Home » Eventi » Do you speak LEED?:

Do you speak LEED?

giugno 14, 2010 Eventi

Mario Zoccatelli di GBC Italia e il console generale americano Carol J.Perez, Courtesy of US General Consulate in MilanNon si tratta di una semplice traduzione dello standard americano, ormai diffuso in più di 110 paesi al mondo. La versione italiana della certificazione LEED (Leadership in Energy & Environmental Design), presentata venerdì 11 giugno nell’affollattissimo auditorium di Assolombarda a Milano, in collaborazione con il Consolato Generale degli Stati Uniti, è la prima vera localizzazione del sistema di rating, nato per garantire l’efficienza energetica e l’impronta ecologica degli edifici, sia nuovi che in ristrutturazione.  

Il manuale, realizzato dal GBC Italia di Rovereto (TN), in due anni di lavoro - che hanno visto coinvolti circa 150 professionisti (in gran parte su base volontaria) – è infatti un complesso adattamento dello standard internazionale alla realtà edilizia nazionale, che tiene dunque conto delle normative regionali, nazionali e comunitarie e della particolarità del patrimonio edilizio italiano.

La declinazione italiana di LEED, conserva tuttavia l’integrità della filosofia “olistica” che nel 1993 portò lo US Green Building Council ad elaborare un sistema di certificazione che valutasse non solo l’efficienza energetica, ma anche la sostenibilità del sito di costruzione, la gestione delle acque, i materiali e le risorse impiegati, lo smaltimento dei rifiuti, le emissioni in atmosfera , il comfort e la salubrità degli spazi interni. Un quadro di valori che permetta cioè, ai gruppi di progettazione e di costruzione, di poter valutare la strategia migliore per ottimizzare il rapporto tra edificio e ambiente circostante.

Ma perché mai l’attenzione all’ambiente come asset dominante di un edificio? Se fosse mero ambientalismo difficilmente potrebbe conquistare costruttori e immobiliaristi. Qui parliamo invece di un sistema di indicazioni che consente di progettare edifici di qualità e comfort superiore, che consumano meno e che acquisiranno un valore di mercato sempre più elevato rispetto agli edifici “tradizionali”, privi di questi accorgimenti. Ne sono assolutamente convinti tutti i relatori del convegno.

“LEED è un’enorme opportunità per la competitività delle aziende italiane, che consente di poter operare all’estero secondo standard comuni e riconosciuti”, ci spiega Mario Zoccatelli, presidente di GBC Italia. ”Ormai quando costruttori e produttori italiani vanno in Cina, la seconda domanda, dopo il nome, è Do you speak LEED? LEED è uno standard che consente di parlare la stessa lingua e avere evidenza delle caratteristiche di un edificio”. Un po’ come l’etichetta su una scatola di peanuts, precisa Rick Fedrizzi, il presidente di US GBC, giunto in Italia per l’occasione: “Avete presente l’etichetta (obbligatoria) con i valori nutrizionali? LEED è la stessa cosa per gli edifici. Una carta dei valori dell’edificio dal punto di vista della sostenibilità ambientale“. Divisi in prerequisiti – necessari per ottenere la certificazione – e crediti, la cui somma dei punteggi determina il livello di certifcazione dell’edificio: Base, Argento, Oro o, al top, Platino.

Un sistema che scoraggia e previene, oltretutto, il fenomeno del greenwashing nel settore immobiliare, perchè, continua Zoccatelli,per un costruttore sarebbe più complesso e dispendioso cercare di aggirarne le regole che certificarsi seguendo l’iter”. Ne è fermamente convinto anche Giorgio Squinzi, amministratore unico di Mapei, azienda che da tempo ha imparato a parlare “il linguaggio LEED”, conquistando i mercati esteri con prodotti ad hoc, a ridotto impatto ambientale, che aiutano ad ottenere l’ambita certificazione.  

Anche perchè, come ricorda Andrea Fornasiero, uno dei principali contributors tecnici della stesura italiana del Manuale LEED 2009, in ogni crisi è sempre insita, oltre il problema, anche un’opportunità, così come saggiamente insegna l’omonimo ideogramma cinese. L’opportunità di adeguarsi, in questo caso, a standard qualitativi ad alto valore aggiunto e sostenibilità, per essere più competitivi sul mercato che va, già oggi, delineandosi all’orizzonte.       

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende