Home » Eventi »Idee » Artefiera Bologna: recycling first:

Artefiera Bologna: recycling first

gennaio 29, 2011 Eventi, Idee

Tom Sachs, Courtesy of Sperone Westwater Gallery

Si è aperta ieri a Bologna Artefiera – Art First, la 35a edizione della rassegna internazionale di arte contemporanea più nota in Italia.

Come già per Artissima, a Torino, abbiamo voluto visitare la fiera con uno sguardo inconsueto, attenti a un aspetto non certo nuovo per l’arte (per lo meno a partire dall’Arte Povera), ma a nostro avviso sempre attraente nei suoi esiti multiformi: il riciclo dei materiali nelle opere d’arte.

Per quanto la green economy e il “green thinking” stiano progressivamente permeando la società e l’immaginario collettivo, non si può dire che questo tipo di opere sia prevalente in fiera (la creatività artistica ha un suo corso, non sempre allineato con altri fenomeni sociali), né, tanto meno, che gli artisti che vi si cimentano siano necessariamente mossi da motivazioni “ambientaliste“.  Ma poco conta, il risultato è interessante e, come spesso accade, l’arte può fungere da stimolo e apripista a fenomeni su più larga scala, nonché influenzare la nostra quotidianità.  

E’ così che, girovagando tra gli stand delle gallerie senza una meta prefissata, lasciamo che sia l’occhio, deformato professionalmente, a cadere su alcuni esemplari che attraggono la nostra curiosità per l’evidenza immediata del ricorso a materiali di recupero

Tom Sachs, "Made in England", Courtesy of Sperone Westwater GalleryIn Made in England del 2008, il newyorkese Tom Sachs assembla minuziosamente, in una cassa di legno grezzo, bottiglie di Jack Daniel’s, pacchetti di sigarette, pistole, molle e proiettili, in un’inconsueta valigetta degli “effetti personali” che ricorda un rudimentale quanto ingegnoso flipper fai-da-te. “Il bricolage è il cuore del suo lavoro”, ci spiega David Leiber, direttore della Galleria Sperone Westwater di New York. “Sachs cerca delle cose che per molti sono spazzatura, oggetti abbandonati e li recupera per dare loro un’altra forma, una nuova vita“.

E’questa infatti l’essenza autentica del bricoleur. ”Il grande bricoleur – scrive Simone Mazzucconi, autore del curioso sito l’Arte di Arrangiarsi - non è qualcuno che sa fissare le mensole di un armadio o montare un tavolinetto IKEA. Il Bricoleur (con la B maiuscola) è qualcuno che elabora continuamente il materiale a sua disposizione e quello del mondo che lo circonda per escogitare possibilità combinatorie e creative.”

Sachs non si ferma, per altro, agli oggetti di uso “comune”, ma nelle sue opere inserisce spesso armi e pistole. “C’è sempre un’ambiguità nel suo lavoro, tra quello che ama e quello che odia, tra ciò che lo attrae e ciò per cui prova repulsione”, precisa Leiber, “ma questa tensione è sfumata, non sempre è bianca o nera. La violenza purtroppo, e quindi anche le armi, sono parte della nostra vita e sono oggetti che non si possono ignorare. Sachs è estremamente preciso nel ricollocare ogni oggetto riciclato all’interno dell’opera: ogni cosa al suo posto, da vero bricoleur.” Tanto che molte sue opere funzionano, esempio di ingegnose macchine ricavate da oggetti destinati alla spazzatura.

Tony Brown, "Tree Installation", Courtesy of Nicoletta RusconiTree_Installation, da Nicoletta Rusconi, è invece una “scultura” da parete dell’americano Tony Brown (2006), in cui 80 piccoli disegni di un albero di ficus, caratteristico dell’area di Los Angeles, sono incornicati con telai di vecchie finestre di legno selezionati, tagliati e assemblati in modo da creare un effetto simile a una veduta aerea dei tetti di una città immaginaria. In un’altra serie di lavori Brown, che recupera oggetti e materiali di scarto nell’ambiente in cui vive per ”spianarli” e trasformarli in composizioni simili a dipinti, seziona e riutilizza vecchie sedie, divani e lavagne ottenendo delle sculture bidimensionali di grande impatto estetico. “Sento che fare arte è come sognare di proposito, e comporta una rigorosa ricerca della bellezza in mezzo a materiali che sono stati messi da parte“, srive l’artista. Una filosofia del riuso non priva di ambizioni didattiche: ”Il mio lavoro mi permette di vedere l’ambiente circostante in un modo che è poetico piuttosto che sbrigativo. Spero che provochi un effetto simile su coloro che lo guardano, forse anche modificando il loro modo di vedere il mondo“.

Giuseppe Maraniello, "Il gambo dei fiori", Courtesy of Contini & FontanaIl napoletano Giuseppe Maraniello espone da Cardelli & Fontana ”Il gambo dei fiori, un’opera da parete di grandi dimensioni realizzata con tavole di legno recuperato e inserti in tela e bronzo. Esempio di una concezione d’arte che, pur non essendo necessariamente dedita al riciclo di materia, si ispira sicuramente a un minimalismo che tanto piacerebbe ai critici dello spreco e della sovrabbondanza: “Ho sempre avuto interesse”, dichiara infatti l’autore in un’intervista con Tommaso Trini, ”a realizzare lavori con mezzi minimi, magari solo con un fil di ferro“.

Enzo Fiore, "Archivio Marylin 2010", Courtesy of Galleria ContiniDa Contini si trova una serie di ritratti di superstar internazionali realizzati da Enzo Fiore, allievo di Luciano Fabro all’Accademia di Brera. Da John Lennon a Marylin Monroe e Jimi Hendrix, ma anche grandi nomi della pittura come Renoir, Dalì, Bacon, Kiefer, tutti realizzati con materiali naturali grezzi impastati tra loro: muschio, resina, pietre, terra, foglie, radici.

Ettore Colla, Rilievo scuro, Courtesy of Galleria GariboldiGariboldi espone “Rilievo scuro“, dell’astrattista parmigiano Ettore Colla, un assemblage murale del 1957 in ferro recuperato da una nave e lamiera con giunture bullonate. Fondatore del Gruppo Origine, nel 1950, insieme ad un altro maestro della materia bruta come Alberto Burri, dalla metà degli anni ’50 Colla definisce una propria linea artistica attraverso assemblaggi che, per il ricorso a elementi di recupero, prevalentemente in ferro, lo avvicinano alla poetica dadaista degli object trouvé, di autori come Francis Picabia o Marcel Duchamp.   

PaoloTamburella, "Comoros n. 4", Courtesy of Fama GalleryLa nostra selezione cade infine sul giovane artista romano Paolo W. Tamburella, che espone alla veronese Fama Gallery Comoros#4” (2009), una teca contenente un “arazzo” di vecchi palloni da calcio, appartenenti alla serie Footballs. Per Tamburella il processo di creazione artistica comincia sempre con il ritrovamento e il riuso di oggetti dimenticati, inutilizzati e smarriti – in questo caso vecchi palloni da calcio in cuoio, pazientemente raccolti durante un viaggio in camion di 4.000 km. in India, nel 2006, sgonfiati e cuciti tra loro.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende