Home » Eventi »Internazionali »Nazionali »Politiche » Debriefing su Rio+20 al Ministero: si poteva fare di più?:

Debriefing su Rio+20 al Ministero: si poteva fare di più?

Dalla Conferenza sui risultati di Rio+20, organizzata dal Ministero dell’Ambiente presso l’Aula Magna dell’Università Luiss, a Roma, emergono punti di vista molto diversi: da una parte, il Ministero, rappresentato da Paolo Soprano, Direttore per lo Sviluppo Sostenibile e i rapporti con l’Associazionismo, si mostra sostanzialmente soddisfatto: “Il processo negoziale è stato lento, nonostante il poco tempo a disposizione, e non è riuscito a chiudere il negoziato nella fase preparatoria. La gestione del negoziato nella parte finale del Brasile è stata molto complessa, con un testo ancora non finalizzato, ma anche positiva, in quanto ha portato un risultato concreto.”

Secondo Soprano il testo approvato a Rio, The future we want” non può essere etichettato come un risultato mediocre”, in quanto è stato “raggiunto l’obiettivo per rinnovare e rafforzare l’impegno per lo sviluppo sostenibile” – nonostante la crisi economica, sembra di leggere tra le righe. Sulla stessa linea Alessandro Busacca, Direttore Centrale DGMO, Sous-sherpa G8/G20 del Ministero degli Esteri, che sottolinea però come una delle differenze principali, rispetto alla prima conferenza di Rio del 1992 – e che ha portato a una difficoltà intrinseca del processo negoziale – sia stata l’approccio: laddove nel ‘92 gli obiettivi erano stati definiti dalle Nazioni Unite, con un approccio top-down, questa volta erano gli Stati stessi a poter decidere le definizioni e i target; ma con un risultato molto diverso e di più difficile costruzione.

Gianfranco Bologna, direttore scientifico del WWF Italia, esprime invece molte perplessità sull’adeguatezza della politica rispetto alle sfide in corso: le risorse naturali, che sono alla base del sistema sociale umano e anche del sistema economico sono in pericolo. “Il debito ambientale che stiamo accumulando sarà molto più difficile da risolvere.” Il mondo dell’associazionismo si conferma, dunque, amaramente deluso, in quanto i nodi principali per il futuro dell’umanità non sono stati sciolti.

Ma a parte i risultati del summit dei governi, il principale lascito di Rio+20 potrebbe essere la rinascita di un nuovo fermento portato dal “mondo esterno” alla politica nei due eventi paralleli, che pure si sono svolti a Rio a giugno: dall’associazionismo, presente al Forum dei Popoli, al mondo delle imprese, che aveva organizzato un proprio summit, il Global Compact Forum. Marco Frey, chairman del Global Compact Network in Italia e direttore dell’Istituto di Management dell’Università Sant’Anna di Pisa, illustra le principali azioni delle aziende per la sostenibilità, e in particolare il contributo per la discussione di un “nuovo modello di sviluppo: lo possiamo chiamare green economy oppure Sustainable and Inclusive Growth”, ma comunque le aziende, soprattutto le grandi aziende multinazionali, che spesso hanno un potere economico (e politico) maggiore di alcuni Stati, devono necessariamente contribuire a questa trasformazione.

Sul fronte dell’associazionismo, anche Laura Ciacci di Slow Food Italia sottolinea come Rio+20 sia servito a compattare le ONG e far fronte comune: “Abbiamo dimostrato che la società civile è più avanti rispetto alla politica”, afferma, ma non nasconde un pensiero che è quasi un rimpianto: “Siamo stati poco arrabbiati, non ci siamo mossi in tempo. Chissà se avremmo potuto fare di più.”

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Ubeeqo e ICS: la rivoluzione del microcarsharing per aziende e condomini

giugno 20, 2018

Ubeeqo e ICS: la rivoluzione del microcarsharing per aziende e condomini

Ubeeqo, gestore di car sharing parte di Europcar Mobility Group, si è qualificato come operatore certificato di car sharing al bando indetto da ICS Iniziativa Car Sharing, una Convenzione di Comuni e altri Enti locali, sostenuto dal Ministero dell’Ambiente. Obiettivo di ICS è quello di promuovere e sostenere la diffusione del car sharing come strumento di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende