Home » Eventi »Internazionali »Nazionali »Politiche » Debriefing su Rio+20 al Ministero: si poteva fare di più?:

Debriefing su Rio+20 al Ministero: si poteva fare di più?

Dalla Conferenza sui risultati di Rio+20, organizzata dal Ministero dell’Ambiente presso l’Aula Magna dell’Università Luiss, a Roma, emergono punti di vista molto diversi: da una parte, il Ministero, rappresentato da Paolo Soprano, Direttore per lo Sviluppo Sostenibile e i rapporti con l’Associazionismo, si mostra sostanzialmente soddisfatto: “Il processo negoziale è stato lento, nonostante il poco tempo a disposizione, e non è riuscito a chiudere il negoziato nella fase preparatoria. La gestione del negoziato nella parte finale del Brasile è stata molto complessa, con un testo ancora non finalizzato, ma anche positiva, in quanto ha portato un risultato concreto.”

Secondo Soprano il testo approvato a Rio, The future we want” non può essere etichettato come un risultato mediocre”, in quanto è stato “raggiunto l’obiettivo per rinnovare e rafforzare l’impegno per lo sviluppo sostenibile” – nonostante la crisi economica, sembra di leggere tra le righe. Sulla stessa linea Alessandro Busacca, Direttore Centrale DGMO, Sous-sherpa G8/G20 del Ministero degli Esteri, che sottolinea però come una delle differenze principali, rispetto alla prima conferenza di Rio del 1992 – e che ha portato a una difficoltà intrinseca del processo negoziale – sia stata l’approccio: laddove nel ‘92 gli obiettivi erano stati definiti dalle Nazioni Unite, con un approccio top-down, questa volta erano gli Stati stessi a poter decidere le definizioni e i target; ma con un risultato molto diverso e di più difficile costruzione.

Gianfranco Bologna, direttore scientifico del WWF Italia, esprime invece molte perplessità sull’adeguatezza della politica rispetto alle sfide in corso: le risorse naturali, che sono alla base del sistema sociale umano e anche del sistema economico sono in pericolo. “Il debito ambientale che stiamo accumulando sarà molto più difficile da risolvere.” Il mondo dell’associazionismo si conferma, dunque, amaramente deluso, in quanto i nodi principali per il futuro dell’umanità non sono stati sciolti.

Ma a parte i risultati del summit dei governi, il principale lascito di Rio+20 potrebbe essere la rinascita di un nuovo fermento portato dal “mondo esterno” alla politica nei due eventi paralleli, che pure si sono svolti a Rio a giugno: dall’associazionismo, presente al Forum dei Popoli, al mondo delle imprese, che aveva organizzato un proprio summit, il Global Compact Forum. Marco Frey, chairman del Global Compact Network in Italia e direttore dell’Istituto di Management dell’Università Sant’Anna di Pisa, illustra le principali azioni delle aziende per la sostenibilità, e in particolare il contributo per la discussione di un “nuovo modello di sviluppo: lo possiamo chiamare green economy oppure Sustainable and Inclusive Growth”, ma comunque le aziende, soprattutto le grandi aziende multinazionali, che spesso hanno un potere economico (e politico) maggiore di alcuni Stati, devono necessariamente contribuire a questa trasformazione.

Sul fronte dell’associazionismo, anche Laura Ciacci di Slow Food Italia sottolinea come Rio+20 sia servito a compattare le ONG e far fronte comune: “Abbiamo dimostrato che la società civile è più avanti rispetto alla politica”, afferma, ma non nasconde un pensiero che è quasi un rimpianto: “Siamo stati poco arrabbiati, non ci siamo mossi in tempo. Chissà se avremmo potuto fare di più.”

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende