Home » Eventi »Smart City » Architettura in Città: un festival per ripensare lo spazio urbano:

Architettura in Città: un festival per ripensare lo spazio urbano

maggio 18, 2012 Eventi, Smart City

“Guardando dentro ogni sfera si vede una città azzurra che è il modello di un’altra Fedora. Sono le forme che la città avrebbe potuto prendere se non fosse , per una ragione o per l’altra, diventata come oggi la vediamo”. Così Italo Calvino ne Le città Invisibili.

Dal 30 maggio al 2 giugno 2012 questa riflessione troverà forma nella seconda edizione del Festival Architettura in Città, un ampio programma di iniziative culturali, a Torino e nell’area metropolitana, organizzato dall’Ordine degli Architetti di Torino e dalla Fondazione OAT all’interno del Festival Le Città Visibili, promosso dalla Fondazione Torino Smart City e dalla Città di Torino. Un vero e proprio Festival dentro il Festival.

La presentazione è avvenuta giovedì 17 maggio alla presenza dell’Assessore alle Politiche Ambientali Enzo Lavolta, che ha posto l’attenzione sulla difficoltà di costruire una città intelligente: “Non disponiamo di un catalogo sul come costruire una Smart City. Disegnare il futuro di Torino è un progetto ambizioso, del quale sarà resa partecipe la cittadinanza grazie ad una serie di incontri pubblici”. Riflettori puntati dunque su un nuovo modello di città, una città intelligente grazie all’innovazione tecnologica, ma anche al coinvolgimento della ricerca, delle imprese e del sistema “a rete” che fa da pilastro al progetto. “I fondi che l’Unione Europea dovrebbe stanziare nei prossimi anni a favore delle città che vogliono adottare tecnologie innovative per un miglioramento energetico devono essere soltanto uno stimolo, ma non il fine unico del progetto”, precisa Lavolta.

Un ruolo fondamentale all’interno di questa progettualità diffusa è dunque quello dell’Ordine degli Architetti, che da tempo si impegna nella promozione dell’architettura come espressione culturale essenziale per l’identità del Paese. Secondo Riccardo Bedrone, Presidente dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Torino, “nonostante questo sia un anno di svolta per gli Ordini, nostra intenzione è stata quella di appoggiare l’Amministrazione per un suo rilancio come capacità di produrre ricchezza economica e culturale”. Il momento delle Archistar pare forse essere superato e il Festival cerca di dare voce ai cittadini, nel tentativo di diffondere una cultura della buona architettura, dove buono ha principalmente il senso di sostenibile.”Torino è all’avanguardia in questo momento ed è favorita da un punto di vista paesaggistico per la posizione e per il modo razionale con cui è stata costruita: il Festival è un’altra fondamentale occasione per ripensare le forme della città del futuro e proporre modi di vita più sostenibili”.

La mostra, cuore dell’evento, sarà Radical City, visitabile dal 30 maggio, il cui tema principe è la città come spazio di rappresentazione delle teorie espresse dall’architettura radicale italiana degli anni Sessanta-Settanta. Ed è proprio nel momento del miracolo economico che si colloca l’architettura radicale, con un modello di sviluppo in grado di ragionare su ipotesi alternative: da qui il parallelo con quel periodo storico. La filosofia che fa da sfondo al Festival Le Città Visibili, del resto, prende spunto dall’idea di poter realizzare una trasformazione condivisa della città, con l’obiettivo di traghettare Torino da città invisibile – come è stata negli anni “industriali” – a Visibile, dandole una forma nuova, intelligente e soprattutto vivibile.

Valentina Burgassi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fulgar: crescono le vendite del filato riciclato Q-Nova e del bio-based EVO

maggio 28, 2018

Fulgar: crescono le vendite del filato riciclato Q-Nova e del bio-based EVO

Secondo le più recenti ricerche di mercato cresce sempre più il numero di consumatori a caccia non solo di capi di abbigliamento “fashion” e performanti, ma anche “etici” e soprattutto ecosostenibili. Assicurare la piena tracciabilità dei propri capi e poter contare su partner di filiera affidabili e orientati all’innovazione e alla riduzione degli impatti ambientali, [...]

Sappada, primo Comune d’Italia a certificare la “gestione sostenibile della comunità”

maggio 28, 2018

Sappada, primo Comune d’Italia a certificare la “gestione sostenibile della comunità”

Il 10 maggio scorso al Comune di Sappada, in Friuli, è stata attribuita la prima certificazione ISO 37101 “Gestione sostenibile delle comunità”, uno standard nato per aiutare le Comunità ad attuare una strategia di sviluppo sostenibile includendo il contesto economico, sociale e ambientale. Il protocollo definisce, in sostanza, le azioni che una Comunità deve mettere in campo [...]

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende