Home » Eventi » Biologico: il nodo delle certificazioni:

Biologico: il nodo delle certificazioni

dicembre 7, 2010 Eventi

Courtesy of Elle, Flickr.com“Dal momento che alla sicurezza alimentare e al benessere non si rinuncia neanche in tempi di crisi, il sistema di controllo e di certificazione è uno degli aspetti più importanti del mercato dei prodotti biologici”.

Lo ha precisato, in apertura del convegno romano organizzato da FederBio, Paolo Carnemolla, presidente della Federazione italiana di agricoltura biologica e biodinamica, che riunisce nel Paese 34 organizzazioni associate e rappresenta il 40 per cento dei produttori Bio nazionali. Non solo: a FederBio sono associati ben dieci organismi di certificazione, che controllano circa il 96 per cento degli operatori italiani. Ed è stato proprio il funzionamento e l’efficacia delle garanzie offerte dal sistema di controllo e di certificazione, il cuore del dibattito promosso, lo scorso primo dicembre, con il contributo del Ministero dell’Agricoltura e in collaborazione con Accredia, Ente Italiano di Accreditamento.

Una questione dunque che riguarda istituzioni, operatori ma anche gli stessi consumatori italiani di un mercato, in via di trasformazione che, secondo i dati presentati da FederBio, dal 2007 ha assistito a un leggero calo del numero di aziende (oggi pari a 44.371), ma in compenso all’estensione della superficie convertita ad agricoltura biologica (nel 2009, l’aumento degli ettari è stato del 10,4 per cento rispetto all’anno precedente).

“La tendenza del comparto è positiva: diminuisce, è vero, il numero di aziende ma aumentano gli ettari”, spiega Luigi Tozzi, area Ambiente & Sanità di Confagricoltura, a Greenews.info: “questo vuol dire che le aziende che operano nel biologico si stanno allargando e che la stessa produzione “bio” non è più solo di nicchia, a beneficio della stessa economia italiana e dell’ambiente”.

“Gli stessi produttori, poi, sono stati capaci di diventare anche trasformatori”, sottolinea Tozzi: infatti, i dati relativi al 2010 elaborati da SINAB, il Sistema di Informazione Nazionale sull’Agricoltura Biologica realizzato dal Ministero delle Politiche Agricole, evidenziano che il numero di aziende che trasformano è in aumento, e questo “fa anche crescere la richiesta di prodotti Bio”. Tanto che l’Italia non riesce a soddisfare tutta la richiesta: siamo costretti a importare, “soprattutto dai paesi del Mediterraneo, come Egitto e Marocco, ma anche dall’Europa dell’Est”, prosegue Tozzi. Il primo Paese al mondo per le esportazioni di prodotti Bio, è anche il primo produttore al mondo per cereali, ortaggi, agrumi, olive ed uva, e il secondo per il riso (il giro d’affari stimato è di oltre 3 miliardi di euro).

“Da noi non è mai stata realizzata una vera politica del biologico e la legislazione, dunque, ne risente”. Per di più, in passato, i finanziamenti al settore hanno provocato molte distorsioni al sistema: “Diverse aziende sono entrate nel settore sfruttando gli incentivi, per poi uscirne e tornare a commercializzare prodotti agricoli standard, dopo aver speso tutti gli aiuti pubblici”.

Ancora: ci sono troppi enti di certificazione e questo provoca lungaggini e burocrazie inutili. Ad esempio: “Se c’è un problema su un prodotto, possono notificarlo gli enti di certificazione, il Nas ma non, ad esempio, l’agricoltore-trasformatore che è il primo a poterlo rilevare”. E proprio sulla questione delle regole sta lavorando il Ministero, in collaborazione con Accredia (che, con l’entrata in vigore del Regolamento 765/2008, ha assunto formalmente un ruolo di garanzia all’interno del sistema delle certificazioni).

Il comparto del biologico è certamente “controllato” e secondo i dati FederBio, lo stesso sistema di certificazione funziona:  “In generale”, conclude Tozzi, “gli agricoltori lavorano in modo adeguato e rispetto al biologico c’è da dire che gli operatori sono molto consapevoli e hanno, dalla loro, una filosofia e un sistema di valori in cui credono. E questo è vero nonostante il carico, a volte eccessivo, di burocrazia”.

FederBio ha lanciato, nei mesi scorsi, un piano di azione proprio per migliorare il coordinamento e l’integrazione tra i diversi soggetti interessati, per creare più efficienza e trasparenza nell’attività degli Organismi di controllo (OdC): e “per migliorare, ad esempio, spiega Carnemolla, “la collaborazione tra le autorità pubbliche e gli organismi privati”.

“Il sistema di certificazione accompagna da più di 20 anni il settore del biologico con risultati positivi, ma chiaramente va migliorato”, sostiene Fabrizio Piva, coordinatore sezione soci, organismi di controllo Federbio. E individua le aree su cui ancora c’è da lavorare: “Certamente, sulla formazione degli auditor, su quella del personale degli organismi di certificazione, sul rapporto tra il sistema di certificazione privato e quello di garanzia pubblico”, che è poi il sistema di controllo. Perché, spesso, spiega Piva, “perdiamo molte risorse e tempo nel cercare (anche solo) di comunicare con gli organismi pubblici”. Ma prima di tutto, vi è la necessità di semplificare: “Oggi rischiamo di avere venti sistemi diversi per quante sono le regioni: questo comporta un problema di risorse, non solo di tipo economico, e un ostacolo per gli stessi operatori”, conclude Piva.

Nel 2009, sono state 249.883 (il 7,8 per cento) le visite ispettive effettuate dalle autorità pubbliche, nazionali o regionali, alle aziende italiane legate all’alimentare, dalle quali sono emerse 59.653 irregolarità, penali o amministrative. Ben altre, le cifre relative al comparto biologico: le aziende del settore, nello stesso anno, ad aver ricevuto un’ispezione sono il cento per cento, con una frequenza 13 volte superiore rispetto a quella di un’azienda convenzionale. Se quest’ultima riceve un’ispezione, mediamente, ogni 13 anni e mezzo, un’azienda biologica è controllata ogni 9 mesi.

Sempre nel 2009, i dieci organismi di controllo associati a FederBio hanno certificato 46.304 operatori: circa il 95 per cento di tutte le aziende biologiche italiane.

Ilaria Donatio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende