Home » Eventi »Recensioni » Dal Vietnam al Canada: la scia distruttiva di “Agente Orange”:

Dal Vietnam al Canada: la scia distruttiva di “Agente Orange”

giugno 3, 2013 Eventi, Recensioni

Orange Witness“, il documentario del filmaker e attivista canadese Andrew Nisker (lo stesso che nel 2007 ha firmato la regia di “Garbage! The Revolution Starts at Home”), ha aperto la sezione del concorso One Hour riservata ai mediometraggi di un’ora circa, della 16° edizione del Festival Cinemambiente di Torino.

La scelta del regista, che ha visionato decine di ore di materiale d’epoca sui voli che spargevano il diserbante durante la Guerra del Vietnam, è stata quella di alternare riprese aeree originali a voci fuori campo di protagonisti, scienziati e testimoni della contaminazione, “orange witness” appunto.

I primi 5 minuti del film sono infatti occupati dalle immagini storiche di una fila di aerei militari che, durante la guerra, spargono l’Agente Orange sulla selva vietnamita, mentre la voce di scienziati ed esperti ne racconta oggi la storia. Inizialmente il defoliante, una miscela di altri due erbicidi il 2,4-D e 2,4,5-T, era denominato semplicemente “diserbante arancio”. Furono i cronisti di guerra a denominarlo “Orange Agent”, nome a loro avviso molto più evocativo, da usare nelle cronache di una guerra dove gli Stati Uniti erano messi in difficoltà da un gruppo “inferiore” di guerriglieri, i Vietcong, che però avevano dalla loro un temibile alleato: la perfetta conoscenza dell’intricata giungla vietnamita. Proprio per distruggere questa giungla venne creato l’Agente Orange, così da togliere al nemico il suo vantaggio tattico. Come si è poi scoperto in seguito, questo composto determinava una letale contaminazione a base di diossina dell’ambiente e di tutto ciò con cui veniva a contatto.

Circa 90 milioni di litri di Agent Orange sono stati spruzzati sul Vietnam mentre, come apprendiamo nel documentario dalla voce di Ton Nu Thi Ninh, co-presidente del gruppo USA-Vietnam Agent Orange, gli Stati Uniti si difendono da oltre 40 anni dietro il formalismo di non aver violato il diritto internazionale, perché il composto non è stato utilizzato come arma chimica sui nemici, ma solo per defoliare la vegetazione. All’esame degli effetti causati la differenza è in realtà inconsistente.

Ma la storia dell’Agente Orange non è solamente legata al Vietnam e arriva fino ai giorni nostri. Le immagini sullo schermo di aerei che spargono diserbante continuano: questa volta si tratta di velivoli civili, quelli della Hydro in Ontario. Il diserbante è stato infatti usato massicciamente fino alla fine degli anni ’60 in Canada, Oregon e Nuova Zelanda per ripulire dalle erbacce le linee elettriche, ferroviarie, autostradali, contaminando i lavoratori che lo spargevano, penetrando nel terreno, nei vegetali e nell’acqua di cui gli animali si cibavano e, entrando, di fatto, nella catena alimentare. Gli effetti più preoccupanti, oltre a patologie quali il cancro, le malattie neurologiche e agli aborti, sono la modificazione del DNA umano di chi è stato esposto, portandone gli effetti fino ad oggi, a oltre 60 anni di distanza, sui loro figli, nipoti e pronipoti.

Scorrono le immagini d’epoca più emblematiche e vivide del film, mentre la voce di un operaio forestale in pensione, Don Romanowich, spiega come allora si usavano grandi palloni meteorologici riempiti di elio legati ad un filo per segnalare agli aerei i campi da irrorare; quei palloni erano retti da altri operai che nella immagini vengono completamente sommersi e investiti dalla nebbia di diserbante. Le pubblicità del tempo – che decantano le virtù del diserbante e la sua assoluta sicurezza – inserite nel documentario, completano il tragico quadro. La “Primavera Silenziosa“, per usare le parole dell’omonimo saggio di Rachel Carson, che per prima lanciò l’allarme sugli effetti degli erbicidi, purtroppo non è ancora finita.

Alessio Sciurpa

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende