Home » Eventi » Convegno Aiab: il biologico come modello economico e ambientale virtuoso:

Convegno Aiab: il biologico come modello economico e ambientale virtuoso

dicembre 6, 2011 Eventi

Milano è stata per una settimana capitale del biologico. Dal 30 novembre al 4 dicembre,  ricercatori, politici, economisti e agricoltori di tutta Italia, ma anche esperti internazionali, si sono radunati nel capoluogo lombardo per il Congresso Federale dell’Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica (Aiab). Un evento che ha coinvolto l’intera cittadinanza grazie all’iniziativa ‘Milano MangiaBio’, che ha visto diversi ristoranti e bar offrire menu e happy hour rigorosamente biologici.

Le crisi alimentari e le speculazioni sulle commodities hanno riportato in primo piano, nell’agenda politica nazionale e internazionale, la questione del cibo. A fronte del degrado e della scarsità delle terre (lo ha denunciato la Fao nel suo ultimo rapporto sull’agricoltura), contadini, agricoltori e produttori di cibo di tutto il mondo stanno tentando di mostrare come è possibile nutrire il mondo e traghettare il settore primario verso un modello produttivo a basso tenore di carbonio, purché si sviluppi una riflessione a tutto campo sull’agricoltura biologica e su come essa debba mutare per rispondere meglio alle sfide del futuro.

“Per fronteggiare le attuali crisi, alimentare e climatica – ha commentato Andrea Ferrante, presidente nazionale Aiab – sia in Italia che in Europa è arrivato il momento di fare scelte di politica agricola importanti e lungimiranti, che siano in grado di promuovere modelli di produzione del cibo sostenibili, proprio come il biologico. Il bio è un modello di sviluppo alternativo all’agricoltura industriale capace di produrre cibo di qualità nel rispetto dell’ambiente, dei cicli naturali e del benessere umano e animale, nonché di indirizzare in senso ecologico i comportamenti degli operatori e dei cittadini, rimettendo al centro il ruolo insostituibile degli agricoltori”. Detto in altre parole: il modello biologico è basato su un concetto alternativo di economia, fondato sulle relazioni tra persone, comunità e ambiente. “Se l’Italia e l’Europa dovessero rinunciare a scelte di politica agricola capaci di promuovere e sostenere gli agricoltori, e in particolare chi pratica il biologico – ha aggiunto Ferrante – l’agricoltura rischierebbe di scomparire, nonostante il cibo sia centrale e imprescindibile per la vita di tutti”.

Ad oggi, infatti, il bio italiano vive il paradosso di essere l’unico settore dell’agroalimentare che continua a far registrare una crescita positiva nei consumi nonostante la crisi ma, anche e contemporaneamente, un decremento in termini di operatori e superfici coinvolte: al 2001, gli operatori del settore erano 60.509 e gli ettari convertiti (o in via di conversione) al bio erano 1.237.640; dopo dieci anni, gli operatori sono diventati 47.663 e gli ettari interessati 1.113.742.

La Lombardia, in particolare, “è la prima regione per produzione agricola a livello nazionale, ma anche l’unica che vede le aziende agricole biologiche come operatori di settore minoritari, a tutto vantaggio di trasformatori, grossisti, esportatori e distributori”. Lo ha rimarcato Stefano Frisoli, presidente Aiab Lombardia, che ha accusato: “È inaccettabile che la prima regione agricola d’Italia abbia una forza di produzione biologica così irrisoria”. A rincarare la dose Luca Agnelli, assessore all’Agricoltura della Provincia Milano: “Nel futuro, per l’agricoltura si annunciano tempi peggiori. Per me, ad esempio, le nuove misure contenute nella riforma della Pac sono soltanto un modo spiccio per far pagare il conto all’anello più debole della filiera”.

Eppure, come hanno dimostrato le ultime alluvioni, l’agricoltura è centrale, anche come fattore di salvaguardia del territorio e del paesaggio. “Agricoltura e ambiente sono sempre più uniti da un legame di forte reciprocità”, ha dichiarato Damiano Di Simine, presidente Legambiente Lombardia. “Si tratta di presidiare il territorio, impedendo che il paesaggio rurale venga perso a favore di speculazioni edilizie. Ma anche di farsi carico della qualità di quel suolo che vogliamo difendere dal cemento: il territorio agricolo è in grado di offrire una quantità impressionante di servizi ambientali”.

Torna ad imporsi, quindi, la questione delle scelte politiche ma anche quella della ricerca scientifica. Se ne è discusso, nel contesto del congresso, venerdì, durante la sezione scientifica realizzata in collaborazione con la Fondazione italiana per la ricerca in agricoltura biologica e biodinamica (Firab), che ha visto insieme scienziati e agricoltori sperimentatori discutere sulle nuove frontiere della ricerca per la sostenibilità in agricoltura biologica: ovvero, produzione senza petrolio, biodiversità e corretta gestione delle acque. Dopo la giornata sui modelli distributivi articolati su base territoriale (che mettono in campo, tra le altre cose, anche un contenimento delle emissioni legate ai trasporti delle derrate), la riflessione si è dunque estesa alla questione delle emissioni climalteranti dell’intero sistema agroalimentare, dalla produzione al consumo. Un tema caldo, reso ancor più vivo da un serrato confronto a distanza che ha visto protagonisti Hans Herren del Millenium Institute, Maryam Rahmanian del Committee on World Food Security, e Urs Niggli della Fibl, Istituto di ricerca dell’agricoltura biologica.

La riflessione sulla sobrietà energetica del biologico, in essere o da perseguire, è stata incardinata nel quadro della ricomposizione dei sistemi agro-zootecnici su scala aziendale o consortile, rimettendo in campo una visione integrata del sistema produttivo, dove i cicli di massa ed energia si chiudano con un bilancio positivo e con un contributo alla mitigazione climatica. Il convegno ha ragionato intorno a un’equazione: BIO=mc2, ossia qualificare il ruolo del biologico nel razionalizzare usi e flussi di biomasse e combustibili. “La riconnessione di un tessuto agro-zootecnico che ricomponga usi sostenibili di foraggi e mangimi e riciclo delle biomasse, si iscrive di diritto in questo scenario di ricostruzione di senso produttivo e ambientale”, ha evidenziato Luca Colombo, coordinatore scientifico Firab. Il biologico deve dunque intervenire nel ripristino di equilibri ambientali e climatici. Del resto è solo il biologico che può ridurre in modo significativo le emissioni serra dell’agricoltura: secondo studi recenti, lo stock di carbonio organico nel suolo dei terreni gestiti in maniera biologica è in media di 37.4 tonnellate di carbonio per ettaro, contro i 26.7 dei terreni di aziende convenzionali.

“È indiscutibile – ha concluso Vincenzo Vizioli, presidente Firab – che il sequestro di carbonio nel suolo, le ridotte emissioni di gas a effetto serra e l’uso sostenibile delle risorse naturali, qualifichino il biologico come un modello virtuoso, ma la ricerca è ancora carente e va largamente incentivata e finanziata per determinare pratiche, tecnologie, qualità degli input, che migliorino e potenzino la sua performance nei diversi contesti colturali e produttivi, non limitandosi tra l’altro a prendere in considerazione la sola produzione primaria, ma anche i processi di filiera e commerciali che interessano le derrate biologiche”.

Agnese Pellegrini

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende