Home » Eventi »Internazionali »Politiche » Cambiamenti climatici, stallo nei negoziati:

Cambiamenti climatici, stallo nei negoziati

maggio 18, 2012 Eventi, Internazionali, Politiche

L’anno scorso nell’ultima puntata delle negoziazioni sul clima di Durban, i Paesi del mondo si erano accordati per un pacchetto di misure per ridurre le emissioni di gas serra e contrastare i cambiamenti climatici. Al termine del summit, si era concordato che la nuova intesa dovesse essere definita entro il 2015 ed entrare in vigore solo nel 2020 ma, ad oggi, gli obiettivi concreti e la tempistica rispetto all’attuazione degli interventi non sono ancora stati ancora fissati. Il Protocollo di Kyoto, in scadenza nel 2012, è stato nel frattempo prolungato per un periodo di “5 o 8 anni”.

Di questo si parla in questi giorni nella sessione di negoziati di Bonn, un incontro degli organismi sussidiari della UNFCCC (United Nations framework convention on climate change) per preparare la prossima conferenza delle parti sul clima che si terrà a dicembre a Doha.

“Durban è stato un punto di svolta in cui i governi hanno concordato compiti e scadenze che andranno nella direzione di evitare il peggio per il futuro dei cambiamenti climatici – ha affermato Christiana Figueres, Segretario Esecutivo dell’Unfccc in apertura della conferenza – Adesso abbiamo bisogno di mantenere alta l’attenzione per trasformare le decisioni politiche in azioni”. Nonostante i propositi della Figueres, le divisioni tra gli Stati sono profonde e al terzo giorno di negoziati sono molte le questioni non risolte, tanto da rischiare uno stallo sulla definizione dell’agenda: secondo l’Action Plan definito nella sessione di Bali del 2009, i paesi industrializzati, tra cui Europa e Stati Uniti, dovrebbero essere i primi ad aumentare il proprio livello di ambizione nel ridurre le emissioni di gas serra.

L’India, parlando a nome della coalizione Basic che include Brasile, Cina e Sud Africa, è intervenuta asserendo che le questioni irrisolte, come l’aumento di CO2 negli Stati Uniti in questi ultimi anni, non dovrebbero essere tenute fuori dal tavolo negoziale. Secondo il portavoce indiano “il fallimento nel raggiungere una soluzione soddisfacente e il completamento del lavoro dell’AWG-KP (il gruppo di lavoro che si occupa dei target di riduzione dei Paesi industrializzati secondo il Protocollo di Kyoto) nella Cop 18 senza ulteriori condizioni, nuocerebbe gravemente l’ambito di azione delle negoziazioni e l’implementazione di un regime per i cambiamenti climatici”.

Il punto della questione si ripercuote nella decisione se prorogare la fase II del Protocollo di Kyoto per 5 o 8 anni: l’Europa sta spingendo per gli 8, in modo da non provocare gap temporali tra i regimi di contenimento delle emissioni e poter anche continuare con i progetti di Clean Development Mechanism; i Paesi emergenti, e in particolar modo le piccole isole-Stato, vedono in questa mossa un tentativo di posticipare tutti gli obblighi al dopo 2020, con gravi ripercussioni sull’aumento della concentrazione di emissioni. Altro nodo controverso, sono le decisioni relative al Green Climate Fund, che dovrebbe portare a mobilitare risorse per 100 miliardi di dollari all’anno per il clima dal 2020: anche su questo punto non si è raggiunto l’accordo sulla nomina dei Paesi che dovrebbero far parte del consiglio di amministrazione del fondo, tanto da spingere i delegati a posticipare la prima riunione del consiglio a giugno.

Veronica Caciagli

 


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

gennaio 12, 2017

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

La difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà. Sono questi gli argomenti attorno cui ruota la mostra “Artico. Ultima frontiera” in programma dal 15 gennaio al 2 aprile 2017 [...]

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

gennaio 11, 2017

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

Dal 1° gennaio 2017 le aziende pubbliche del servizio idrico lombardo, che nei mesi scorsi avevano emesso una gara congiunta per la fornitura di energia elettrica, si riforniscono solo più con energia prodotta da fonti rinnovabili. L’opzione “verde”, che impegna il fornitore a consegnare energia al 100% ottenuta da fonti rinnovabili certificate, consentirà di evitare l’immissione [...]

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

gennaio 10, 2017

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

“Big things happen here” è il motto con cui la città americana di Dallas punta ad attrarre i turisti internazionali, compresi gli Italiani, ai quali è stato riservato anche l’hashtag #DallasValeUnViaggio. E in questo caso la grandezza degli investimenti in campo tiene sicuramente fede al claim: si parla infatti di progetti mirati ad una rivitalizzazione della [...]

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

gennaio 10, 2017

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

E’partita il 9 gennaio la campagna nazionale “Fitofarmaci? No grazie” sul portale di equity crowdfunding WeAreStarting, promossa dalla PMI Innovativa Noxamet, spin-off  nata dalla collaborazione tra i team di ricerca delle Università degli Studi di Pavia e di Siena sul progetto “Biotechnology” promosso dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). I due team universitari, il primo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende