Home » Eventi »Nazionali »Politiche » Dopo Eternit, Ilva: il 20 ottobre si apre il maxi processo “Ambiente svenduto”:

Dopo Eternit, Ilva: il 20 ottobre si apre il maxi processo “Ambiente svenduto”

luglio 24, 2015 Eventi, Nazionali, Politiche

Il prossimo 20 ottobre, davanti alla Corte d’assise di Taranto, si aprirà il più importante processo ambientale dopo quello Eternit. Imputate 44 persone fisiche e 3 società rinviate ieri a giudizio nell’inchiesta “Ambiente svenduto” sul presunto disastro ecologico causato dall’Ilva nel capoluogo ionico. Nella lista dei rinvii, a cui si aggiungono anche due condanne con rito abbreviato – e tre assoluzioni – ci sono anche l’ex presidente della Regione Puglia Nichi Vendola e il direttore generale di Arpa Puglia Giorgio Assennato. E poi un folto gruppo di manager dell’azienda siderurgica, amministratori locali e tre società della galassia Ilva.

Secondo l’accusa, il polo siderurgico avrebbe provocato dal 1995 ad oggi la distruzione dell’ambiente atmosferico e marino e la morte di decine di persone, operai del siderurgico e abitanti di Taranto.

Vendola è imputato di concussione aggravata in concorso con l’ex responsabile per i rapporti istituzionali dell’Ilva Girolamo Archinà, l’ex vicepresidente di Riva Fire Fabio Riva, l’ex direttore dello stabilimento siderurgico di Taranto Luigi Capogrosso, e l’avvocato dell’Ilva Francesco Perli. Secondo la procura, nel periodo compreso tra giugno 2010 e marzo 2011, Vendola avrebbe fatto pressioni su Assennato per far ammorbidire la posizione dell’agenzia sulla questione delle emissioni nocive prodotte dall’Ilva. Così, sostiene l’accusa, l’allora presidente della Regione avrebbe consentito all’azienda di continuare ad operare senza restrizioni alle emissioni inquinanti. Sempre secondo i PM, Vendola avrebbe minacciato di non rinnovare il mandato di Assennato, in scadenza a febbraio 2011.

Rinviati a giudizio anche il deputato di SEL Nicola Fratoianni e il consigliere regionale PD Donato Pentassuglia, entrambi accusati di favoreggiamento personale, il sindaco di Taranto Ippazio Stefano, imputato per abuso d’ufficio, l’ex presidente della Provincia di Taranto Giovanni Florido e l’ex Assessore provinciale all’Ambiente Michele Conserva, entrambi accusati di concussione.

A processo andranno anche diversi manager e nomi noti del siderurgico tarantino, da Bruno Ferrante, ex presidente ed ex prefetto di Milano, ai direttori di stabilimento, dal già citato Archinà ai “fiduciari” dei Riva, un legale Ilva, funzionari ministeriali per l’AIA 2011 e funzionari regionali che avrebbero cercato di “coprire” le presunte responsabilità di Vendola. E poi tre società della galassia Ilva: Ilva Spa, Riva Fire e Riva Forni Elettrici – accusate dalla procura di illeciti amministrativi.

Il GUP Wilma Gilli ha anche condannato due dei cinque imputati giudicati con rito abbreviato: don Marco Gerardo (10 mesi per favoreggiamento) e l’ex consulente della Procura Roberto Primerano (tre anni e quattro mesi per falso ideologico). Assolti invece l’ex assessore regionale all’Ambiente Lorenzo Nicastro, l’avvocato Donato Perrini (entrambi erano accusati di favoreggiamento personale) e il carabiniere Giovanni Bardaro, che era accusato di rivelazione di segreti d’ufficio.

“È stato un lavoro improbo, perché noi lavoriamo a questa indagine da parecchi anni. Se vogliamo, l’indagine è venuta allo scoperto tre anni fa ma noi la portavamo avanti già da parecchio tempo”, ha commentato il procuratore di Taranto Franco Sebastio. “Tranne alcune parti, mi sembra che la nostra impostazione accusatoria abbia trovato conferma”.

L’unica mia colpa è di aver cercato di costruire un doveroso equilibrio tra diritto alla salute e diritto al lavoro: ma non credo che questo sia un reato”, ha detto Vendola, rivendicando di aver “posto sotto monitoraggio i camini del grande siderurgico”.

E se al momento le associazioni ambientaliste tacciono, il co-portavoce dei Verdi Angelo Bonelli esprime soddisfazione: “Il processo Ambiente Svenduto sarà il più importante nella storia della Repubblica italiana”.

In attesa del 20 ottobre, a Taranto molte rimangono le questioni aperte. C’è il problema dell’Altoforno 2, che la procura ha posto sotto sequestro in seguito all’incidente dell’8 giugno scorso, in cui ha perso la vita un operaio di 35 anni, e che continua ad essere in attività per intervento del governo. E poi c’è la questione del risanamento ambientale, con un iter che dovrebbe essere completato entro il 31 luglio. Ieri, parlando alle Commissioni riunite Ambiente e Attività produttive della Camera durante un’audizione, il commissario straordinario per Ilva Piero Gnudi ha spiegato che grazie all’ultimo prestito ponte è stata accelerata l’attuazione dei provvedimenti previsti nell’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA). “Siamo già largamente al di là dell’80%”, ha detto Gnudi.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende