Home » Eventi »Idee » Costituente ecologista: verso un soggetto politico alternativo:

Costituente ecologista: verso un soggetto politico alternativo

maggio 23, 2011 Eventi, Idee

La cura (ri)costituente è iniziata. L’ambientalismo italiano non ha mai avuto, in politica, molta fortuna. Per cercare di rianimare il malato, si è pensato allora a una trasfusione. Di  energie, idee, persone nuove. Il processo, che punta a far confluire in un nuovo soggetto politico ambientalista, la Rete federata degli ecologisti e civici, i tanti movimenti dal basso nati negli ultimi anni a favore dell’ambiente, è iniziato con la Costituente romana del 21 e 22 maggio e si chiuderà a novembre. Sulle note di Ma il cielo è sempre più blu di Rino Gaetano, è cominciata una fase di traghettamento dei Verdi italiani verso una nuova era, un modo diverso (si augurano in molti) di fare politica.

Una buona notizia apre il giorno conclusivo della Costituente: un sondaggio effettuato da Ipr marketing dice che «il progetto è in sintonia con le esigenze degli italiani». «Nell’immaginario collettivo, le problematiche relative all’ambiente sono al terzo posto, dopo economia e lavoro, e prima della questione sicurezza. Nelle regioni del Centro, Emilia Romagna, Toscana e Umbria, sono addirittura al secondo posto, dopo l’economia. E quando si è chiesto agli intervistati di indicare un partito che voterebbero come seconda scelta, il 7% di loro ha risposto che sceglierebbe un soggetto politico attento ai temi ambientali», spiega Antonio Noto, direttore dell’Istituto. Che però ci tiene a fare una puntualizzazione: «Questo non basta, bisogna trovare modi per farsi apprezzare dall’elettorato ed essere visibili, modi per comunicare il nuovo progetto».

Dopo i dati, ascoltati con grande attenzione da una platea mista di giovani e simpatizzanti della prima ora, è la volta dei protagonisti vecchi e nuovi dell’ecologismo. Monica Frassoni, co-presidente dello European Green Party, insiste sulla democrazia che dovrà contraddistinguere il nuovo movimento. «Ci saranno le primarie per la scelta del nuovo simbolo», rassicura Angelo Bonelli, attuale presidente dei Verdi, che dichiara emozionato: «Qui non c’è nessuna rifondazione del partito. Si tratta piuttosto di un progetto civico ed ecologista molto più ambizioso, che sappia anche avviare un ricambio generazionale». Su questo, però, non bisogna contarci troppo: «L’importante è essere giovani dentro», si riprende subito Bonelli.

Dopo di lui, sfilano sul palco quelli che un po’ più giovani lo sono davvero, almeno politicamente. Domenico Finiguerra, sindaco del piccolo comune lombardo di Cassinetta di Lugagnano, insiste sulla «necessità di creare un  soggetto politico nazionale che metta insieme tutte le piccole realtà positive come quelle dei Comuni virtuosi». Michele Dotti, promotore dell’appello Abbiamo un sogno, guarda al futuro con ottimismo: «Per questo progetto ho rubato tanto tempo ai miei figli, ma so che l’ho fatto per i miei futuri nipoti». E sulla necessità di un sogno, «un cambiamento che vogliamo guidare e non raccontare e basta», insiste Claudia Bettiol, promotrice dell’appello Io cambio. Dacia Maraini, forse l’unica scrittrice presente all’evento, richiama l’attenzione sui diritti degli animali, conquistandosi l’applauso: «C’erano sulla terra da prima di noi e dobbiamo rispettarli». Da Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente, arriva invece l’invito «a non avere un atteggiamento oppositivo su tutto, come è accaduto in certe zone dove i Verdi si sono battuti anche contro l’eolico o le biomasse. Ci sono delle priorità». «L’Italia ha il più alto numero di associazioni ambientaliste, a fronte di un partito ecologista debole. Questo può diventare una risorsa», ha continuato.

Sono tanti anche i momenti emotivi: le testimonianze di Sidney Possuelo, leader indigenista, e Satoko Watanabe, dei Verdi Giapponesi, che con una sorprendente gentilezza tutta nipponica chiede scusa per l’incidente di Fukushima. E poi le storie delle Mamme vulcaniche di Terzigno e di Nino De Masi, imprenditore calabrese esemplare, punto di riferimento della lotta contro il pizzo.  Un momento di raccoglimento per Alexander Langer, uno dei fondatori dei Verdi italiani, morto suicida  nel 1995. Grande assente eppure costantemente presente nelle sue parole da tutti citate come un mantra: «Agire più lentamente, più profondamente, più soavemente».

Dalla Costituente sono già arrivate molte proposte concrete su cui concentrare l’attività della nuova Rete. Per esempio: favorire la riconversione green delle imprese, mettere a punto un Piano nazionale dell’efficienza energetica, fermare per tre anni la costruzione degli inceneritori, con l’obiettivo di arrivare al 70% di raccolta differenziata nel 2015, investire in agricoltura sostenibile e tutela del paesaggio. Marco Boschini, coordinatore dell’associazione dei Comuni virtuosi, illustra le prossime tappe: «Si costituiranno un Comitato dei Garanti per traghettare il partito verso questa nuova fase, e un comitato organizzativo. L’assemblea costituente è prevista per il 26 e 27 novembre. Un paio di settimane prima, ci saranno le primarie per la scelta del simbolo». Un progetto in continuo divenire, che dovrà affrontare la sfida di coniugare l’esperienza accumulata dai Verdi in anni di attività politica con le spinte nuove che vengono dalle associazioni, dai comitati, dai movimenti dal basso nati grazie alla rete. La scommessa è aperta a tutti.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende