Home » Eventi »Idee »Internazionali »Politiche » BeNordic: a Milano le buone pratiche di bioeconomia dal Nord Europa:

BeNordic: a Milano le buone pratiche di bioeconomia dal Nord Europa

maggio 25, 2015 Eventi, Idee, Internazionali, Politiche

Nutrire il Pianeta in modo “sostenibile” è la sfida lanciata dal tema Expo 2015 a cui i paesi nordici hanno cercato di rispondere in una conferenza (fuori dall’Expo) sulla bioeconomia, durante  BeNordic, una manifestazione che promuove il “Nordic lifestyle” e che prevede 4 giorni di eventi ed incontri al Bou-Tek di via Gonzaga 7 a Milano.

Il mondo si strapopola e nel 2050 si conteranno oltre 9 miliardi di Homo Sapiens Sapiens sparsi per tutto il pianeta, con una prevista diminuzione di terra coltivabile pro capite del 25%. Un utilizzo più efficace delle risorse naturali è la grande sfida che il ventunesimo secolo si trova dunque ad affrontare.

Per sfamare il mondo, un’economia lineare non funziona, le strategie capitalistiche del passato si sono dimostrate dannose sul lungo periodo, ma per uno sviluppo a impatto zero servono nuovi e appropriati framework teorici. A BeNordic si parla quindi di bioeconomia e delle sue sfaccettature e opportunità: in cosa investire per uno sviluppo sostenibile? Come assicurare un’economia circolare che sfrutti le risorse energetiche in modo efficiente senza esaurirle?

“Perché la bioeconomia funzioni, deve produrre risultati apprezzabili in termini di guadagno e nuovi posti di lavoro. Le risorse naturali non sono finite ma bisogna utilizzarle in modo più efficace, riciclando e riutilizzando le sostanze di scarto e incrementando le ricerche per scoprire le potenzialità nascoste di mari e oceani”, dice Lino Paula, Ricercatore alla Commissione Europea. Paula non cela tuttavia le sue preoccupazioni sulla lentezza delle istituzioni e ammonisce che l’Europa non riuscirà a tenere il passo dei cambiamenti sociali e ambientali…

Per fare un albero ci vuole un seme, per coltivare la terra servono gli agricoltori e proprio a questi ultimi la bioeconomia offre ampie possibilità. Luisa Volpe, della World Farmers Organization, è la portavoce di chi lavora la terra ogni giorno, “dobbiamo metterli in grado di esprimersi nei forum internazionali. Chiedono innovazione, la valorizzazione della filiera produttiva e soluzioni concrete per il cambiamento climatico - dice Volpe – Gli agricoltori sono parte della soluzione più di quanto non lo siano del problema”. A lei fa eco Isabel Moretti della Federazione degli Agricoltori Svedesi, “gli agricoltori sono gli eroi della bioeconomia”.

Non solo coltivatori e produttori, le opportunità lavorative riguardano anche altri settori legati più o meno direttamente alla produzione o lavorazione delle materie. Jesper Lund Larsen, della Federazione Unita dei Lavoratori Danesi, incita: “formazione, formazione, formazione! dall’universitario al contadino”. Lo slogan di Larsen si riferisce alla necessità di formare esperti dei vari settori che lavorino come promotori e fautori di sostenibilità lungo tutta la filiera.

Gli esempi di buona condotta non mancano, dall’industria agroalimentare a quella tessile. La Norvegia recupera lunghezze nella corsa alla sostenibilità concentrandosi sull’itticoltura sostenibile e promuovendo la ricerca di nuovi mangimi meno impattanti. Ne fornisce un esempio la professoressa Margareth Overland della Università Norvegese di Scienze Naturali in un interessante intervento sulle nuove frontiere offerte dai lieviti prodotti da fermentazione del legno come fonte proteica per i pesci da allevamento.

Anche l’industria della moda si adegua e crea indumenti confezionati con materiali “sostenibili”, come la collezione di Burberry in canapa o quella in cellulosa di H&M, che ha registrato il record di vendite. E ancora tessuti contenenti alghe utilizzati da Tommy Hilfiger, inserti di pelle di pesce nelle scarpe Nike e perfino prodotti derivanti dagli scarti dell’industria casearia. “La nostra immaginazione è l’unico limite’ dice la CEO Eva Kruse dell’Istituto Danese di Moda, che continua “la moda risponde a un’esigenza principalmente estetica e non sarà mai davvero sostenibile, ma possiede la creatività per trasmettere il messaggio della sostenibilità in maniera efficace e insolita”.

Ogni buona idea deve essere ben comunicata con un branding adeguato, è quello di cui si occupa Dan Howis Lauritsen, di State of Green, un’associazione che si diffonde e condivide il ‘know how’ della sostenibilità danese. State of Green utilizza una divulgazione multicanale che comprende un sito web, uno spazio espositivo fisico a Copenhagen, una rivista cartacea e visite organizzate nelle realtà sostenibili più significative del panorama Danese. L’obiettivo è quindi l’esportazione di valori e competenze con un focus estremamente applicativo; “Il nostro vero valore è il nostro network” conclude Lauritsen.

L’attenzione per l’ambiente permea ogni aspetto del Nordic lifestyle, è motivo di orgoglio per i cittadini e svolge un ruolo centrale anche nell’offerta turistica. I rappresentanti di Danimarca, Svezia, Finlandia e Norvegia, individuano la loro ricetta per sfamare il pianeta nell’energia rinnovabile, una politica di spreco zero e la riscoperta di piccole realtà produttive che agiscono in network.

Cosa ci riserva il domani della bioeconomia in Europa? Bisogna puntare sulla tecnologia e sull’innovazione, investire sulle persone come asset di sviluppo sostenibile e garantire una gestione inclusiva delle risorse accompagnata dal necessario supporto legislativo. Per raggiungere questi obiettivi è necessario uno sforzo comune e un dialogo costruttivo tra i diversi partecipanti. I Paesi nordici hanno successo perché riescono in quello in cui che fallisce l’Europa: essere coesi per sviluppare strategie comunitarie, nazionali e regionali che mantengano un’omogeneità di intenti e medesimi obiettivi.

Valeria Senigaglia

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende