Home » Eventi »Idee » Costituente ecologista: verso un soggetto politico alternativo:

Costituente ecologista: verso un soggetto politico alternativo

maggio 23, 2011 Eventi, Idee

La cura (ri)costituente è iniziata. L’ambientalismo italiano non ha mai avuto, in politica, molta fortuna. Per cercare di rianimare il malato, si è pensato allora a una trasfusione. Di  energie, idee, persone nuove. Il processo, che punta a far confluire in un nuovo soggetto politico ambientalista, la Rete federata degli ecologisti e civici, i tanti movimenti dal basso nati negli ultimi anni a favore dell’ambiente, è iniziato con la Costituente romana del 21 e 22 maggio e si chiuderà a novembre. Sulle note di Ma il cielo è sempre più blu di Rino Gaetano, è cominciata una fase di traghettamento dei Verdi italiani verso una nuova era, un modo diverso (si augurano in molti) di fare politica.

Una buona notizia apre il giorno conclusivo della Costituente: un sondaggio effettuato da Ipr marketing dice che «il progetto è in sintonia con le esigenze degli italiani». «Nell’immaginario collettivo, le problematiche relative all’ambiente sono al terzo posto, dopo economia e lavoro, e prima della questione sicurezza. Nelle regioni del Centro, Emilia Romagna, Toscana e Umbria, sono addirittura al secondo posto, dopo l’economia. E quando si è chiesto agli intervistati di indicare un partito che voterebbero come seconda scelta, il 7% di loro ha risposto che sceglierebbe un soggetto politico attento ai temi ambientali», spiega Antonio Noto, direttore dell’Istituto. Che però ci tiene a fare una puntualizzazione: «Questo non basta, bisogna trovare modi per farsi apprezzare dall’elettorato ed essere visibili, modi per comunicare il nuovo progetto».

Dopo i dati, ascoltati con grande attenzione da una platea mista di giovani e simpatizzanti della prima ora, è la volta dei protagonisti vecchi e nuovi dell’ecologismo. Monica Frassoni, co-presidente dello European Green Party, insiste sulla democrazia che dovrà contraddistinguere il nuovo movimento. «Ci saranno le primarie per la scelta del nuovo simbolo», rassicura Angelo Bonelli, attuale presidente dei Verdi, che dichiara emozionato: «Qui non c’è nessuna rifondazione del partito. Si tratta piuttosto di un progetto civico ed ecologista molto più ambizioso, che sappia anche avviare un ricambio generazionale». Su questo, però, non bisogna contarci troppo: «L’importante è essere giovani dentro», si riprende subito Bonelli.

Dopo di lui, sfilano sul palco quelli che un po’ più giovani lo sono davvero, almeno politicamente. Domenico Finiguerra, sindaco del piccolo comune lombardo di Cassinetta di Lugagnano, insiste sulla «necessità di creare un  soggetto politico nazionale che metta insieme tutte le piccole realtà positive come quelle dei Comuni virtuosi». Michele Dotti, promotore dell’appello Abbiamo un sogno, guarda al futuro con ottimismo: «Per questo progetto ho rubato tanto tempo ai miei figli, ma so che l’ho fatto per i miei futuri nipoti». E sulla necessità di un sogno, «un cambiamento che vogliamo guidare e non raccontare e basta», insiste Claudia Bettiol, promotrice dell’appello Io cambio. Dacia Maraini, forse l’unica scrittrice presente all’evento, richiama l’attenzione sui diritti degli animali, conquistandosi l’applauso: «C’erano sulla terra da prima di noi e dobbiamo rispettarli». Da Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente, arriva invece l’invito «a non avere un atteggiamento oppositivo su tutto, come è accaduto in certe zone dove i Verdi si sono battuti anche contro l’eolico o le biomasse. Ci sono delle priorità». «L’Italia ha il più alto numero di associazioni ambientaliste, a fronte di un partito ecologista debole. Questo può diventare una risorsa», ha continuato.

Sono tanti anche i momenti emotivi: le testimonianze di Sidney Possuelo, leader indigenista, e Satoko Watanabe, dei Verdi Giapponesi, che con una sorprendente gentilezza tutta nipponica chiede scusa per l’incidente di Fukushima. E poi le storie delle Mamme vulcaniche di Terzigno e di Nino De Masi, imprenditore calabrese esemplare, punto di riferimento della lotta contro il pizzo.  Un momento di raccoglimento per Alexander Langer, uno dei fondatori dei Verdi italiani, morto suicida  nel 1995. Grande assente eppure costantemente presente nelle sue parole da tutti citate come un mantra: «Agire più lentamente, più profondamente, più soavemente».

Dalla Costituente sono già arrivate molte proposte concrete su cui concentrare l’attività della nuova Rete. Per esempio: favorire la riconversione green delle imprese, mettere a punto un Piano nazionale dell’efficienza energetica, fermare per tre anni la costruzione degli inceneritori, con l’obiettivo di arrivare al 70% di raccolta differenziata nel 2015, investire in agricoltura sostenibile e tutela del paesaggio. Marco Boschini, coordinatore dell’associazione dei Comuni virtuosi, illustra le prossime tappe: «Si costituiranno un Comitato dei Garanti per traghettare il partito verso questa nuova fase, e un comitato organizzativo. L’assemblea costituente è prevista per il 26 e 27 novembre. Un paio di settimane prima, ci saranno le primarie per la scelta del simbolo». Un progetto in continuo divenire, che dovrà affrontare la sfida di coniugare l’esperienza accumulata dai Verdi in anni di attività politica con le spinte nuove che vengono dalle associazioni, dai comitati, dai movimenti dal basso nati grazie alla rete. La scommessa è aperta a tutti.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende