Home » Eventi »Idee » Conferenza Mobility Managers: meno auto e più ecologiche:

Conferenza Mobility Managers: meno auto e più ecologiche

marzo 28, 2011 Eventi, Idee

L’Italia si muove, e parecchio. Ma l’alternativa all’utilizzo eccessivo delle automobili, con tutte le relative conseguenze, non può essere la “demobilità”. Così ci si organizza in reti, associazioni, tra Comuni e, da qualche tempo all’interno delle aziende c’è una figura professionale specifica (e specializzata): il Mobility Manager.

Euromobility è infatti l’Associazione Nazionale dei Mobility Manager, impegnata dal 2000 nella promozione  e nello sviluppo di politiche per il trasporto e la mobilità all’interno di imprese private, enti e pubbliche amministrazioni, e ha scelto l’Environment Park di Torino per organizzare, venerdì 25 marzo, l’11^ Conferenza Nazionale. “Torino è un contesto ideale – ha detto il Presidente di Euromobility Arcangelo Merella anche alla luce delle politiche per la mobilità e per il rafforzamento del trasporto pubblico e della bicicletta nel corso degli ultimi anni”.

La Conferenza si è aperta con il confronto tra le più avanzate esperienze europee (dalla Germania, all’Inghilterra, dalla Svizzera alla Francia), soprattutto in vista della recentissima adesione dell’Italia (attraverso il Ministero dell’Ambiente) ad EPOMM European Platform on Mobility Management, la rete di Paesi europei impegnati nella promozione del Mobility Management.

Secondo Lorenzo Bertuccio, Direttore di Euromobility e moderatore della sessione matttutina del convegno, “é necessario che si affermi una cultura del cambiamento, che favorisca un mutamento dei costumi, delle abitudini e di un forte impegno, anche finanziario, per affrontare più seriamente il tema della mobilità nelle aree urbane”.

Anche i “cugini francesi” confermano, per voce di Jean-Marie Guidez, rappresentante del Ministero dell’Ecologia, Energia e Sviluppo Sostenibile, che rilancia il bisogno “di economizzare gli spostamenti, di una mobilità ragionata, di cui la politica deve farsi, per prima, portavoce e promotrice, attraverso interventi coraggiosi che rendano le città equilibrate e soprattutto affidabili”, perché il cittadino deve poter arrivare puntuale ad un appuntamento utilizzando una “rete di trasporti sostenibili”, spostandosi in tram, in metropolitana, in bici (con la propria o affittandola) o a piedi. “La politica, continua Guidez, deve fornire gli strumenti perché questo sia possibile. E vi posso garantire che le politiche coraggiose hanno vinto e, per fare gli esempi francesi di Lille, Grenoble e Strasburgo, le amministrazioni sono state riconfermate, acquistando la fiducia degli elettori”.

Creare l’alternativa pare dunque essere l’unica soluzione possibile.

Come rilevato, aumentano del resto gli utenti del bike sharing (più 51% solo nell’ultimo anno), con Milano regina del servizio, con oltre 1.400 biciclette disponibili e Torino, che in poco tempo ha predisposto 116 stazioni, subito al seguito. Torino è inoltre la città che può vantare il car sharing più avanzato e di successo del Paese, che ora si sta allargando anche alla provincia e a mezzi di trasporto commerciali.

Poi ci sono le auto ecologiche, spiega Roberto Rizzo, giornalista scientifico e autore del libro “Guida all’auto ecologica”, che utilizzano energia pulita al posto dei combustibili fossili. L’auto elettrica è un’ottima soluzione che ha fatto un salto tecnologico da gigante con le nuove batterie a ioni di litio, che raggiungono una densità di energia doppia rispetto alle batterie precedenti, ricaricabili a casa o tramite le colonnine per strada”. Ormai le auto ibride, veicoli con un motore termico e uno o due motori elettrici, sono una realtà consolidata (“sarebbe necessario un investimento per aumentare le colonnine di ricarica, dice Rizzo, per rendere il servizio più comodo e convincente per gli utenti”), così come le automobili a gas. “In Italia contiamo 1 milione 500 automobili a Gpl e 500 mila a Metano, spiega Alessandro Tramontano, Presidente di Consorzio Ecogas, e rispettivamente 2.350 e 760 distributori”. Le Città che già vanno a tutto gas con Gpl e Metano sono oggi Ravenna e Ferrara, con percentuali di veicoli a gas superiori al 16%.

Il tasso di motorizzazione resta però per l’Italia il più alto d’Europa: 61 auto ogni 100 abitanti nelle principali 50 città italiane contro la media europea di 46. “Ne approfitto, continua il Presidente Tramontano, per rivolgere un invito alle alte cariche perché mettano a disposizione fondi per gli incentivi. La richiesta registra un importante gradimento, ma è chiaro che quando l’incentivo è statale, la campagna ha maggiore successo”.

Nel corso della giornata è stato anche assegnato il Premio “Pensieri&Pedali“, riconoscimento attribuito ogni anno a personaggi della cultura e dello spettacolo che hanno dedicato particolare attenzione alla bicicletta. Il premio è andato a Bruno Gambarotta, giornalista, convinto pedalatore a Torino, che ha ironicamente ribadito: “sono in crisi, ho 45 di piedi e peso 108 chili, se non usassi la bicicletta, la mia mole sposterebbe da sola un gran numero di polveri”.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende