Home » Eventi »Recensioni » Cibo e futuro del pianeta: il 18° CinemAmbiente apre con il film-evento “10 Billion”:

Cibo e futuro del pianeta: il 18° CinemAmbiente apre con il film-evento “10 Billion”

ottobre 7, 2015 Eventi, Recensioni

L’uomo non è più ciò che mangia. Non sa più cosa mangia. Forse perché non sa più chi è”. È l’ecotalk del professor Andrea Segrè, massimo esperto italiano di spreco alimentare, ad aprire a Torino la 18° edizione di CinemAmbiente. Eccezionalmente spostato ad ottobre, per intercettare – come ha spiegato l’assessore all’Ambiente Enzo Lavolta – il Forum Mondiale sullo Sviluppo Locale e l’arrivo del segretario generale dell’ONU, il festival di Gaetano Capizzi dedica quest’anno un’attenzione particolare al tema “cibo”.

Non che negli ultimi mesi se ne sia poco discusso. Ma nell’Italia dell’Expo, fra scorpacciate di insetti e pesci palla, padiglioni luna-park e pizze chilometriche, leccornie che costano come un gioiello e hamburger di McDonald, l’argomento sembra aver preso la piega della spettacolarizzazione. “La parola cibo ha smarrito il suo significato originario”, ha ricordato Segrè, prima di lanciarsi in una divertente e documentatissima lecture sul tema dell’anno. Cibo sprecato, negato, distrutto, cibo dietetico o ipercalorico, cibo alto e cibo basso, cibo spadellato in tv o esposto in mastodontiche sagre planetarie: “Ora però – ha concluso il professore – avremmo bisogno di un cibo educato”.

Tolto di mezzo il luna-park, CinemAmbiente mette allora l’accento su educazione e consapevolezza, partendo con un regista che ha dedicato diversi anni del suo lavoro a scoprire, studiare e spiegare i meccanismi dell’industria alimentare globale. Già autore di Taste the Waste (2011) e Foodsavers (2013), il tedesco Valentin Thurn, componendo un’ideale trilogia, torna ancora sull’argomento con 10 Billion – What’s on Your Plate?. “Il film è un sequel – racconta Thurn in collegamento via Skype, davanti a una platea gremita – La gente mi chiedeva di spiegare perché così tanto cibo oggi venga sprecato, mi chiedeva di trovare delle risposte, delle possibili soluzioni. Così mi sono messo in viaggio”.

10 Billion è appunto un lungo viaggio intorno al mondo, il cui itinerario è tracciato seguendo una catena di domande e risposte, il filo logico di un ragionamento che cerca di arrivare al cuore del sistema cibo. Thurn si pone le domande che ogni suo spettatore potrebbe farsi, ma ha il privilegio di poter andare a cercare le risposte a migliaia di chilometri di distanza, da un capo all’altro del pianeta. La prima domanda, quella cruciale, quella che ci perseguita come un incubo, quella che campeggia – insoluta – nelle agende di tutti potenti della Terra, è: cosa mangeremo quando, a metà del secolo, la popolazione mondiale raggiungerà i 10 miliardi?

Considerato che il mercato alimentare mondiale è controllato, per tre quarti, da una decina di multinazionali, il punto di partenza è presto trovato. La base della piramide non sono i campi coltivati, ma l’industria delle sementi, attualmente cuore caldo del dibattito sugli Ogm. Ma se nei laboratori di ricerca della Bayer sono convinti che l’unico modo per evitare una guerra globale per il cibo sia creare semi ibridi dalla super-resa, così non la pensa ad esempio l’indiana Kusum Misra, che, ispirandosi a Vandana Shiva, ha fondato una banca dei semi per rendere indipendenti gli agricoltori del suo paese.

Dalle risaie indiane alle fattorie biologiche tedesche, passando per le coltivazioni estensive di soia che letteralmente stanno rubando la terra agli africani (il famigerato land grabbing), l’agricoltura oggi è intrappolata in un dilemma: da una parte c’è il sistema industriale, che produce molto, ma consuma troppo in termini di suolo, acqua, energia, risorse naturali e ambientali; dall’altra, l’agricoltura biologia, che rispetta l’ambiente ed è certo più salutare, ma ha una resa decisamente inferiore (-25%). Thurn è chiaramente innamorato della seconda, ma ha l’onestà di chiedersi se sia una soluzione sufficiente quando la si estenda su scala globale.

Il nodo cruciale – ragiona il regista – non è quanto, ma cosa mangiamo. Finché mangeremo carne (e ne mangeremo sempre di più, come dimostra la crescita dell’industria del pollame in un paese tradizionalmente vegetariano come l’India), le risorse in gioco saranno sempre troppe. Oggi più di un terzo della terra coltivabile è utilizzato per produrre mangimi per bestiame. “Se tutta la popolazione mondiale consumasse tanta carne quanta se ne consuma nei paesi occidentali, avremmo bisogno delle risorse di tre pianeti”. Thurn si mette allora sulle tracce delle soluzioni più tecnologiche e avveniristiche per eliminare la dipendenza dalle risorse naturali, andando a curiosare in una asettica ed efficientissima fabbrica di insalata giapponese, che impacchetta nove raccolti all’anno senza utilizzare neanche un metro quadrato di terra, o assaggiando un pionieristico hamburger sintetico, in tutto e per tutto uguale alla carne, ma prodotto da cellule staminali in un fantascientifico centro di ricerca di Maastricht.

Che sia il cibo del futuro? Forse, ma di sicuro non fino a quando una polpetta costerà quanto una vacanza ai Caraibi. Perché l’ultima, ma fondamentale questione affrontata dal film, in un mondo in cui la forbice della diseguaglianza sociale è sempre più ampia, è proprio l’accessibilità al cibo. Speculazione e finanza non dovrebbero dettare legge in un settore in cui la “merce” è necessità vitale per ogni essere umano. Si fa strada allora, come ideale soluzione a sprechi, diseguaglianze e sostenibilità, la via dell’autoproduzione e dell’auto-sostentamento. Una visione di mondo in cui, dal piccolo villaggio africano alle transition town europee, dalla comunità di contadini indiani alla fattoria urbana di Milwaukee, dai tedeschi CSA (Community Supported Agriculture) alle azioni di guerrilla gardening di un’intraprendente signora inglese (Incredible Edible), siano i consumatori ad interessarsi in prima persona, e sporcandosi le mani con la terra, di cosa andrà a finire nei loro piatti.

Giorgia Marino

Giorgia Marino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende