Home » Eventi »Internazionali »Politiche » Dall’Eco-Innovation Forum la “dematerializzazione” dell’economia:

Dall’Eco-Innovation Forum la “dematerializzazione” dell’economia

marzo 24, 2011 Eventi, Internazionali, Politiche

Il concetto di “dematerializzazione dell’economia” si fa spazio nell’ambito della strategia green dell’Unione Europea. L’obiettivo è la ricerca di una via che porti alla crescita economica accompagnata dalla riduzione della nostra dipendenza nei confronti delle risorse di qualsiasi tipo.

E’ la politica dell’Innovation Union dell’Unione Europea, nonché il filo conduttore del 10th Forum Europeo sull’Eco-Innovazione, che si è tenuto a Birmingham il 22 e 23 marzo. Temi del Forum sono stati, appunto, la green economy, l’approvvigionamento ecosostenibile (green procurement) e l’efficienza nell’utilizzo delle risorse, trattati a vari livelli di competenza: politica, economica, accademica e finanziaria.

L’assunto di partenza è la consapevolezza che, negli anni a venire, la competizione per l’accaparramento delle risorse aumenterà notevolmente, quale conseguenza dell’aumento demografico della popolazione sulla Terra. Entro il 2050, infatti, è previsto un aumento della popolazione fino a 9 miliardi. Questo significa che le risorse naturali non potranno soddisfare le necessità di tutta la popolazione, ai ritmi attuali di utilizzo. Compito delle istituzioni è dunque quello di diffondere e promuovere un nuovo concetto di business, legato essenzialmente alle opportunità provenienti dallo sviluppo di prodotti e servizi la cui diffusione comporta l’utilizzo sostenibile ed efficiente delle risorse naturali.

Eco-Innovation è appunto  l’espressione utilizzata per descrivere, prodotti, processi e altre soluzioni che possono contribuire alla protezione dell’ambiente e ad un uso efficiente delle risorse.

Durante il Forum sono emerse proposte che, prioritariamente, individuano azioni sull’utilizzo efficiente delle risorse e sulla sicurezza dei materiali, ponendo un accento particolare sul ruolo della ricerca e sullo sviluppo di nuovi modelli di business.

Sono stati presentati 15 casi di studio di aziende europee che hanno deciso di investire in ricerca e nuove tecnologie per una produzione sostenibile: esperienze basate sul design di prodotti ecologici, sul riciclo e sulle tecniche di ri-manifattura , sull’innovazione non-tecnologica e su nuovi modelli basati sull’analisi del ciclo di vita del prodotto e sulla catena integrata della gestione, in grado di dimostrare come la risoluzione della scarsità delle risorse attraverso l’uso efficiente, possa trasformarsi in opportunità di crescita economica. Come auspicato dalla Commissione Europea nella Roadmap sull’Efficienza delle Risorse.

Alla presentazione dei casi studio è seguito un dibattito sulle condizioni per favorire investimenti nel settore della dematerializzazione dell’economia. In primo luogo, è emerso, è necessario un framework economico e legale, con una adeguata regolamentazione, che possa supportare un’economia basata sul concetto di resource efficiency; ma è anche necessaria la promozione e il sostegno alla ricerca per lo sviluppo del settore dell’eco-innovazione; infine, sarebbe opportuno rafforzare il concetto di green procurement sia nel settore pubblico che in quello privato, per promuovere efficienza e sostenibilità e innescare una filiera virtuosa.

Il Commissario Europeo per l’Ambiente, Janez Potočnik, durante il suo intervento al Forum, ha dichiarato che “l’Europa si sta muovendo verso la giusta direzione, ma noi abbiamo la necessità di  spostare dall’evoluzione alla rivoluzione l’approccio nei confronti delle risorse”. Ciò che serve è cioé un cambiamento radicale del modus-operandi,  non solo da parte delle imprese che, secondo Potočnik “hanno il dovere di attuare una politica aziendale basata sull’uso efficiente delle risorse”, ma anche da parte delle istituzioni politiche ed economiche, sia a livello europeo che a livello nazionale e locale.

Fa bene sperare quanto rilevato dall’Euro-barometro, che ha segnalato come circa la metà delle piccole e medie imprese, considerate in uno studio statistico, abbia dichiarato di aver introdotto tecnologie per migliorare l’efficienza delle risorse nell’ambito del proprio processo produttivo, ottenendo risultati positivi in termini di costi/benefici. Si tratta di piccoli passi che necessitano ora dell’intervento delle autorità pubbliche per superare ostacoli quali le restrizioni economiche e finanziarie, l’incertezza della domanda dal mercato, e la perdita di finanziamenti esterni.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende