Home » Eventi »Nazionali »Politiche » Clini apre il Festival dell’Energia:“Informazione più corretta e libera su fonti e tecnologie”:

Clini apre il Festival dell’Energia:“Informazione più corretta e libera su fonti e tecnologie”

giugno 12, 2012 Eventi, Nazionali, Politiche

“Energia per ripartire”. Questo il filo conduttore dei quaranta appuntamenti che animeranno l’edizione 2012, la quinta, del Festival dell’Energia, la tre giorni che prende il via il prossimo 15 giugno, a Perugia.

Organizzato da Aris, l’Agenzia di Ricerche Informazione e Società, guidata da Alessandro Beulcke, il Festival è stato presentato il 6 giugno alla Stampa Estera, a Roma, alla presenza del ministro dell’Ambiente Corrado Clini.

Ci vuole energia per raccogliere le sfide, energia per lanciarle, energia per cambiare e promuovere il futuro, sembrano suggerire gli organizzatori. Ma, prima ancora, è necessaria un’informazione corretta, “non orientata dai produttori ma libera”, spiega ai giornalisti il ministro Clini, che parla a tutto campo di energia e in particolare, dei nodi che ostacolano ancora il futuro energetico del Paese.

In questa chiave, “comunicare la questione energetica, come si propone di fare il Festival, diventa un lavoro utile nella misura in cui riesca a spiegare, in maniera trasparente, i criteri di valutazione delle diverse fonti energetiche ma anche i differenti interessi in campo; a fare chiarezza sui costi dell’elettricità e, dunque, sul perché la bolletta degli italiani costa – mediamente – il 30 per cento in più rispetto agli altri paesi dell’Unione”. Questo, per Clini, significa, “affrontare senza mezzi termini, il tema delle infrastrutture di riferimento” che creano “una situazione distorsiva del costo dell’elettricità”. E non solo perché, sottolinea il ministro, “non abbiamo materie prime”, ma anche (e principalmente) per via del fatto che “è stato costruito un sistema chiuso, non competitivo”, in cui il prezzo è stato posto “in funzione dell’unica azienda che produceva e distribuiva energia elettrica”. Con la liberalizzazione del settore, “e lo spezzettamento del monopolista”, naturalmente si sono create le tipiche “tensioni” che accompagnano sempre qualsiasi trasformazione reale in un ambito che vede interessi forti e contrapposti.

La stessa trasformazione che Clini auspica relativamente al settore del gas con Snam-Eni, quella di “aprire una stagione di liberalizzazioni come risposta al bisogno di diversificare gli approvvigionamenti”, e lavorare sull’obiettivo di rendere “l’Italia un hub, un polo di quest’infrastruttura energetica”.

Il tema di come costruire un’informazione corretta sul nodo energia, secondo Clini, è fondamentale anche per venire a capo delle distorsioni esistenti nel sistema-Italia: “Se la nostra prospettiva è quella di incardinarci in uno scenario competitivo globale, allora occorre comprendere su quali scelte puntare – in termini di politiche energetiche – per essere competitivi e crescere”.  “Abbiamo bisogno di energia pulita”, prosegue, “ma anche di concorrenza”: e nella relazione che c’è tra  ambiente ed energia, “un possibile modo per coniugarli passa proprio attraverso un riequilibrio delle diverse fonti e tecnologie”.

Più protezione dell’ambiente, dunque, e più concorrenza in ambito energetico, questa la ricetta proposta dal rappresentante del governo: questo vuol dire rivedere le politiche di incentivazione dei combustibili fossili: “Nel 2011, Cina e Usa hanno investito 50 miliardi di dollari in energia pulita e l’India ha aumentato i propri investimenti del 58 per cento rispetto al 2010”, questi numeri, spiega Clini, “per avere un’idea di come riorientare la crescita italiana, legando il nostro sviluppo al mercato mondiale”.

Eppure, mentre Cina e America muovono risorse importanti in quella direzione, “noi le utilizziamo per conservare vecchi sistemi del passato che, negli ultimi anni, hanno prodotto solo cassa integrazione”. Ecco cosa vuol dire, secondo Clini, il claim del Festival “Energia per ripartire”: che l’opinione pubblica, attraverso l’informazione, maturi una consapevolezza diversa, che la porti a riconsiderare i punti di riferimento tradizionali, a comprendere che “non esistono più punti fermi e se ci sono, non sono gli stessi degli anni ’80 e ’90”.

“L’energia è un tema cruciale”, conclude Beulcke, “che sta cambiando il volto del panorama industriale, sociale e perfino urbano, nel nostro Paese come nel mondo. E che chiama in causa la politica nazionale, le amministrazioni territoriali, i decisori economici e il mondo della ricerca”. Questo per sottolineare come il Festival si proponga di offrire contributi diversi su diversi fronti: dalle città intelligenti – su cui interverrà, tra gli altri, l’antropologo francese Marc Augé - all’efficienza energetica, dalle innovazioni tecnologiche ai nuovi equilibri di mercato.

Dibattiti, mostre, visite guidate, inviti alla lettura, iniziative speciali per i più piccoli: tutti gli eventi in programma declineranno l’energia in chiavi diverse, dalla bolletta e i diritti dei consumatori, al tema degli sprechi e alle professioni del futuro nel campo della green economy.

Non solo tavole rotonde e talk-show. Anche mostre didattiche interattive come quella sull’idrogeno oppure la visita alla centrale idroelettrica più grande d’Italia , a Galletto, in provincia di Terni. Oltre alle proposte rivolte al pubblico più giovane, come la caccia al “tesoro sostenibile” e il percorso ludico-didattico “energeticamente”.

Sarà possibile ricevere aggiornamenti sulla tre giorni del Festival seguendo la diretta Twitter dall’account @FestivalEnergia, e il lancio dell’hashtag #latuaenergia.

Ilaria Donatio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende