Home » Eventi »Nazionali »Politiche » Dopo Eternit, Ilva: il 20 ottobre si apre il maxi processo “Ambiente svenduto”:

Dopo Eternit, Ilva: il 20 ottobre si apre il maxi processo “Ambiente svenduto”

luglio 24, 2015 Eventi, Nazionali, Politiche

Il prossimo 20 ottobre, davanti alla Corte d’assise di Taranto, si aprirà il più importante processo ambientale dopo quello Eternit. Imputate 44 persone fisiche e 3 società rinviate ieri a giudizio nell’inchiesta “Ambiente svenduto” sul presunto disastro ecologico causato dall’Ilva nel capoluogo ionico. Nella lista dei rinvii, a cui si aggiungono anche due condanne con rito abbreviato – e tre assoluzioni – ci sono anche l’ex presidente della Regione Puglia Nichi Vendola e il direttore generale di Arpa Puglia Giorgio Assennato. E poi un folto gruppo di manager dell’azienda siderurgica, amministratori locali e tre società della galassia Ilva.

Secondo l’accusa, il polo siderurgico avrebbe provocato dal 1995 ad oggi la distruzione dell’ambiente atmosferico e marino e la morte di decine di persone, operai del siderurgico e abitanti di Taranto.

Vendola è imputato di concussione aggravata in concorso con l’ex responsabile per i rapporti istituzionali dell’Ilva Girolamo Archinà, l’ex vicepresidente di Riva Fire Fabio Riva, l’ex direttore dello stabilimento siderurgico di Taranto Luigi Capogrosso, e l’avvocato dell’Ilva Francesco Perli. Secondo la procura, nel periodo compreso tra giugno 2010 e marzo 2011, Vendola avrebbe fatto pressioni su Assennato per far ammorbidire la posizione dell’agenzia sulla questione delle emissioni nocive prodotte dall’Ilva. Così, sostiene l’accusa, l’allora presidente della Regione avrebbe consentito all’azienda di continuare ad operare senza restrizioni alle emissioni inquinanti. Sempre secondo i PM, Vendola avrebbe minacciato di non rinnovare il mandato di Assennato, in scadenza a febbraio 2011.

Rinviati a giudizio anche il deputato di SEL Nicola Fratoianni e il consigliere regionale PD Donato Pentassuglia, entrambi accusati di favoreggiamento personale, il sindaco di Taranto Ippazio Stefano, imputato per abuso d’ufficio, l’ex presidente della Provincia di Taranto Giovanni Florido e l’ex Assessore provinciale all’Ambiente Michele Conserva, entrambi accusati di concussione.

A processo andranno anche diversi manager e nomi noti del siderurgico tarantino, da Bruno Ferrante, ex presidente ed ex prefetto di Milano, ai direttori di stabilimento, dal già citato Archinà ai “fiduciari” dei Riva, un legale Ilva, funzionari ministeriali per l’AIA 2011 e funzionari regionali che avrebbero cercato di “coprire” le presunte responsabilità di Vendola. E poi tre società della galassia Ilva: Ilva Spa, Riva Fire e Riva Forni Elettrici – accusate dalla procura di illeciti amministrativi.

Il GUP Wilma Gilli ha anche condannato due dei cinque imputati giudicati con rito abbreviato: don Marco Gerardo (10 mesi per favoreggiamento) e l’ex consulente della Procura Roberto Primerano (tre anni e quattro mesi per falso ideologico). Assolti invece l’ex assessore regionale all’Ambiente Lorenzo Nicastro, l’avvocato Donato Perrini (entrambi erano accusati di favoreggiamento personale) e il carabiniere Giovanni Bardaro, che era accusato di rivelazione di segreti d’ufficio.

“È stato un lavoro improbo, perché noi lavoriamo a questa indagine da parecchi anni. Se vogliamo, l’indagine è venuta allo scoperto tre anni fa ma noi la portavamo avanti già da parecchio tempo”, ha commentato il procuratore di Taranto Franco Sebastio. “Tranne alcune parti, mi sembra che la nostra impostazione accusatoria abbia trovato conferma”.

L’unica mia colpa è di aver cercato di costruire un doveroso equilibrio tra diritto alla salute e diritto al lavoro: ma non credo che questo sia un reato”, ha detto Vendola, rivendicando di aver “posto sotto monitoraggio i camini del grande siderurgico”.

E se al momento le associazioni ambientaliste tacciono, il co-portavoce dei Verdi Angelo Bonelli esprime soddisfazione: “Il processo Ambiente Svenduto sarà il più importante nella storia della Repubblica italiana”.

In attesa del 20 ottobre, a Taranto molte rimangono le questioni aperte. C’è il problema dell’Altoforno 2, che la procura ha posto sotto sequestro in seguito all’incidente dell’8 giugno scorso, in cui ha perso la vita un operaio di 35 anni, e che continua ad essere in attività per intervento del governo. E poi c’è la questione del risanamento ambientale, con un iter che dovrebbe essere completato entro il 31 luglio. Ieri, parlando alle Commissioni riunite Ambiente e Attività produttive della Camera durante un’audizione, il commissario straordinario per Ilva Piero Gnudi ha spiegato che grazie all’ultimo prestito ponte è stata accelerata l’attuazione dei provvedimenti previsti nell’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA). “Siamo già largamente al di là dell’80%”, ha detto Gnudi.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende