Home » Eventi » Botteghe e farmer’s market salveranno il mondo. Parola di Carlin:

Botteghe e farmer’s market salveranno il mondo. Parola di Carlin

marzo 6, 2014 Eventi

Il cibo in quanto bene comune, ma soprattutto quale strumento di “liberazione”: è la diffusione di questo messaggio il merito che ha determinato il conferimento, a Carlo Petrini, del titolo Master Honoris Causa in Comparative Law, Economics and Finance, consegnato il 4 marzo presso il Teatro Vittoria di Torino dalle mani del  Prof. Ugo Mattei dell’International University College of Turin (IUC). Il fondatore di Slow Food, raccontano i promotori della laurea ad honorem, ha infatti costituito un modello di economia alternativa a quella globalizzata, che restituisce dignità alle comunità agricole, al lavoro, alle tradizioni, alla qualità. È la rivoluzione di concetto innanzitutto, culturale e poi politica ed economica, alle spalle di Slow Food (organizzazione oggi presente in oltre 150 paesi del mondo) e del network Terra Madre.

La cultura del cibo è oggi più che mai schizzofrenica. Viene promossa la grande produzione e la grande distribuzione, a scapito della qualità e del valore del prodotto – che non ha nulla a che vedere con il prezzo, ve lo posso garantire- e poi, però, a qualunque ora si accenda la televisione c’è qualcuno che spadella; e il cibo diventa status symbol, tanto che la maggior parte dei bambini dice di voler fare lo chef, senza neanche sapere cosa significhi davvero!”, tuona Petrini.

La rottura – secondo Carlin, inserito nel 2004 nella lista degli “Eroi Europei” redatta dal Time - si è aperta con la rivoluzione industriale, quando l’agricoltura da economia di sussistenza è passata a seguire la logica dell’accumulo. L’agricoltore, che prima produceva per il mantenimento della propria comunità, è stato invitato, sollecitato e facilitato a diventare “imprenditore agricolo” e su questo punto si racchiude tutto il fallimento dell’economia dell’abbondanza e dello spreco. “È evidente che con la morte dell’agricoltura di sussistenza si sono perse anche le diversità e la coesione sociale o senso di collettività. Per questo è necessario tornare al lavoro della terra, al locale, alla valorialità del cibo, come mezzo di recupero delle biodiversità, della dignità del lavoro e di contrasto al degrado delle campagne, che senza la manutenzione costante di chi la campagna la vive è in stato di totale abbandono. Pasolini diceva “Il giorno in cui questo paese perderà contadini e artigiani non avrà più storia” e oggi, eccoci, siamo alla deriva”.

Ma com’è possibile convincere i giovani che l’agricoltura è una reale alternativa quando oggi al produttore un chilo di carote viene pagato 30 centesimi per essere poi rivenduto al pubblico al doppio? Come, se un litro di latte viene pagato all’allevatore pochi centesimi per essere poi messo sul mercato industriale, impoverito di ogni proprietà, a più di un euro a scatola? Come si può parlare di lavoro valido e dignitoso in un paese in cui si lasciano marcire i frutti sugli alberi perché costa più raccoglierli che venderli?

È il paradosso di un sistema non sostenibile, che si basa sulla quantità e sul prezzo (basso, il più basso possibile). Ma è ora di invertire la rotta”, e di creare degli strumenti perché le economie locali e genuine possano essere rilanciate. E casca a pennello, allora, l’esperienza degli Stati Uniti – dove peraltro il supermercato è nato – dove l’associazione di Bra è stata chiamata proprio per promuovere la realtà dei mercati locali. Così, anche grazie all’impegno del Dipartimento dell’Agricoltura Statunitense (Usda) che negli ultimi anni ha incrementato gli sforzi per sostenere le opportunità di commercializzazione locali e regionali per i produttori, i farmers’ market sono passati dai 5.000 nel 2008 ai 12.000 di oggi e le vendite dirette degli agricoltori a singoli consumatori sono cresciute di oltre il 50%. “La grande capacità degli americani è quella di reinventarsi, così i giovani laureati si sono messi a lavorare la terra, con grande dignità, competenza e devozione”. E, anche, con un grande sistema di supporto e solidarietà. “Negli Stati Uniti sono nate le community supporter, che vanno oltre il nostro concetto di Gruppo di Acquisto Solidale. I cittadini anticipano i loro risparmi ai produttori che con il tempo ripagheranno in prodotti, tagliando così il sistema di debito/credito alle banche e creando un investimento che alimenta un processo assolutamente virtuoso e sano; ma anche sicuro perché, come si dice in piemontese, in mano ai contadini i soldi non li perdi mai”.

Questo significa creare le opportunità in un periodo di crisi e ridare un senso a un sistema ormai al collasso, sintonizzandosi con il presente. Per questo quando si creava il cibo globalizzato e industrializzato, Slow food ha sostenuto i presidi di agricoltori e contadini locali; quando si parlava di cibo di massa, Slow Food si preoccupava di valorizzare le eccellenze dei territori; ora è il momento di rivoluzionare la distribuzione contro lo strapotere della grande distribuzione organizzata che sta letteralmente distruggendo le economie locali.

“Nella via centrale del mio paese, continua Petrini – considerato da The Guardian tra le 50 persone che possono salvare il mondouna volta c’erano alimentari, panettieri, salumieri. Oggi ci sono solo banche, e la spesa si fa al centro commerciale”. Riprendere il territorio significa riprendere le redini del nostro futuro. Rigenerare il ruolo del bottegaio (“bottegai che abbiano studiato e girato il mondo, che in una logica olistica affrontino la necessità di nutrire il pianeta partendo da una logica di responsabilità verso il territorio in cui operano”) significa ridare orgoglio all’economia di sussistenza a livello locale, all’economia di piccola scala. Significa rivisitare e rimodernare le tradizioni contro un falso concetto dell’economia; ma anche e soprattutto, significa fare comunità, cultura, economia e politica. “Stare sul territorio e rilanciare il territorio, anche attraverso il cibo, significa fare democrazia, e questa è la vera democrazia partecipata di cui abbiamo bisogno più che mai in Italia e – questa volta permettetemi il termine – a livello globale”.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende