vittoria su più fronti: sul campo, o meglio, per le strade di Torino, dove le due ruote hanno nettamente schiacciato le automobili nella sfida tra “vip” diabolicamente promossa dal festival; sul piano morale, perché nei giorni dello scandalo Volkswagen, la superiorità ecologica, etica ed economica della bici risalta ancor più dal paragone; e soprattutto in ambito artistico, dove ritmo, originalità, ironia e passione hanno conquistato il primo premio del Concorso Internazionale per Fredrik Getten e il suo Bikes vs Cars.
Premiato per il suo “sguardo originale su un tema noto” e per la capacità di coinvolgere lo spettatore tanto da indurlo “a desiderare di guidare meno ed essere parte del cambiamento”, il regista svedese non ha semplicemente messo insieme dati e testimonianze che dimostrano le virtù della mobilità leggera contro la tirannia delle quattro ruote, ma è andato a cercare i motivi strutturali di tale tirannia, smascherando non solo i poteri economici, ma anche la politica e, più in alto ancora, quella concezione di urbanistica che ha creato l’attuale idea di città e ha dato forma ai luoghi in cui viviamo.

Troppo ricca per un solo premio, la sezione internazionale ha visto quest’anno ben due Menzioni speciali: al duro e poco convenzionale Life According to Ohad dell’israeliano Eri Daniel Elrich, che tratteggia un dramma familiare attorno alle scelte di un giovane attivista del movimento animalista; e al poetico The Messenger di Su Rynard, che fa dei fragili e bellissimi uccelli canori, minacciati da caccia e inquinamento, l’emblema della biodiversità da proteggere, tracciando “una mappa imprescindibile per le generazioni future nella comprensione della Natura”. Ancora tra i documentari internazionali, il Premio del Pubblico offerto da Iren è andato all’epico How to change the world di Jerry Rothwell, che ricostruisce, con interviste e rari filmati d’archivio, la storia e le origini di Greenpeace.

La battagliera protagonista di Mare carbone, che difende la sua terra d’origine – la Calabria – dall’invadenza dell’industria dei combustibili, ha conquistato la giuria del Concorso Documentari Italiani, che ha premiato il regista Gian Luca Rossi “per la vocazione democratica veicolata da un personaggio affascinante capace di mettersi in gioco per ritrovare le proprie radici, costruire il proprio futuro e prendersi cura del proprio spazio”. Una Menzione speciale è andata poi a ‘U Ferru di Marco Leopardi, che si è aggiudicato anche il Premio Ambiente e Società, raccontando la tradizione millenaria della pesca del pesce spada in Sicilia, sullo sfondo di un conflitto generazionale fra padre e figlio.

Per la Sezione One Hour, il primo premio è andato a Saving Mes Aynak dell’americano Brent E. Huffman, che segue la lotta contro il tempo di un archeologo afghano per salvare un sito millenario dalle mire di una società mineraria cinese. Menzione speciale anche a Andrew Nisker per il singolare Dark Side of the Chew, che fa luce su un problema poco considerato ma decisamente rilevante: lo smaltimento di trilioni di chewing gum masticati. Sono stati inoltre assegnati il Premio Speciale “Torino e le Alpi” a Enchikunye/Coming Back Home di Sandro Bozzolo e il premio “Le ghiande di CinemAmbiente” agli scrittori Davide Sapienza e Tiziano Fratus.

Con 20mila presenze in sala e nonostante lo spostamento autunnale, “la diciottesima edizione ha confermato il trend di crescita e di consolidamento di CinemAmbiente nel panorama italiano e internazionale”, ha commentato il direttore Gaetano Capizzi, prima di consegnare il premio “Movies Save the Planet” come riconoscimento alla carriera del regista francese Luc Jacquet, Oscar per La marcia dei pinguini.

Con La Glace et le Ciel, che ha chiuso Cinemambiente 2015 con uno sguardo all’imminente Conferenza sul Clima di Parigi, Luc Jacquet è tornato ancora alle nevi e ai ghiacci che gli hanno dato la fama mondiale, ma questa volta per raccontare un’appassionante epopea scientifica. La vastità abbacinante dell’Antartide, la sua inospitale e dura bellezza sono il campo di battaglia e di passione del grande esploratore e scienziato Claude Lorius, pioniere della paleoclimatologia (la disciplina che ricostruisce l’andamento del clima nelle epoche passate), di cui il regista francese narra la straordinaria avventura scientifica. “La scienza mi ha dato la capacità di vedere il futuro. Ora racconto ciò che ho visto”, dice all’inizio del film la voce narrante di un Lorius oggi ultraottantenne. E accanto a lui, Jacquet ripercorre l’emozione del primo viaggio al Polo Sud a metà degli anni ’50, le condizioni di vita proibitive a oltre 50 gradi sotto zero, le “tane” dei ricercatori che puzzano di calzini bagnati e zuppa riscaldata, la tenacia incrollabile per arrivare fino alla vertigine della scoperta. E poi lo sgomento nell’accorgersi, man mano che progrediva nelle sue scoperte, di quanto l’uomo abbia esercitato la sua influenza sul clima e di come non ci sia luogo sulla Terra, neanche la più remota vetta ghiacciata dell’Antartide, che non soffra della sua invadenza. “Non immaginavo – commenta amaro l’anziano scienziato dei ghiacci alla fine del film – che ogni passo verso la conoscenza mi avrebbe svelato un mondo sempre più devastato dall’azione degli uomini”.

Giorgia Marino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende