Home » Eventi »Rassegna Stampa » Alimentazione infantile: per una crescita sana:

Alimentazione infantile: per una crescita sana

luglio 6, 2011 Eventi, Rassegna Stampa

Bambini-cicciobello. Sovrappeso (più di uno su tre), nel peggiore dei casi obesi (oltre il 10%). Se l’aspettativa di vita si allunga sempre di più, peggiora la sua qualità, a causa di una cattiva alimentazione e dell’obesità fin dall’infanzia. Ma anche per i più piccoli, la soluzione non potrebbe essere più semplice: seguire la piramide nutrizionale ispirata alla dieta mediterranea. Il Barilla center for food and nutrition, nato nel 2009 proprio per riflettere sui temi legati all’alimentazione e, dice Paolo Barilla, «creare un mondo migliore», l’ha integrata con una seconda piramide, rovesciata, sull’impronta ecologica dei cibi, ottenendo uno schema con un messaggio chiaro: gli alimenti più sani hanno anche un minor impatto sull’ambiente. Come spiega Riccardo Valentini, docente di Ecologia forestale all’università della Tuscia, ortaggi e frutta hanno l’impronta ecologica più bassa; questa aumenta per riso, pane, pasta, latte, yogurt e legumi, e sale ancora per carne suina e avicola, olio, burro, formaggio, ed è massima per la carne bovina. La piramide che tutti conosciamo è speculare: suggerisce un alto consumo di frutta, verdura e cereali, gli alimenti cioè a basso impatto ambientale,  un consumo medio di latticini, carni bianche e pesce,  e un basso consumo di dolci e carne bovina, che in assoluto pesa di più sul’ambiente.

Il modello, sottolinea il Bcfn nel position paper “Crescita sana e nutrizione nei bambini”, è adatto anche per orientare i genitori nell’alimentazione dei figli piccoli e adolescenti. Gli esperti del gruppo (di cui fanno parte, tra gli altri, l’economista Jean-Paul Fitoussi e l’oncologo Umberto Veronesi), sottolineano come, nella dieta di bambini e adolescenti, dovrebbero essere presenti tutti i giorni pane, pasta e riso (meglio se integrali), frutta e verdura, latte e latticini. Dovrebbe invece essere limitato a 2/3 volte alla settimana il consumo di carne, 2 volte quello di formaggio e 1/2 di uova. Pesce almeno 3 volte alla settimana, almeno 2 i legumi. Ma nella realtà le cose non vanno così bene: «Nonostante queste raccomandazioni – scrivono gli esperti – numerosi studi internazionali hanno messo in luce la grande diffusione tra i bambini di età compresa tra i 6 e i 10 anni di abitudini alimentari che non favoriscono una crescita armonica e che predispongono all’aumento di peso». I dati a livello mondiale sono a dir poco sconfortanti: «E’ stato osservato come solo l’1% dei bambini possieda abitudini alimentari in linea con la composizione settimanale ottimale della dieta e quindi consumi porzioni e varietà di alimenti in accordo con quanto raccomandato da una corretta Piramide Nutrizionale. Gli stessi studi evidenziano inoltre come l’introito calorico giornaliero della maggioranza dei bambini osservati in età scolare sia non solo superiore alle loro esigenze, ma anche principalmente orientato al consumo di grassi e zuccheri (soprattutto nei bambini caratterizzati da una tendenza all’obesità), a scapito di frutta e verdura».

Le cose, in Italia, forse vanno solo lievemente meglio. Un’indagine promossa nel 2009 dal ministero della Salute, spiega il ministro Ferruccio Fazio, «ha rivelato che su 40.000 alunni della terza elementare, il 22,9% erano in sovrappeso e l’11% obesi. Il 10% dei bambini salta la colazione, il 30% ne fa una non adeguata, il 50% consuma bevande dolci e gassate. Una percentuale elevatissima ha in camera la tv e usa i videogiochi, mentre è poco diffusa la cultura dell’attività fisica». Colpa dei genitori, degli insegnanti o dei pediatri? Le responsabilità sono di tutte e tre le categorie che, spiega Claudio Maffeis, pediatra e docente all’università di Verona, dovrebbero «costituire un’alleanza terapeutica per la crescita sana del bambino». È vero però che in prima linea ci sono proprio le mamme e i papà, sempre più di fretta e spesso, sottolinea Antonio Affinita del Movimento italiano genitori, «disorientati dai messaggi contrastanti che arrivano dai media». A questo si aggiunge che, dice Alberto Ugazio, presidente della Società italiana di pediatria, «non c’è ancora la percezione del sovrappeso come problema per il bambino». Che a causa dei chili di troppo è più esposto, da adulto, ad ammalarsi di patologie croniche come le malattie cardiovascolari.

L’obesità, infatti, spiega Maffeis, è un problema che il bambino può portarsi dietro fin dal concepimento, visto che «nasce dall’interazione tra genetica e ambiente. E’ importante che il bambino, quando è nella pancia della mamma, venga esposto a un ambiente virtuoso anche dal punto di vista dell’alimentazione, perché è lì che assume la programmazione metabolica». Dopo la nascita, poi, sottolinea il Bcfn, le regole che i genitori dovranno seguire sono poche ma importanti: «Adottare una dieta sana ed equilibrata, evitare l’eccessiva introduzione di calorie, ripartire con equilibrio i nutrienti nella giornata, ridurre al minimo l’apporto aggiuntivo di sale, effettuare cinque pasti e non consumare cibo al di fuori di essi, svolgere attività fisica per almeno un’ora al giorno e ridurre al minimo il tempo passato davanti al video». Se i bambini di domani mangeranno in modo più equilibrato, faranno bene anche all’ambiente. Basti pensare che il passaggio a una dieta bilanciata, spiega Valentini, farebbe diminuire del 55% le emissioni del settore agroalimentare.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende