Home » Eventi »Nazionali »Politiche » Dopo Eternit, Ilva: il 20 ottobre si apre il maxi processo “Ambiente svenduto”:

Dopo Eternit, Ilva: il 20 ottobre si apre il maxi processo “Ambiente svenduto”

luglio 24, 2015 Eventi, Nazionali, Politiche

Il prossimo 20 ottobre, davanti alla Corte d’assise di Taranto, si aprirà il più importante processo ambientale dopo quello Eternit. Imputate 44 persone fisiche e 3 società rinviate ieri a giudizio nell’inchiesta “Ambiente svenduto” sul presunto disastro ecologico causato dall’Ilva nel capoluogo ionico. Nella lista dei rinvii, a cui si aggiungono anche due condanne con rito abbreviato – e tre assoluzioni – ci sono anche l’ex presidente della Regione Puglia Nichi Vendola e il direttore generale di Arpa Puglia Giorgio Assennato. E poi un folto gruppo di manager dell’azienda siderurgica, amministratori locali e tre società della galassia Ilva.

Secondo l’accusa, il polo siderurgico avrebbe provocato dal 1995 ad oggi la distruzione dell’ambiente atmosferico e marino e la morte di decine di persone, operai del siderurgico e abitanti di Taranto.

Vendola è imputato di concussione aggravata in concorso con l’ex responsabile per i rapporti istituzionali dell’Ilva Girolamo Archinà, l’ex vicepresidente di Riva Fire Fabio Riva, l’ex direttore dello stabilimento siderurgico di Taranto Luigi Capogrosso, e l’avvocato dell’Ilva Francesco Perli. Secondo la procura, nel periodo compreso tra giugno 2010 e marzo 2011, Vendola avrebbe fatto pressioni su Assennato per far ammorbidire la posizione dell’agenzia sulla questione delle emissioni nocive prodotte dall’Ilva. Così, sostiene l’accusa, l’allora presidente della Regione avrebbe consentito all’azienda di continuare ad operare senza restrizioni alle emissioni inquinanti. Sempre secondo i PM, Vendola avrebbe minacciato di non rinnovare il mandato di Assennato, in scadenza a febbraio 2011.

Rinviati a giudizio anche il deputato di SEL Nicola Fratoianni e il consigliere regionale PD Donato Pentassuglia, entrambi accusati di favoreggiamento personale, il sindaco di Taranto Ippazio Stefano, imputato per abuso d’ufficio, l’ex presidente della Provincia di Taranto Giovanni Florido e l’ex Assessore provinciale all’Ambiente Michele Conserva, entrambi accusati di concussione.

A processo andranno anche diversi manager e nomi noti del siderurgico tarantino, da Bruno Ferrante, ex presidente ed ex prefetto di Milano, ai direttori di stabilimento, dal già citato Archinà ai “fiduciari” dei Riva, un legale Ilva, funzionari ministeriali per l’AIA 2011 e funzionari regionali che avrebbero cercato di “coprire” le presunte responsabilità di Vendola. E poi tre società della galassia Ilva: Ilva Spa, Riva Fire e Riva Forni Elettrici – accusate dalla procura di illeciti amministrativi.

Il GUP Wilma Gilli ha anche condannato due dei cinque imputati giudicati con rito abbreviato: don Marco Gerardo (10 mesi per favoreggiamento) e l’ex consulente della Procura Roberto Primerano (tre anni e quattro mesi per falso ideologico). Assolti invece l’ex assessore regionale all’Ambiente Lorenzo Nicastro, l’avvocato Donato Perrini (entrambi erano accusati di favoreggiamento personale) e il carabiniere Giovanni Bardaro, che era accusato di rivelazione di segreti d’ufficio.

“È stato un lavoro improbo, perché noi lavoriamo a questa indagine da parecchi anni. Se vogliamo, l’indagine è venuta allo scoperto tre anni fa ma noi la portavamo avanti già da parecchio tempo”, ha commentato il procuratore di Taranto Franco Sebastio. “Tranne alcune parti, mi sembra che la nostra impostazione accusatoria abbia trovato conferma”.

L’unica mia colpa è di aver cercato di costruire un doveroso equilibrio tra diritto alla salute e diritto al lavoro: ma non credo che questo sia un reato”, ha detto Vendola, rivendicando di aver “posto sotto monitoraggio i camini del grande siderurgico”.

E se al momento le associazioni ambientaliste tacciono, il co-portavoce dei Verdi Angelo Bonelli esprime soddisfazione: “Il processo Ambiente Svenduto sarà il più importante nella storia della Repubblica italiana”.

In attesa del 20 ottobre, a Taranto molte rimangono le questioni aperte. C’è il problema dell’Altoforno 2, che la procura ha posto sotto sequestro in seguito all’incidente dell’8 giugno scorso, in cui ha perso la vita un operaio di 35 anni, e che continua ad essere in attività per intervento del governo. E poi c’è la questione del risanamento ambientale, con un iter che dovrebbe essere completato entro il 31 luglio. Ieri, parlando alle Commissioni riunite Ambiente e Attività produttive della Camera durante un’audizione, il commissario straordinario per Ilva Piero Gnudi ha spiegato che grazie all’ultimo prestito ponte è stata accelerata l’attuazione dei provvedimenti previsti nell’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA). “Siamo già largamente al di là dell’80%”, ha detto Gnudi.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

dicembre 11, 2017

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

Esiste un avamposto della biodiversità sulla Terra prima della “fine del mondo”: si chiama Global Seed Vault (GSV) e si trova nell’arcipelago delle Isole Svalbard a 1.300 chilometri dal Polo Nord. Pochi ne conoscono l’esistenza, ma si tratta del più grande deposito di semi del mondo e potrebbe essere l’ultima risorsa dell’umanità in caso di [...]

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

dicembre 7, 2017

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

Cento storie di imprese virtuose rappresentano il nucleo di partenza del primo Atlante Italiano dell’Economia Circolare – presentato nei giorni scorsi a Roma – che raccoglie esperienze basate sul riutilizzo, sulla riduzione degli sprechi, sulla diminuzione dei rifiuti, sulla reimmissione nel ciclo produttivo di materie prime recuperate (seconde). Il progetto è promosso da Ecodom, il [...]

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

dicembre 6, 2017

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

Si è svolta sabato 2 dicembre, a Parma, la “Giornata interdisciplinare di studio sull’antibiotico-resistenza” organizzata dall’Ordine dei Medici Veterinari di Parma con il sostegno di MSD Animal Health. Undici relatori, moderati dal Dr. Alberto Brizzi, organizzatore e presidente dell’Ordine, hanno illustrato, da prospettive diverse, gli impatti attuali e i rischi futuri relativi alla cosiddetta AMR [...]

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

dicembre 5, 2017

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili, nei primi dieci mesi del 2017 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico hanno raggiunto complessivamente circa 726 MW (+20% rispetto allo stesso periodo del 2016). Si conferma inoltre il trend mensile del fotovoltaico, che con i 29 MW connessi a ottobre 2017 raggiunge quota 352 MW [...]

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

dicembre 5, 2017

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

Il 5 dicembre è la Giornata Mondiale del Suolo. Una celebrazione che in Italia assume un significato particolare, essendo uno dei paesi in Europa con il più alto ritmo di consumo di questa risorsa non rinnovabile. Per questo Fondazione Cariplo ha scelto di lanciare proprio oggi il nuovo portale dedicato all’Ambiente, che avrà il compito di [...]

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

dicembre 1, 2017

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

Il 13 agosto 2017 è entrata in vigore la legge 123/2017, che recepisce la direttiva UE 2015/720 e contiene la nuova normativa sulle borse di plastica, con importanti novità anche per i sacchetti ultraleggeri utilizzati per gli alimenti sfusi (es. frutta e verdura) che non rispettino i criteri di compostabilità e biodegradabilità. In particolare il testo dispone [...]

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

novembre 30, 2017

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

Una campagna all’insegna del beneficio multiplo: più efficienza energetica, risparmio, valore, comfort, attenzione per l’ambiente e salute, sono questi i sei principi cardine che hanno ispirato la creazione della nuova campagna di Rete IRENE (Imprese per la Riqualificazione Energetica negli Edifici) aderente alla Campagna nazionale per l’efficienza energetica “Italia in Classe A”. Lanciata ufficialmente nei giorni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende