Home » Eventi »Internazionali »Nazionali »Politiche »Twitter » Conferenza sul Clima di Varsavia: alcuni progressi, ma mancano gli impegni:

Conferenza sul Clima di Varsavia: alcuni progressi, ma mancano gli impegni

Si è conclusa sabato, con un giorno di ritardo, la diciannovesima Conferenza delle Parti (COP19), a Varsavia: dopo 2 settimane di lavori, gli Stati hanno approvato alcuni importanti documenti per raggiungere un trattato globale sui cambiamenti climatici. L’obiettivo è quello di arrivare a siglare nella Conferenza di Parigi in programma per il 2015 (COP21) un protocollo legalmente vincolante che distribuisca in modo equo tra gli Stati gli impegni di riduzione delle emissioni di CO2 e altri gas serra responsabili del riscaldamento globale.

Da Varsavia sono arrivate alcune importanti novità: sono stati approvati ufficialmente i meccanismi “REDD+” (Reduced Emissions from Deforestation and Degradation) e il nuovo “Loss & Damage”, attraverso il quale i Paesi in via di sviluppo più vulnerabili agli effetti del surriscaldamento globale del Pianeta, e in primis le piccole isole-Stato del Pacifico che saranno sommerse dall’aumento del livello del mare, riceveranno dei fondi per rimediare ai danni dei cambiamenti climatici. E’ stato approvato anche un documento sui finanziamenti, riaffermando il ruolo del Green Climate Fund istituito nella COP di Cancun del 2010.

Anche riguardo alla negoziazione che dovrebbe portare al nuovo Protocollo di Parigi, nella COP19 di Varsavia ci sono stati dei piccoli progressi: proprio questo testo negoziale è stato l’oggetto della maratona finale di 40 ore di intensa contrattazione, andata avanti tutta la notte di venerdì. Nel testo negoziale originario si prevedeva che tutti i Paesi dovessero sottoporre all’UNFCCC i propri “impegni” (“commitments”) per la lotta ai cambiamenti climatici entro il primo trimestre del 2015; nel documento finale approvato questa parola è stata cambiata in “contributi” (“contributions”). Ogni Stato quindi avrà l’onere di formulare il proprio contributo per il clima, in termini di misure per il taglio delle emissioni climalteranti, da portare in dote ai prossimi round negoziali. Questo approccio bottom-up permette agli Paesi di stabilire autonomamente come e quanto impegnarsi per il clima; purtroppo con questo sistema decisionale non è possibile emettere giudizi definitivi sull’efficacia delle azioni nazionali, in quanto non ne conosciamo ancora la portata. Per questo motivo alcuni osservatori hanno già decretato che il processo negoziale è stato un fallimento: mancano ancora i numeri, ovvero i “budget di gas serra” (“carbon budgets”). Alcune ONG hanno perfino lasciato la Conferenza nella giornata di giovedì, per protestare contro questa grave mancanza.

Il processo negoziale era stato avviato nel 1972 alla Conferenza di Rio, che aveva creato l’UNFCCC, l’organismo ONU che si occupa di cambiamenti climatici. Da allora gli Stati aderenti alle Nazioni Unite si incontrano periodicamente per stabilizzare l’aumento di temperatura globale a un livello che non sia pericoloso per l’uomo. Questo livello è fissato a +1.5-2° gradi centigradi rispetto ai livello preindustriali; considerando che siamo già arrivati a un aumento globale medio di 0,8°, appare chiaro quanto urgente sia prendere delle misure idonee a bloccare la concentrazione di anidride carbonica e degli altri gas in atmosfera. Proprio in questo processo negoziale, nel 1997 era stato approvato il Protocollo di Kyoto, il primo trattato internazionale che poneva degli impegni per la diminuzione di 6 gas serra per i Paesi industrializzati, valido nel periodo 2008-2012. Adesso che il Protocollo di Kyoto è scaduto, la trattativa prosegue per giungere a un nuovo trattato, che dovrebbe essere siglato a Parigi nel 2015, per entrare poi in vigore dal 2020.

La strada per un Protocollo globale è ancora in salita; per sapere se riusciremo a vincere la sfida per il clima dovremo attendere le prossime due conferenze: a Lima nel 2014 e a Parigi nel 2015.

Veronica Caciagli

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende