Home » Eventi »Nazionali »Politiche » Biomasse: presenti! Il ruolo per gli obiettivi italiani al 2020:

Biomasse: presenti! Il ruolo per gli obiettivi italiani al 2020

aprile 5, 2011 Eventi, Nazionali, Politiche

Il ruolo delle biomasse nel raggiungimento degli obiettivi europei di produzione di energia da fonte rinnovabile è stato l’argomento del convegno organizzato, venerdì scorso a Roma, da Fiper per celebrare il 10° anniversario della propria fondazione.

Gli associati a Fiper sono aziende e consorzi che operano nell’ambito del teleriscaldamento e del biogas, gli unici settori della green economy che valutano in maniera positiva alcune delle novità introdotte dal Decreto Romani. La motivazione è semplice: per la prima volta il decreto introduce incentivi all’energia termica, mentre precedentemente il conto energia riguardava esclusivamente l’energia elettrica.

Si tratta di un bel passo in avanti – ha sottolineato il presidente di Fiper, Walter Righinisoprattutto perché ci si è resi finalmente conto che la massima efficienza energetica nell’uso della biomassa si ha proprio nella produzione del calore. Questo significa attribuire, ora più che mai, un ruolo centrale alle biomasse per il futuro della produzione energetica e per la tutela dell’ambiente allo scopo di raggiungere gli obiettivi europei del 2020 (17 % da fonti rinnovabili per l’Italia)”. Le biomasse non possono infatti essere impiegate in impianti di produzione di sola energia elettrica, laddove la conversione è molto meno efficiente dell’energia termica.

In realtà sono ancora molti i nodi da sciogliere: si sa solo che i nuovi incentivi saranno pagati dai consumatori nella bolletta del gas. Per FIPER i decreti attuativi dovranno favorire lo sviluppo di reti di teleriscaldamento per servire piccole comunità in modo efficiente. Servirà anche rendere effettivo il fondo rotativo di garanzia previsto dal D. lgs. 28/2011 per garantire gli onerosi investimenti sulla rete, che hanno un tempo di ritorno di 30/40 anni.

Il tema della sostenibilità nella produzione di biomassa e biogas a fini energetici, è stato introdotto nel convegno da Vito Pignatelli, presidente Itabia e coordinatore tecnologie biomasse e bioenergie dell’ENEA: “la bioenergia è un sistema, bisogna che i cicli siano chiusi”. Occorre ridurre le emissioni di CO2 della filiera, attraverso vari strumenti: chiaramente è necessario incoraggiare la filiera corta, ovvero ridurre le distanze tra luoghi di produzione delle biomasse e dell’energia e migliorare le tecnologie produttive e l’efficienza, utilizzando l’intera pianta. Buona parte delle emissioni di CO2 collegate al ciclo produttivo derivano dall’uso del suolo e dalle tecniche di coltivazione, su cui sarebbe necessaria una riflessione.

Nel Piano di Azione Nazionale si prevede un aumento di produzione di energia da biomasse molto ambizioso, dai 1.875 kilotep del 2009 a 5.670 kilotep nel 2020. Del resto con l’attuale situazione libica e il blocco al nucleare, alle rinnovabili sarà probabilmente richiesto un contributo ancora maggiore al mix energetico italiano. Il settore delle biomasse è pronto ad accettare la sfida.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende