Home » Eventi »Recensioni » Confessioni di un eco-peccatore al Festival dell’Energia di Lecce:

Confessioni di un eco-peccatore al Festival dell’Energia di Lecce

maggio 20, 2010 Eventi, Recensioni

Schermata 2010-05-20 a 11.49.59In occasione della terza edizione del Festival dell’Energia, in corso a Lecce fino al 23 maggio, abbiamo intervistato in esclusiva il giornalista scientifico ed esperto di ambiente Fred Pearce sui temi della conferenza di domani alle 15.30 presso i Chiostri Teatini di via Vittorio Emanuele.

La conferenza di Fred Pearce al Festival dell’Energia di Lecce, dato il contesto, verterà sui temi trattati nel libro Confessioni di un eco-peccatore: un viaggio all’origine delle cose che compriamo in cui Pearce ha seguito un itinerario di quasi 200.000 chilometri attraverso una ventina di Nazioni, dal Congo alla Tanzania alla Cina e al Bangladesh. Un viaggio che prende l’avvio da una domanda apparentemente semplice – e, nel caso di Pearce, con risvolti personali purtroppo tragici: da dove provengono tutte le componenti di un telefono cellulare? Il cellulare in questione è quello di Joe Pearce, figlio di Fred, morto all’improvviso mentre faceva jogging all’età di 19 anni a causa di una malformazione cardiaca mai diagnosticata.

Il giornalista, ripercorrendo a ritroso la “vita” di questo telefono Nokia 2003, ha scoperto un mondo incredibile, fatto di città letteralmente create dall’industria dei cellulari – come la cinese Shenzen -, minerali potenzialmente pericolosi estratti dalle viscere della Terra arricchendo signori della guerra congolesi e, fortunatamente, anche un finale più lieto: tra i tanti modi possibili di smaltire un cellulare non più utilizzato, infatti, Pearce ne ha scoperto uno “eticamente buono”. Il cellulare di Joe, infatti, è stato affidato alla piccola società Phones for Africa, con sede in Tanzania, che usa i ricavi della vendita per finanziare le attività di Wonder Welders, una impresa ancora più piccola che consente ai ragazzi del luogo di specializzarsi come artigiani e fabbricare e vendere sculture di animali.

D) Perché ha deciso di definirsi un “eco-peccatore”? Pensa davvero che essere un consumatore ed essere un peccatore altro non siano che due facce della stessa medaglia?

R) Siamo tutti eco-peccatori. Tutti noi abbiamo un impatto terribile sul nostro pianeta a causa di ciò che consumiamo. D’altro canto, mi interessava capire se possiamo anche fare qualcosa di buono, specialmente dal punto di vista sociale, come ad esempio comprando merci equosolidali e così via. Ho scelto di inserire nel titolo del libro la parola “confessioni” perché non volevo che fosse un libro che dice alla gente ciò che deve fare. Mi sono limitato a investigare, con tutta l’onestà possibile, i miei impatti (buoni e meno buoni) sul pianeta e sui suoi abitanti.

D) In base alla sua esperienza, dovremmo smettere di comprare beni importati (a causa dei grandi costi ambientali che ne derivano), oppure continuare a comprarli con la speranza di migliorare l’economia delle nazioni più povere? O esiste forse una terza via?

R) Non è sempre detto che sia giusto smettere. L’impronta ambientale dovuta ai trasporti, molto spesso, è soltanto una piccola parte dell’impronta complessiva di un prodotto. Ci sono anche questioni etiche relative al miglioramento delle condizioni di vita della gente che lavora nei Paesi in via di sviluppo, tipicamente molto poveri. In queste Nazioni molte delle nostre attività hanno effetti nocivi, ma in alcuni casi particolari – come quello degli agricoltori kenioti che coltivano fagioli – mi è sembrato chiaro che comprare ciò che producono sia una “buona azione”. Non è sempre così semplice, tuttavia: spesso ciò che è buono per l’ambiente non lo è dal punto di vista sociale, e viceversa. E alcuni potrebbero avere un’idea diversa dalla mia su dove è situato il punto di equilibrio… Il mio intento – e la mia speranza – consistono nell’incoraggiare la gente a riflettere su queste tematiche.

D) Durante il suo viaggio ha vissuto momenti in cui si è sentito particolarmente sfiduciato?

R) Sì, in effetti i momenti in cui ho perso il mio senso dell’ottimismo sono stati molti. In quelle che una volta erano le coste del Mare di Aral, ad esempio, e quando ho parlato con gli allevatori di gamberi in Bangladesh. E devo dire che, più recentemente, anche quando sono stato alla Conferenza sul Clima di Copenhagen ho fatto molta fatica.

D) Leggendo il suo libro, tuttavia, sembra che, alla fin fine, lei sia un ottimista: è d’accordo con questa interpretazione?

R) Sì, sono ottimista perché sono in grado di vedere come possiamo migliorare il mondo, come fare le cose in modo migliore. Naturalmente è anche possibile che non stiamo facendo le cose giuste. Facciamo così tante cose sbagliate, a dire il vero, che a volte mi ritrovo a essere piuttosto pessimista, come nei casi citati in precedenza. Tuttavia, secondo me molti ambientalisti sono caduti nella trappola del pessimismo, mentre io sono convinto che l’ottimismo sia fondamentale. Perché, se diventiamo troppo pessimisti, smetteremo di provare a migliorare le cose.

Eva Filoramo

Fred Pearce, giornalista scientifico e consulente ambientale di New Scientist, collabora regolarmente con The Independent, The Guardian e con il London Daily Telegraph e ha scritto svariati rapporti per l’UNEP, la Banca Mondiale e per l’Agenzia Europea per l’Ambiente. Nel 2001 è stato nominato giornalista ambientale dell’anno in Gran Bretagna. È autore di numerosi libri, tra cui Un pianeta senz’acqua (il Saggiatore 2006), Confessioni di un eco-peccatore (Edizioni Ambiente, 2009) e il più recente Il pianeta del futuro (Bruno Mondadori, 2010), in cui si è concentrato sugli andamenti demografici della popolazione umana e sui possibili scenari futuri.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende