Home » Eventi »Smart City » Bike Pride 2012: in 10.000 per chiedere una mobilità più sostenibile:

Bike Pride 2012: in 10.000 per chiedere una mobilità più sostenibile

giugno 4, 2012 Eventi, Smart City

L’ospite meno gradito e tanto temuto ha deciso di dare forfait. Si è presentato solo in tarda serata quando la festante parata di orgogliosi della bicicletta si trovava già tra le braccia di Morfeo. La pioggia, spauracchio di questo ultimo Bike Pride, non ha indebolito una manifestazione riuscitissima che ha visto ieri oltre 10.000 ciclisti  sfilare per le strade di Torino rivendicando una città più vivibile, più pulita, in una parola più smart – come richiede il Festival cittadino in chiusura domani.

La novità di questa edizione sta nella nuova e più ampia mobilitazione, che è partita dai ciclisti e dagli appassionati di bici di Torino e del Piemonte, ma che in realtà ha raccolto nel suo percorso i ciclisti romani della delegazione #salvaiciclisti, e altri da Firenze e Milano, intenzionati a “fare rete”.

Sì, perché il Bike Pride 2012 fa seguito al grande appuntamento che il 28 aprile scorso, sotto l’egida della campagna #salvaiciclisti, ha visto riunirsi a Roma oltre 50.000 ciclisti e il cui obiettivo è puntare i riflettori sulla triste realtà che riguarda le morti in bicicletta. I numeri parlano chiaro: in soli 10 anni in Italia 2.600 morti e 40.000 feriti.

Serve ripensare la mobilità, la sicurezza stradale, ma per fare questo sono le istituzioni nazionali e le amministrazioni locali a dover segnare il punto di svolta: favorire la mobilità ciclabile sarebbe il più vantaggioso investimento possibile per migliorare la qualità dell’aria, ridurre il traffico, incrementare la sicurezza stradale e migliorare la qualità della vita. Mancano i soldi? Non è del tutto vero: le “risorse occulte” sono nascoste nelle morti e nei ricoveri, che costano alla collettività 28 miliardi di euro l’anno e nelle conseguenze dell’inquinamento, che pesano per altri 80-90 miliardi.

Il supporto dell’opinione pubblica, un tempo scettica o tiepida per le due ruote, ora non manca più. Ieri il Bike Pride torinese ha raccolto migliaia di aderenti con filosofie diverse ma convergenti: coloro che in bici ci vanno 365 giorni all’anno, sfidando intemperie e pericoli della giungla urbana, quelli che la scelgono solo nel fine settimana per passeggiare con la famiglia sfruttando i parchi cittadini, e ancora chi ne fa un vero e proprio credo, a metà tra sport e culto del mezzo e della sua storia.

I quasi 10.000 partecipanti hanno sfilato per 9 km in un percorso a tratti reso davvero difficile dalla presenza di rotaie, dissestamenti del manto stradale, e dall’impazienza degli automobilisti rimasti bloccati dal passaggio del corteo. L’attesa in effetti non era breve ma il messaggio altrettanto chiaro: la gerarchia tra i mezzi per strada sta cambiando e in un futuro non lontano anche in Italia (come accade, già da tempo, in tutti gli altri paesi civili d’Europa) gli automobilisti potrebbero doversi veramente fermare per lasciar passare ciclisti e pedoni.

Il successo dell’operazione di ieri è indiscutibile e ha galvanizzato gli organizzatori, che, nel momento conclusivo della parata hanno chiesto all’Assessore all’Ambiente della città, Enzo Lavolta, un impegno concreto dell’Amministrazione: migliorare 10 incroci cittadini attualmente non ciclabili e potenzialmente pericolosi e studiare gli interventi necessari per metterli in sicurezza. Infine la promessa di attuare l’atteso Bici Plan, il Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile, che dovrebbe garantire uno sviluppo del 5% degli spostamenti in bicicletta entro il 2015.

Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

aprile 29, 2020

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

Le offerte “verdi” dell’energia elettrica (quelle cioè provenienti da fonti rinnovabili) non possono più essere considerate “alternative”, perché ormai rappresentano la maggior parte di tutte le tariffe disponibili sul mercato. Per il gas, invece, c’è ancora tanta strada da fare. Sono, in sintesi, i risultati dell’analisi che Selectra – azienda che mette a confronto le tariffe [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende