Home » Eventi » Botteghe e farmer’s market salveranno il mondo. Parola di Carlin:

Botteghe e farmer’s market salveranno il mondo. Parola di Carlin

marzo 6, 2014 Eventi

Il cibo in quanto bene comune, ma soprattutto quale strumento di “liberazione”: è la diffusione di questo messaggio il merito che ha determinato il conferimento, a Carlo Petrini, del titolo Master Honoris Causa in Comparative Law, Economics and Finance, consegnato il 4 marzo presso il Teatro Vittoria di Torino dalle mani del  Prof. Ugo Mattei dell’International University College of Turin (IUC). Il fondatore di Slow Food, raccontano i promotori della laurea ad honorem, ha infatti costituito un modello di economia alternativa a quella globalizzata, che restituisce dignità alle comunità agricole, al lavoro, alle tradizioni, alla qualità. È la rivoluzione di concetto innanzitutto, culturale e poi politica ed economica, alle spalle di Slow Food (organizzazione oggi presente in oltre 150 paesi del mondo) e del network Terra Madre.

La cultura del cibo è oggi più che mai schizzofrenica. Viene promossa la grande produzione e la grande distribuzione, a scapito della qualità e del valore del prodotto – che non ha nulla a che vedere con il prezzo, ve lo posso garantire- e poi, però, a qualunque ora si accenda la televisione c’è qualcuno che spadella; e il cibo diventa status symbol, tanto che la maggior parte dei bambini dice di voler fare lo chef, senza neanche sapere cosa significhi davvero!”, tuona Petrini.

La rottura – secondo Carlin, inserito nel 2004 nella lista degli “Eroi Europei” redatta dal Time - si è aperta con la rivoluzione industriale, quando l’agricoltura da economia di sussistenza è passata a seguire la logica dell’accumulo. L’agricoltore, che prima produceva per il mantenimento della propria comunità, è stato invitato, sollecitato e facilitato a diventare “imprenditore agricolo” e su questo punto si racchiude tutto il fallimento dell’economia dell’abbondanza e dello spreco. “È evidente che con la morte dell’agricoltura di sussistenza si sono perse anche le diversità e la coesione sociale o senso di collettività. Per questo è necessario tornare al lavoro della terra, al locale, alla valorialità del cibo, come mezzo di recupero delle biodiversità, della dignità del lavoro e di contrasto al degrado delle campagne, che senza la manutenzione costante di chi la campagna la vive è in stato di totale abbandono. Pasolini diceva “Il giorno in cui questo paese perderà contadini e artigiani non avrà più storia” e oggi, eccoci, siamo alla deriva”.

Ma com’è possibile convincere i giovani che l’agricoltura è una reale alternativa quando oggi al produttore un chilo di carote viene pagato 30 centesimi per essere poi rivenduto al pubblico al doppio? Come, se un litro di latte viene pagato all’allevatore pochi centesimi per essere poi messo sul mercato industriale, impoverito di ogni proprietà, a più di un euro a scatola? Come si può parlare di lavoro valido e dignitoso in un paese in cui si lasciano marcire i frutti sugli alberi perché costa più raccoglierli che venderli?

È il paradosso di un sistema non sostenibile, che si basa sulla quantità e sul prezzo (basso, il più basso possibile). Ma è ora di invertire la rotta”, e di creare degli strumenti perché le economie locali e genuine possano essere rilanciate. E casca a pennello, allora, l’esperienza degli Stati Uniti – dove peraltro il supermercato è nato – dove l’associazione di Bra è stata chiamata proprio per promuovere la realtà dei mercati locali. Così, anche grazie all’impegno del Dipartimento dell’Agricoltura Statunitense (Usda) che negli ultimi anni ha incrementato gli sforzi per sostenere le opportunità di commercializzazione locali e regionali per i produttori, i farmers’ market sono passati dai 5.000 nel 2008 ai 12.000 di oggi e le vendite dirette degli agricoltori a singoli consumatori sono cresciute di oltre il 50%. “La grande capacità degli americani è quella di reinventarsi, così i giovani laureati si sono messi a lavorare la terra, con grande dignità, competenza e devozione”. E, anche, con un grande sistema di supporto e solidarietà. “Negli Stati Uniti sono nate le community supporter, che vanno oltre il nostro concetto di Gruppo di Acquisto Solidale. I cittadini anticipano i loro risparmi ai produttori che con il tempo ripagheranno in prodotti, tagliando così il sistema di debito/credito alle banche e creando un investimento che alimenta un processo assolutamente virtuoso e sano; ma anche sicuro perché, come si dice in piemontese, in mano ai contadini i soldi non li perdi mai”.

Questo significa creare le opportunità in un periodo di crisi e ridare un senso a un sistema ormai al collasso, sintonizzandosi con il presente. Per questo quando si creava il cibo globalizzato e industrializzato, Slow food ha sostenuto i presidi di agricoltori e contadini locali; quando si parlava di cibo di massa, Slow Food si preoccupava di valorizzare le eccellenze dei territori; ora è il momento di rivoluzionare la distribuzione contro lo strapotere della grande distribuzione organizzata che sta letteralmente distruggendo le economie locali.

“Nella via centrale del mio paese, continua Petrini – considerato da The Guardian tra le 50 persone che possono salvare il mondouna volta c’erano alimentari, panettieri, salumieri. Oggi ci sono solo banche, e la spesa si fa al centro commerciale”. Riprendere il territorio significa riprendere le redini del nostro futuro. Rigenerare il ruolo del bottegaio (“bottegai che abbiano studiato e girato il mondo, che in una logica olistica affrontino la necessità di nutrire il pianeta partendo da una logica di responsabilità verso il territorio in cui operano”) significa ridare orgoglio all’economia di sussistenza a livello locale, all’economia di piccola scala. Significa rivisitare e rimodernare le tradizioni contro un falso concetto dell’economia; ma anche e soprattutto, significa fare comunità, cultura, economia e politica. “Stare sul territorio e rilanciare il territorio, anche attraverso il cibo, significa fare democrazia, e questa è la vera democrazia partecipata di cui abbiamo bisogno più che mai in Italia e – questa volta permettetemi il termine – a livello globale”.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende