Home » Eventi » Dall’Eco-Innovation Summit le nuove sfide per l’Europa:

Dall’Eco-Innovation Summit le nuove sfide per l’Europa

gennaio 26, 2011 Eventi

Courtesy of lisboncouncil, Flickr.comUna tassa europea sulle risorse energetiche, il volto green del prossimo piano quinquennale della Repubblica Popolare Cinese e nuovi interrogativi sul Protocollo di Kyoto: questi i temi dell’Eco-Innovation Summit 2011, tenutosi presso il think tank Lisbon Council di Bruxelles lo scorso 13 Gennaio.

Inevitabilmente il tema del Summit, Cancún –and Beyond: Europe’s Next Steps on the Road to a Low-Carbon Economy and Sustainable Future, non poteva non essere legato alle promesse fatte a Cancún e alle azioni concrete che i Paesi europei dovrebbero adottare per una politica economica basata sulla sostenibilità energetica ed ambientale. Colonna portante del Summit è stato il panel a cui hanno partecipato il Commissario Europeo sul clima, Connie Hedegaard, Jules Kortenhorst, della European Climate Foundation, e Harry Verhaar, senior director dell’ufficio per cambiamento climatico ed energetico della Philips.

L’intervento della Hedegaard è stato chiaro e diretto e ha evidenziato tre importanti aspetti che l’Unione Europea dovrebbe considerare nella formulazione della futura agenda politica sul piano ambientale ed energetico. In primo luogo il Commissario ha parlato di “paradigm shift” riguardante la tassazione. “Dovremmo tassare maggiormente ciò che bruciamo e in minor misura ciò che guadagniamo”, ha detto la Hedegaard, sostenendo che una tassazione sulle risorse energetiche  sarebbe un modo intelligente per finanziare i budget degli stati membri in tempi di austerità economica come quelli che stiamo vivendo. La danese ha inoltre aggiunto che Paesi come la Svezia e la Danimarca, che hanno da tempo un piano di tassazione sulle risorse energetiche, non hanno perso la propria competitività economica, anzi.

A supporto della proposta della Hedegaard, Kortenhorst ha aggiunto che bisognerebbe cambiare anche l’approccio: la questione non è più come risolvere il problema, ma come sfruttare le opportunità”. “La competitività dell’economia europea dipenderà dal ruolo che l’Europa riuscirà a giocare nell’ambito della green economy”. Ancora una volta viene dunque messa in evidenza, in sede europea, la necessità di un nuovo piano di crescita per il futuro che non guardi solo all’aumento del Pil ma anche – e soprattutto – alla qualità della vita.

A quanto pare anche la Cina ha appreso questo concetto e lo ha fatto proprio. Dal summit, infatti, è emerso che l’Europa rischia di perdere la propria leadership in tema di politiche per la riduzione delle emissioni di CO2, soppiantata paradossalmente dalla Cina. Il colosso asiatico si prepara infatti (neanche troppo lentamente) a diventare un colosso green, dal momento che il prossimo piano quinquennale, che dovrà essere approvato dal Congresso Nazional-Popolare Cinese a marzo, contiene molte ed incisive iniziative rivolte alla salvaguardia dell’ambiente e alla riduzione delle emissioni. Un “Emission Trading Scheme” di stampo europeo, regole per determinare il prezzo di vendita dell’energia e ben sette aree dedicate all’innovazione industriale e tecnologica nell’ambito ambientale, climatico e energetico pare debbano diventare una priorità per l’economia cinese.

Il piano cinese rappresenta dunque una seria sfida per l’Europa, che fino ad oggi ha guardato dall’alto in basso i prodotti cinesi, accusati di scarsa qualità e insostenibilità ambientale . Ma è noto che i cinesi non scherzano e quando si applicano difficilmente invertono la marcia – come succede invece alle nostre longitudini. Secondo il Commissario Hedegaard, l’unico modo che hanno i Paesi europei per far fronte all’avvento di una green-economy capitanata esclusivamente dalla Cina è di adottare nuovi standard e target di crescita sostenibile e di aumentare gli investimenti nel campo dell’innovazione tecnologica ambientale. Il tutto avrebbe un riscontro positivo importante non solo per la salute del Pianeta ma anche per quella dell’economia dei Paesi europei.

Quando si parla di target, infine, è d’obbligo spostare l’attenzione sul Protocollo di Kyoto, soprattutto in vista della conferenza delle Nazioni Unite che si terrà a Durban, in Sud Africa, il prossimo dicembre, per stabilire i parametri di un accordo successivo al Protocollo di Kyoto, la cui validità termina nel 2012. La discussione, durante l’Eco-Innovation Summit, si è orientata proprio sulla valutazione dell’effettiva efficacia del Protocollo negli ultimi dieci anni e sull’opportunità di continuare nella stessa direzione oppure varare un nuovo accordo ad hoc. Hedegaard non ha voluto creare false aspettative invitando ad essere obiettivi: raggiungere un accordo internazionale che ponga obblighi legali sarà difficilissimo. Senza contare che “i costi per l’implementazione del Protocollo sono stati e continueranno ad essere alti”. Ma è anche vero, ha poi aggiunto, che “non è prudente gettare ciò che si possiede, a meno che non si sia sicuri di avere un’alternativa maggiormente efficace”. Sta di fatto che a Cancún non è stato raggiunto alcun accordo significativo in merito e, inevitabilmente il futuro di Kyoto rimarrà una dei temi più spinosi nel dibattito globale sull’ambiente.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende