Home » Eventi »Internazionali »Politiche » Congresso Mondiale dei Parchi: il turismo sostenibile come risorsa economica e ambientale per il futuro del Pianeta:

Congresso Mondiale dei Parchi: il turismo sostenibile come risorsa economica e ambientale per il futuro del Pianeta

novembre 19, 2014 Eventi, Internazionali, Politiche

Si conclude oggi a Sydney il Congresso Mondiale dei Parchi organizzato dalla IUCN, l’istituzione internazionale dedicata alla conservazione e gestione delle aree protette nel mondo. Un appuntamento che si ripete ogni 10 anni e che in questa edizione ha inteso lanciare il ruolo del turismo sostenibile non solo come risorsa per la manutenzione delle aree protette, ma anche e soprattutto come contributo alle economie nazionali e alla salvaguardia dell’ambiente.

Ad avallare questa tesi  il rapporto Tourism and Visitor Management in Protected Areas: Guidelines for Sustainability che, grazie al lavoro di 50 esperti provenienti da 23 paesi diversi, ha presentato numerosi casi studio relativi a 45 siti intorno al mondo, spaziando dal Perù alla Namibia. “Il turismo nelle aree protette può rappresentare una forza positiva che porti l’amministrazione di queste aree a migliorare sempre più e aumentare i proventi necessari per la protezione a lungo termine delle zone stesse” ha dichiarato Yu-Fai Leung, coordinatore principale del rapporto nonché membro del WCPA Tourism and Protected Areas Specialist Group dell’IUCN. “La diminuzione dei visitatori diventa un segnale di scarso interesse politico per gli spazi naturali. Nel report abbiamo voluto stilare delle linee guida per migliorare la gestione del turismo sostenibile, incluse le misure per proteggere al meglio questi siti così importanti”.

Secondo il report, il turismo internazionale ha un giro di affari di trilioni di dollari, la World Tourism Organization stima un incremento futuro del 3,3% annuale fino al 2030. E le aree protette, inclusi i parchi e i siti patrimonio dell’umanità, sono le attrazioni più importanti per i turisti interessati alla natura e alla vita “selvaggia” (wildlife) nel mondo. I governi, le amministrazioni delle aree protette, i tour operator, i membri delle comunità locali, i commercianti possono tutti beneficiare dei proventi di questo tipo di turismo sostenibile.

In quest’ottica diventa strategico il ruolo della politica ambientale, che deve identificare e valutare i costi effettivi e l’impatto del turismo nelle aree protette, in modo da definirne con chiarezza le opportunità e le sfide relative allo sviluppo. Un approccio che anche in Italia sta cominciando a tenersi in considerazione. Martedì 18 novembre a Cosenza si è svolto infatti il convegno “Agricoltura e Parchi: le opportunità del Turismo Sostenibile” organizzato dalla Fondazione UniVerde in collaborazione con FederParchi, mentre a maggio 2015 anche Greenews.info dedicherà al tema “Ecoturismo: natura, sport, enogastronomia“, il 5° Workshop IMAGE, a Torino.“Dall’ultimo rapporto realizzato dalla Fondazione UniVerde e IPR Marketing sul turismo sostenibile e il rapporto con gli italiani – ha spiegato Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde e già Ministro dell’Ambiente –  emerge che il 54% degli ecoturisti sceglie di trascorrere le proprie vacanze nei parchi perché c’è la possibilità di conoscere le tradizioni locali e il 42% perché intende partecipare a percorsi enogastronomici. Questi dati dimostrano come l’agricoltura e la nostra rete naturale debbano convivere per aumentare i flussi turistici, contribuendo a creare nuove opportunità occupazionali sia nel settore agricolo che turistico, garantendo la protezione dell’ecosistema e della biodiversità”.

L’invito di Pecoraro Scanio a una gestione virtuosa del turismo sostenibile trova un suggerimento interessante in un articolo pubblicato recentemente su Nature redatto dagli esperti della Wildlife Conservation Society, l’Università del Queensland e la World Commission on Protected Areas (WCPA). Qui si sostiene infatti che con un budget annuale fra i 45 e i 76 miliardi di dollari, pari al 2,5% della spesa militare annuale globale, si potrebbe sostenere adeguatamente la gestione delle aree protette.

“Queste zone ci offrono una soluzione ad alcune delle problematiche più pressanti dei giorni nostri” dichiara James Watson della Wildlife Conservation Society, nonché principale autore dello studio pubblicato su Nature. Le aree naturali protette conservano infatti la biodiversità e sostengono gran parte delle popolazioni più povere del mondo fornendo loro cibo, acqua, riparo e medicine. Giocano inoltre un ruolo fondamentale nel mitigare i cambiamenti climatici e contribuiscono all’economia nazionale attraverso il turismo. In Ruanda, per esempio, i proventi originati dalle visite sulle montagne dei gorilla dentro il Parco Nazionale dei Vulcani raggiungono i 200 milioni di dollari all’anno e rappresentano per il paese la più importante fonte di scambio con l’estero. In Australia, il budget del 2012-2013 allocato per il Parco Nazionale marino della Grande Barriera Corallina è stato di circa 50 milioni di dollari australiani, ma i proventi originati dal turismo hanno consegnato 5,2 miliardi all’economia annuale nazionale.

“Se continuiamo a ‘fare business come si è sempre fatto’ – continua James Watson – ci prepariamo piuttosto alla sconfitta. Un cambiamento radicale nella valutazione, nel finanziamento, nella gestione e amministrazione di queste zone non è né impossibile né utopistico e a livello economico rappresenterebbe una minima parte di quello che il mondo spende ogni anno per la difesa militare”.

Il World Parks Congress 2014 di Sydney ha offerto un primo importante stimolo anche all’Italia, con il riconoscimento del Parco Nazionale del Gran Paradiso nella Green List delle aree protette, che sarà presto lanciata in tutto il mondo come certificazione di riferimento per riconoscere quei parchi che meglio lavorano nella valorizzazione e protezione dell’ambiente e del territorio.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

dicembre 4, 2020

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

La sostenibilità e l’attenzione alle tematiche ambientali e sociali si sta confermando tema chiave per le aziende, in quanto strumento importante di competitività e di attrattività verso gli investitori e il mercato, come dimostra il sondaggio Ipsos sul tema dell’economia circolare, presentato all’EcoForum di Legambiente lo scorso ottobre, secondo il quale un’impresa su quattro investe [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende