Home » Eventi » Do you speak LEED?:

Do you speak LEED?

giugno 14, 2010 Eventi

Mario Zoccatelli di GBC Italia e il console generale americano Carol J.Perez, Courtesy of US General Consulate in MilanNon si tratta di una semplice traduzione dello standard americano, ormai diffuso in più di 110 paesi al mondo. La versione italiana della certificazione LEED (Leadership in Energy & Environmental Design), presentata venerdì 11 giugno nell’affollattissimo auditorium di Assolombarda a Milano, in collaborazione con il Consolato Generale degli Stati Uniti, è la prima vera localizzazione del sistema di rating, nato per garantire l’efficienza energetica e l’impronta ecologica degli edifici, sia nuovi che in ristrutturazione.  

Il manuale, realizzato dal GBC Italia di Rovereto (TN), in due anni di lavoro - che hanno visto coinvolti circa 150 professionisti (in gran parte su base volontaria) – è infatti un complesso adattamento dello standard internazionale alla realtà edilizia nazionale, che tiene dunque conto delle normative regionali, nazionali e comunitarie e della particolarità del patrimonio edilizio italiano.

La declinazione italiana di LEED, conserva tuttavia l’integrità della filosofia “olistica” che nel 1993 portò lo US Green Building Council ad elaborare un sistema di certificazione che valutasse non solo l’efficienza energetica, ma anche la sostenibilità del sito di costruzione, la gestione delle acque, i materiali e le risorse impiegati, lo smaltimento dei rifiuti, le emissioni in atmosfera , il comfort e la salubrità degli spazi interni. Un quadro di valori che permetta cioè, ai gruppi di progettazione e di costruzione, di poter valutare la strategia migliore per ottimizzare il rapporto tra edificio e ambiente circostante.

Ma perché mai l’attenzione all’ambiente come asset dominante di un edificio? Se fosse mero ambientalismo difficilmente potrebbe conquistare costruttori e immobiliaristi. Qui parliamo invece di un sistema di indicazioni che consente di progettare edifici di qualità e comfort superiore, che consumano meno e che acquisiranno un valore di mercato sempre più elevato rispetto agli edifici “tradizionali”, privi di questi accorgimenti. Ne sono assolutamente convinti tutti i relatori del convegno.

“LEED è un’enorme opportunità per la competitività delle aziende italiane, che consente di poter operare all’estero secondo standard comuni e riconosciuti”, ci spiega Mario Zoccatelli, presidente di GBC Italia. ”Ormai quando costruttori e produttori italiani vanno in Cina, la seconda domanda, dopo il nome, è Do you speak LEED? LEED è uno standard che consente di parlare la stessa lingua e avere evidenza delle caratteristiche di un edificio”. Un po’ come l’etichetta su una scatola di peanuts, precisa Rick Fedrizzi, il presidente di US GBC, giunto in Italia per l’occasione: “Avete presente l’etichetta (obbligatoria) con i valori nutrizionali? LEED è la stessa cosa per gli edifici. Una carta dei valori dell’edificio dal punto di vista della sostenibilità ambientale“. Divisi in prerequisiti – necessari per ottenere la certificazione – e crediti, la cui somma dei punteggi determina il livello di certifcazione dell’edificio: Base, Argento, Oro o, al top, Platino.

Un sistema che scoraggia e previene, oltretutto, il fenomeno del greenwashing nel settore immobiliare, perchè, continua Zoccatelli,per un costruttore sarebbe più complesso e dispendioso cercare di aggirarne le regole che certificarsi seguendo l’iter”. Ne è fermamente convinto anche Giorgio Squinzi, amministratore unico di Mapei, azienda che da tempo ha imparato a parlare “il linguaggio LEED”, conquistando i mercati esteri con prodotti ad hoc, a ridotto impatto ambientale, che aiutano ad ottenere l’ambita certificazione.  

Anche perchè, come ricorda Andrea Fornasiero, uno dei principali contributors tecnici della stesura italiana del Manuale LEED 2009, in ogni crisi è sempre insita, oltre il problema, anche un’opportunità, così come saggiamente insegna l’omonimo ideogramma cinese. L’opportunità di adeguarsi, in questo caso, a standard qualitativi ad alto valore aggiunto e sostenibilità, per essere più competitivi sul mercato che va, già oggi, delineandosi all’orizzonte.       

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende