Home » Eventi »Nazionali »Politiche » Conca d’oro: nascita e morte di un paesaggio agrario palermitano:

Conca d’oro: nascita e morte di un paesaggio agrario palermitano

gennaio 25, 2013 Eventi, Nazionali, Politiche

“Come è potuto accadere che la Conca d’oro in cui è collocata Palermo, la conchiglia più bella nella quale Venere fu portata attraverso il placido mare, il paesaggio di giardini e di frutteti, di fatiche umane, di biodiversità e di dolcissimi mandarini, il luogo che Stendhal aveva definito come il paese dove gli aranci crescono in piena terra, com’è potuto accadere che la Conca d’oro sia stata sepolta da trecento milioni di metri cubi di cemento?“, si domanda Giuseppe Barbera nel suo nuovo libro “Conca d’oro“.

Nell’ultimo seminario del ciclo “Incontri con il paesaggio“, organizzato nell’ambito del corso di laurea magistrale in Progettazione delle Aree Verdi e del Paesaggio a Torino, l’Assessore alla Vivibilità di Palermo, docente universitario di Arboricoltura in trasferta, traccia le varie fasi che hanno portato allo scempio ambientale della città siciliana.

Racconta Barbera che nel 1957 un famoso naturalista nei pressi di Palermo osservò una stranezza: due pulci d’acqua, di specie diversa, che condividevano la stessa polla; da qui l’intuizione che sta alla base della nozione di biodiversità. Ecco cos’è, prima di tutto, la Conca d’oro: «Fertile concetto: aura concha, che della conca, della conchiglia e del grembo racchiude la fecondità e la sensualità. Un’idea unitaria, durata centinaia di generazioni, capace di produrre molte altre idee nelle mani e nelle menti, già dai segni delle incisioni rupestri». La qualità della Conca d’oro sta nell’incrocio di produttività e di bellezza. Trecento generazioni di agricoltori, racconta Barbera – che è anche collaboratore del Fai per il recupero della Kolymbetra nella Valle dei Templi e del giardino Donnafugata nell’Isola di Pantelleria – hanno adattato i frutteti a giardini, protetti da una barriera di montagne che preservano il clima, forniscono acqua e che indussero Braudel a usare l’aggettivo “paradisiaco”.

Il paesaggio palermitano è un paesaggio culturale, un sistema equilibrato che modula le risorse disponibili dando alla natura una forma, una “porzione del mondo visibile incorniciata entro limiti che ben distinguono la pianura costiera”. Il paesaggio di Palermo è percepibile come la scena di un teatro, dove l’uomo è attore ed anche spettatore di queste inenarrabili bellezze panoramiche. Emilio Sereni, autore della “Storia del Paesaggio Agrario Italiano” (Laterza, 1961) aveva definito così il contesto ambientale del giardino mediterraneo: “E’ composto da appezzamenti irregolari, chiusi, dominati dalla necessità di proteggere le culture arboree ed arbustive dal morso dei greggi, ed i loro frutti dai furti campestri”. Ma il giardino di orti, frutta ed alberi, coronato dai monti rosa-violetto e fermato dal mare, su cui sorse Palermo, coltivato dai millenni, è stato cancellato dal cemento e dalla mafia in cinquant’anni. Della bellissima città del Gattopardo, caratterizzata dalla perfezione del paesaggio e da frutteti profumati, è rimasto ben poco: dagli anni Cinquanta ad oggi, a ritmi forsennati, si è costruito sull’80% del suolo disponibile. “La Conca d’oro fu l’opera dei palermitani; laboratorio perenne di diversità biologica; archetipo, con le sue infinite combinazioni, di un modo di civilizzazione. Tanto da trasmettere la certezza che la sua agonia cementizia, sia l’agonia della civiltà cittadina”.

Purtroppo il caso di Palermo è solo una delle innumerevoli situazioni  critiche in Italia: il paesaggio agrario, quella “forma che l’uomo, nel corso e ai fini delle sue attività produttive agricole, coscientemente e sistematicamente imprime al paesaggio naturale”  come spiegava Sereni,  è oggi completamente diverso e compromesso dall’ignoranza dell’uomo. L’uomo, nel tempo, ha contribuito a modificare irreversibilmente il paesaggio nel suo assetto fisico per adattarlo alle proprie esigenze, strettamente legate ai suoi bisogni alimentari e secondo specifiche dinamiche economiche. La qualità di un paesaggio si misura anche in termini di riconoscibilità di ogni sito e dell’equilibrio delle sue componenti: in questa direzione dovrebbero andare le azioni del governo locale, a partire dalla pianificazione fino alla progettazione, con uno sguardo più ampio di connessione tra i sistemi paesistici, mantenendo la biodiversità e cercando di evitare il più possibile cementificazioni inutili e frammentazioni del territorio. Preservare la diversità del paesaggio, del resto, è l’unico modo possibile per creare uno sviluppo sostenibile e per regalare ancora un futuro alle nuove generazioni. Ora, con le elezioni politiche alle porte, sapremo presto se si vorrà costituire veramente un nuovo assetto che rispetti il patrimonio culturale-ambientale o se – per dirla con le parole di Salvatore Settis - “lo Stato-Saturno continuerà a divorare i propri figli”.

Valentina Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

aprile 19, 2017

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

Saranno le “destinazioni”, ossia gli esercizi commerciali che offrono prodotti e servizi (palestre, cinema, teatri, negozi ecc.) a pagare con sempre maggiore frequenza il costo dell’auto in car sharing? Ne è convinta Share’ngo, il primo operatore italiano di car sharing elettrico, che dopo le prime esperienze con Carrefour Express e Carrefour Market a Milano, renderà [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende