Home » Eventi » Eclissi solare, la bufala del rischio black out e il tentativo (interessato) di screditare le rinnovabili:

Eclissi solare, la bufala del rischio black out e il tentativo (interessato) di screditare le rinnovabili

marzo 20, 2015 Eventi

“Le eclissi sono fenomeni naturali completamente prevedibili e graduali, di cui si conoscono la data, ogni luogo in cui saranno osservabili, il minuto esatto d’inizio e di fine, il momento in cui il ricoprimento del disco solare raggiungerà il massimo. Nulla, insomma, è più prevedibile di una eclissi“. Vincenzo Balzani, professore emerito dell’Università di Bologna e coordinatore del manifesto Energia per l’Italia, assicura che anche quella del 20 marzo non sarà un problema: “ovviamente ha conseguenze sulla produzione di energia elettrica fotovoltaica. Ma si tratta di conseguenze assolutamente prevedibili e quindi di un fenomeno  facilmente gestibile”. “Tanto che – continua il professore – sia in Germania che in Spagna, due dei paesi con alta produzione fotovoltaica, si aspetta l’eclissi senza alcuna preoccupazione. Non così in Italia, dove alcuni giorni fa Terna ha ordinato di disconnettere gli impianti fotovoltaici di potenza superiore ai 100 kW e, chissà perché, anche degli impianti eolici di potenza fra 100 e 200 MW!“. Proprio negli stessi giorni in cui l’azienda partecipata dallo Stato italiano si faceva promotrice delle “7 regole” per la sicurezza dell’ambiente.

Un piccolo giallo, dunque, che fa sorgere qualche sospetto. Un comunicato di Terna rende noto che “per garantire le condizioni di ulteriore sicurezza e stabilità della rete elettrica, verrà attuata per la prima volta in Italia l’innovativa procedura RIGEDI-GDPRO. Prevista dal Codice di Rete dopo essere stata consultata da tutti gli operatori e approvata dall’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e i Servizi Idrici, la procedura in questione consente di gestire in modo programmato il profilo di produzione di energia elettrica degli impianti fotovoltaici”. In dettaglio, la procedura prevede un “distacco” temporaneo (dalle 7 alle 14 del 20 marzo) degli impianti connessi alle reti elettriche di media tensione, e verrà eseguito in stretta collaborazione con le società di distribuzione dell’energia elettrica e con i produttori. La misura è però prevista solo in Italia!

Tra le possibili motivazioni della decisione del gestore della rete elettrica italiana, il Prof. Balzani ritiene probabili, nell’ordine: “l’ inadeguatezza della rete elettrica italiana e l’incapacità di programmare la sostituzione dell’energia fotovoltaica con altre fonti energetiche. Gli interessi economici legati alla necessità di rimpiazzare il mancato apporto del fotovoltaico con centrali turbogas. E un tentativo di dimostrare all’opinione pubblica che l’energia solare è ‘indigesta’ alla nostra rete nazionale, e quindi inadeguata per il sistema elettrico italiano”. Da questo quadro emerge, sostiene Balzani, “l’insofferenza del mondo economico ai costi dell’energia e in particolare ai costi accessori, di dispacciamento e di incentivi alle rinnovabili. E’ indice di una precisa volontà di limitare la transizione da combustibili fossili a energie rinnovabili“. Il contrario di quanto auspicato dall’Autorità per l’Energia e dal Fondo Monetario Internazionale, per i quali è necessario investire per rinnovare la rete elettrica, e promuovere lo sviluppo delle rinnovabili, anche attraverso strumenti fiscali. “Le energie rinnovabili – avverte Balzani – sono le sole capaci di portare il nostro paese all’indipendenza energetica e di ridurre le emissioni climalteranti“.

Il sospetto di un tentativo per screditare le rinnovabili era già stato avanzato dal presidente della Fondazione Univerde, Alfonso Pecoraro Scanio: “Basta alle squallide speculazioni sull’allarme blackout del prossimo venerdì 20 marzo”, ha dichiarato ieri l’ex Ministro dell’Ambiente. “Le eclissi solari sono prevedibili con decenni di anticipo, così come il sorgere e il tramontare del sole. Per il fotovoltaico ogni intervento sulla rete é assolutamente programmabile. Si tratta di produzione in gran parte di piccola e media taglia distribuita, quindi non può arrecare i problemi delle grandi centrali a combustibili fossili che, in caso d’incidenti, sottraggono improvvisamente enormi quantitativi di energia. Da giorni leggo richiami a possibili blackout e non vorrei che qualcuno delle lobby fossili stia programmando qualche incidente il 20 mattina per screditare le rinnovabili”.

Nessun allarme, del resto, si è manifestato tra gli operatori del settore: “Non sarà molto diverso rispetto a una giornata di cielo coperto“.  Giovanni Notarangelo, di Derbigum Italia, sgombra l’orizzonte da ogni dubbio. Rispetto agli effetti dell’eclissi sulla fornitura di energia da fonti rinnovabili, spiega: “Dipenderà anche dalla portata del fenomeno, che stavolta sarà generalizzato e si noterà di più. Ma parlare di black-out è fare terrorismo. Già normalmente gli impianti fotovoltaici, quando manca la fonte solare, producono meno: in una giornata coperta si ottiene circa il dieci per cento di una soleggiata”.

Nessuna sorpresa, quindi, ed effetti ponderabili. Anche perchè la quota di energia fornita dal solare e fotovoltaico non è affatto indifferente. Come si legge nella relazione sullo stato dei servizi dell’Autorità per l’Energia, in Italia la produzione elettrica da fonti rinnovabili incideva vent’anni fa per il 19% sul totale della produzione lorda di energia elettrica (il 16% sul consumo interno lordo), poi è rapidamente cresciuta fino al 31% nel 2012 (il 27% sul consumo interno lordo) e a oltre 37% nel 2013“.

Ma se circa un terzo dell’elettricità che consumiamo ogni giorno deriva da fonti rinnovabili, è allora infondata l’accusa di inaffidabilità delle fonti alternative? “Fotovoltaico e solare sono sicuramente fonti discontinue – precisa Notarangelo – mentre una centrale termoelettrica tradizionale ha una potenza regolabile. Ma questo anche per via della struttura della rete elettrica italiana, che non è preparata a gestire la produzione in eccesso da fonti rinnovabili”.

Eppure anche  Francesco Starace, AD e direttore generale del gruppo Enel, ha ribadito l’importanza di rinnovabili e reti digitali, presentando giusto ieri,  a Londra, il piano strategico 2015-2019 alla comunità finanziaria: “La crescita delle rinnovabili si verifica in tutto il mondo – ha dichiarato – ed Enel e’ ben posizionata in questo settore”, pronta a cogliere le opportunità che arriveranno dalla digitalizzazione della rete di trasmissione, “per una serie di servizi e devices sempre piu’ distribuiti nelle case e nelle fabbriche”. Tra le novità anticipate da Enel, i sistemi di accumulo, veicoli elettrici, e proprio l’integrazione delle rinnovabili.

Per la cronaca, vi anticipiamo – senza essere profeti, che questa eclissi avrà inizio parziale alle 7,40 (UTC), con punta massima alle 9,46 e fine parziale alle 11,50. E si ripeterà tra 18 anni e 10 giorni. Sarà bene che il sistema energetico italiano ripensi se stesso prima di allora…

Cristina Gentile

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende