Home » Eventi »Idee »Internazionali »Politiche » BeNordic: a Milano le buone pratiche di bioeconomia dal Nord Europa:

BeNordic: a Milano le buone pratiche di bioeconomia dal Nord Europa

maggio 25, 2015 Eventi, Idee, Internazionali, Politiche

Nutrire il Pianeta in modo “sostenibile” è la sfida lanciata dal tema Expo 2015 a cui i paesi nordici hanno cercato di rispondere in una conferenza (fuori dall’Expo) sulla bioeconomia, durante  BeNordic, una manifestazione che promuove il “Nordic lifestyle” e che prevede 4 giorni di eventi ed incontri al Bou-Tek di via Gonzaga 7 a Milano.

Il mondo si strapopola e nel 2050 si conteranno oltre 9 miliardi di Homo Sapiens Sapiens sparsi per tutto il pianeta, con una prevista diminuzione di terra coltivabile pro capite del 25%. Un utilizzo più efficace delle risorse naturali è la grande sfida che il ventunesimo secolo si trova dunque ad affrontare.

Per sfamare il mondo, un’economia lineare non funziona, le strategie capitalistiche del passato si sono dimostrate dannose sul lungo periodo, ma per uno sviluppo a impatto zero servono nuovi e appropriati framework teorici. A BeNordic si parla quindi di bioeconomia e delle sue sfaccettature e opportunità: in cosa investire per uno sviluppo sostenibile? Come assicurare un’economia circolare che sfrutti le risorse energetiche in modo efficiente senza esaurirle?

“Perché la bioeconomia funzioni, deve produrre risultati apprezzabili in termini di guadagno e nuovi posti di lavoro. Le risorse naturali non sono finite ma bisogna utilizzarle in modo più efficace, riciclando e riutilizzando le sostanze di scarto e incrementando le ricerche per scoprire le potenzialità nascoste di mari e oceani”, dice Lino Paula, Ricercatore alla Commissione Europea. Paula non cela tuttavia le sue preoccupazioni sulla lentezza delle istituzioni e ammonisce che l’Europa non riuscirà a tenere il passo dei cambiamenti sociali e ambientali…

Per fare un albero ci vuole un seme, per coltivare la terra servono gli agricoltori e proprio a questi ultimi la bioeconomia offre ampie possibilità. Luisa Volpe, della World Farmers Organization, è la portavoce di chi lavora la terra ogni giorno, “dobbiamo metterli in grado di esprimersi nei forum internazionali. Chiedono innovazione, la valorizzazione della filiera produttiva e soluzioni concrete per il cambiamento climatico - dice Volpe – Gli agricoltori sono parte della soluzione più di quanto non lo siano del problema”. A lei fa eco Isabel Moretti della Federazione degli Agricoltori Svedesi, “gli agricoltori sono gli eroi della bioeconomia”.

Non solo coltivatori e produttori, le opportunità lavorative riguardano anche altri settori legati più o meno direttamente alla produzione o lavorazione delle materie. Jesper Lund Larsen, della Federazione Unita dei Lavoratori Danesi, incita: “formazione, formazione, formazione! dall’universitario al contadino”. Lo slogan di Larsen si riferisce alla necessità di formare esperti dei vari settori che lavorino come promotori e fautori di sostenibilità lungo tutta la filiera.

Gli esempi di buona condotta non mancano, dall’industria agroalimentare a quella tessile. La Norvegia recupera lunghezze nella corsa alla sostenibilità concentrandosi sull’itticoltura sostenibile e promuovendo la ricerca di nuovi mangimi meno impattanti. Ne fornisce un esempio la professoressa Margareth Overland della Università Norvegese di Scienze Naturali in un interessante intervento sulle nuove frontiere offerte dai lieviti prodotti da fermentazione del legno come fonte proteica per i pesci da allevamento.

Anche l’industria della moda si adegua e crea indumenti confezionati con materiali “sostenibili”, come la collezione di Burberry in canapa o quella in cellulosa di H&M, che ha registrato il record di vendite. E ancora tessuti contenenti alghe utilizzati da Tommy Hilfiger, inserti di pelle di pesce nelle scarpe Nike e perfino prodotti derivanti dagli scarti dell’industria casearia. “La nostra immaginazione è l’unico limite’ dice la CEO Eva Kruse dell’Istituto Danese di Moda, che continua “la moda risponde a un’esigenza principalmente estetica e non sarà mai davvero sostenibile, ma possiede la creatività per trasmettere il messaggio della sostenibilità in maniera efficace e insolita”.

Ogni buona idea deve essere ben comunicata con un branding adeguato, è quello di cui si occupa Dan Howis Lauritsen, di State of Green, un’associazione che si diffonde e condivide il ‘know how’ della sostenibilità danese. State of Green utilizza una divulgazione multicanale che comprende un sito web, uno spazio espositivo fisico a Copenhagen, una rivista cartacea e visite organizzate nelle realtà sostenibili più significative del panorama Danese. L’obiettivo è quindi l’esportazione di valori e competenze con un focus estremamente applicativo; “Il nostro vero valore è il nostro network” conclude Lauritsen.

L’attenzione per l’ambiente permea ogni aspetto del Nordic lifestyle, è motivo di orgoglio per i cittadini e svolge un ruolo centrale anche nell’offerta turistica. I rappresentanti di Danimarca, Svezia, Finlandia e Norvegia, individuano la loro ricetta per sfamare il pianeta nell’energia rinnovabile, una politica di spreco zero e la riscoperta di piccole realtà produttive che agiscono in network.

Cosa ci riserva il domani della bioeconomia in Europa? Bisogna puntare sulla tecnologia e sull’innovazione, investire sulle persone come asset di sviluppo sostenibile e garantire una gestione inclusiva delle risorse accompagnata dal necessario supporto legislativo. Per raggiungere questi obiettivi è necessario uno sforzo comune e un dialogo costruttivo tra i diversi partecipanti. I Paesi nordici hanno successo perché riescono in quello in cui che fallisce l’Europa: essere coesi per sviluppare strategie comunitarie, nazionali e regionali che mantengano un’omogeneità di intenti e medesimi obiettivi.

Valeria Senigaglia

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende