Home » Eventi » Eclissi solare, la bufala del rischio black out e il tentativo (interessato) di screditare le rinnovabili:

Eclissi solare, la bufala del rischio black out e il tentativo (interessato) di screditare le rinnovabili

marzo 20, 2015 Eventi

“Le eclissi sono fenomeni naturali completamente prevedibili e graduali, di cui si conoscono la data, ogni luogo in cui saranno osservabili, il minuto esatto d’inizio e di fine, il momento in cui il ricoprimento del disco solare raggiungerà il massimo. Nulla, insomma, è più prevedibile di una eclissi“. Vincenzo Balzani, professore emerito dell’Università di Bologna e coordinatore del manifesto Energia per l’Italia, assicura che anche quella del 20 marzo non sarà un problema: “ovviamente ha conseguenze sulla produzione di energia elettrica fotovoltaica. Ma si tratta di conseguenze assolutamente prevedibili e quindi di un fenomeno  facilmente gestibile”. “Tanto che – continua il professore – sia in Germania che in Spagna, due dei paesi con alta produzione fotovoltaica, si aspetta l’eclissi senza alcuna preoccupazione. Non così in Italia, dove alcuni giorni fa Terna ha ordinato di disconnettere gli impianti fotovoltaici di potenza superiore ai 100 kW e, chissà perché, anche degli impianti eolici di potenza fra 100 e 200 MW!“. Proprio negli stessi giorni in cui l’azienda partecipata dallo Stato italiano si faceva promotrice delle “7 regole” per la sicurezza dell’ambiente.

Un piccolo giallo, dunque, che fa sorgere qualche sospetto. Un comunicato di Terna rende noto che “per garantire le condizioni di ulteriore sicurezza e stabilità della rete elettrica, verrà attuata per la prima volta in Italia l’innovativa procedura RIGEDI-GDPRO. Prevista dal Codice di Rete dopo essere stata consultata da tutti gli operatori e approvata dall’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e i Servizi Idrici, la procedura in questione consente di gestire in modo programmato il profilo di produzione di energia elettrica degli impianti fotovoltaici”. In dettaglio, la procedura prevede un “distacco” temporaneo (dalle 7 alle 14 del 20 marzo) degli impianti connessi alle reti elettriche di media tensione, e verrà eseguito in stretta collaborazione con le società di distribuzione dell’energia elettrica e con i produttori. La misura è però prevista solo in Italia!

Tra le possibili motivazioni della decisione del gestore della rete elettrica italiana, il Prof. Balzani ritiene probabili, nell’ordine: “l’ inadeguatezza della rete elettrica italiana e l’incapacità di programmare la sostituzione dell’energia fotovoltaica con altre fonti energetiche. Gli interessi economici legati alla necessità di rimpiazzare il mancato apporto del fotovoltaico con centrali turbogas. E un tentativo di dimostrare all’opinione pubblica che l’energia solare è ‘indigesta’ alla nostra rete nazionale, e quindi inadeguata per il sistema elettrico italiano”. Da questo quadro emerge, sostiene Balzani, “l’insofferenza del mondo economico ai costi dell’energia e in particolare ai costi accessori, di dispacciamento e di incentivi alle rinnovabili. E’ indice di una precisa volontà di limitare la transizione da combustibili fossili a energie rinnovabili“. Il contrario di quanto auspicato dall’Autorità per l’Energia e dal Fondo Monetario Internazionale, per i quali è necessario investire per rinnovare la rete elettrica, e promuovere lo sviluppo delle rinnovabili, anche attraverso strumenti fiscali. “Le energie rinnovabili – avverte Balzani – sono le sole capaci di portare il nostro paese all’indipendenza energetica e di ridurre le emissioni climalteranti“.

Il sospetto di un tentativo per screditare le rinnovabili era già stato avanzato dal presidente della Fondazione Univerde, Alfonso Pecoraro Scanio: “Basta alle squallide speculazioni sull’allarme blackout del prossimo venerdì 20 marzo”, ha dichiarato ieri l’ex Ministro dell’Ambiente. “Le eclissi solari sono prevedibili con decenni di anticipo, così come il sorgere e il tramontare del sole. Per il fotovoltaico ogni intervento sulla rete é assolutamente programmabile. Si tratta di produzione in gran parte di piccola e media taglia distribuita, quindi non può arrecare i problemi delle grandi centrali a combustibili fossili che, in caso d’incidenti, sottraggono improvvisamente enormi quantitativi di energia. Da giorni leggo richiami a possibili blackout e non vorrei che qualcuno delle lobby fossili stia programmando qualche incidente il 20 mattina per screditare le rinnovabili”.

Nessun allarme, del resto, si è manifestato tra gli operatori del settore: “Non sarà molto diverso rispetto a una giornata di cielo coperto“.  Giovanni Notarangelo, di Derbigum Italia, sgombra l’orizzonte da ogni dubbio. Rispetto agli effetti dell’eclissi sulla fornitura di energia da fonti rinnovabili, spiega: “Dipenderà anche dalla portata del fenomeno, che stavolta sarà generalizzato e si noterà di più. Ma parlare di black-out è fare terrorismo. Già normalmente gli impianti fotovoltaici, quando manca la fonte solare, producono meno: in una giornata coperta si ottiene circa il dieci per cento di una soleggiata”.

Nessuna sorpresa, quindi, ed effetti ponderabili. Anche perchè la quota di energia fornita dal solare e fotovoltaico non è affatto indifferente. Come si legge nella relazione sullo stato dei servizi dell’Autorità per l’Energia, in Italia la produzione elettrica da fonti rinnovabili incideva vent’anni fa per il 19% sul totale della produzione lorda di energia elettrica (il 16% sul consumo interno lordo), poi è rapidamente cresciuta fino al 31% nel 2012 (il 27% sul consumo interno lordo) e a oltre 37% nel 2013“.

Ma se circa un terzo dell’elettricità che consumiamo ogni giorno deriva da fonti rinnovabili, è allora infondata l’accusa di inaffidabilità delle fonti alternative? “Fotovoltaico e solare sono sicuramente fonti discontinue – precisa Notarangelo – mentre una centrale termoelettrica tradizionale ha una potenza regolabile. Ma questo anche per via della struttura della rete elettrica italiana, che non è preparata a gestire la produzione in eccesso da fonti rinnovabili”.

Eppure anche  Francesco Starace, AD e direttore generale del gruppo Enel, ha ribadito l’importanza di rinnovabili e reti digitali, presentando giusto ieri,  a Londra, il piano strategico 2015-2019 alla comunità finanziaria: “La crescita delle rinnovabili si verifica in tutto il mondo – ha dichiarato – ed Enel e’ ben posizionata in questo settore”, pronta a cogliere le opportunità che arriveranno dalla digitalizzazione della rete di trasmissione, “per una serie di servizi e devices sempre piu’ distribuiti nelle case e nelle fabbriche”. Tra le novità anticipate da Enel, i sistemi di accumulo, veicoli elettrici, e proprio l’integrazione delle rinnovabili.

Per la cronaca, vi anticipiamo – senza essere profeti, che questa eclissi avrà inizio parziale alle 7,40 (UTC), con punta massima alle 9,46 e fine parziale alle 11,50. E si ripeterà tra 18 anni e 10 giorni. Sarà bene che il sistema energetico italiano ripensi se stesso prima di allora…

Cristina Gentile

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende