Home » Eventi » Ecobuild 2011, primo giorno: l’Italia s’è desta:

Ecobuild 2011, primo giorno: l’Italia s’è desta

marzo 2, 2011 Eventi

Lo spazio Water Nest, Courtesy of ICCIUKLa riduzione di emissioni CO2 nel nostro lavoro di architetti deriva al 17% dalla tecnologia e al 36% da un’attenta progettazione. Non sarà dunque la tecnologia a risolvere la questione energetica, ma l’intelletto“.

E’ Mario Cucinella, l’architetto bolognese inventore della Casa 100k (economica, bella e sostenibile), ad aprire con questa visione, quasi rinascimentale, la conferenza stampa organizzata dalla Camera di Commercio Italiana per il Regno Unito all’Ecobuild di Londra, la più importante fiera europea per l’edilizia sostenibile e le energie rinnovabili.

Per Cucinella l’architetto ha infatti oggi la responsabilità di guidare la cosiddetta green revolution verso la sostenibilità ambientale delle città e degli edifici che, per loro natura, ammette, sono “un paradosso ecologico“, ovvero un’inevitabile quanto necessaria forzatura sulla natura e il paesaggio, per consentire l’abitare umano. Ciò che conta è che quest’azione trasformatrice sia fatta in maniera intelligente, contestualizzando le costruzioni e ricorrendo alle soluzioni e ai materiali più adatti

E qui viene il ruolo delle imprese, a cui spetta fornire, appunto, soluzioni e materiali che consentano all’architetto di concretizzare i progetti di sostenibilità ambientale. Girando per Ecobuild le proposte non sembrano certo mancare, visto che le sole aziende italiane partecipanti all’evento sono passate da 16 a più di 100, consentendo al Padiglione Italiano di diventare la più nutrita rappresentanza straniera, come ci racconta il padrone di casa Leonardo Simonelli Santi, presidente della ICCIUK.

Una presenza significativa che, in tempi di crisi, trasmette positività e sembra veder riaffiorare il tenace genio italico, apparentemente fiaccato dalla delirante stuazione politica nazionale, estranea ai problemi concreti del paese, ma che proprio in questi momenti è capace di dare il meglio di sè, guardando al futuro e alle opportunità di business che si aprono sui mercati esteri. “Questa è ormai una fiera di successo” spiega Simonelli, “che tocca un argomento essenziale, quello della sostenibilità, dove l’Italia può fare la sua parte, sia per tradizione che per necessità“.

Già, perché se è vero che la necessità aguzza l’ingegno, senza know-how, esperienza e tradizione difficilmente ci si può improvvisare e competere sui mercati internazionali. Per questo il mantra di tutti gli ospiti d’onore che incontriamo nel Padiglione è: qualità ed eccellenza. E’questa la chiave del successo per le nostre imprese, quali che siano le dimensioni, PMI a conduzione famigliare o grandi aziende.

Ne è convinto anche l’ex Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio, presente nella veste di presidente della Fondazione Univerde, che, al di là di ogni polemica politica, ricorda come nel nostro paese serva una rivoluzione culturale che liberi finalmente dal pregiudizio di una contrapposizione frontale tra ambientalismo e imprenditoria, per non ingabbiare quelle forze positive che già sono all’opera. “Nonostante la situazione di collasso politico del nostro paese il sistema economico si sta muovendo in piena autonomia, lavorando già in una dimensione europea, che non riguarda solo gli architetti e la progettazione, ma anche la manovalanza e la carpenteria, di cui è ricca la nostra storia. In questo frangente la caratteristica un po’ anarchica dell’Italia aiuta, perchè è il paese è abituato ad andare avanti nelle proprie iniziative, a prescindere dai governi in carica“. 

Lo si vede anche qui in fiera, dove a pochi passi dallo stand della Camera di Commercio, svetta la main attraction, il Water Nest, uno spazio tra il sostenibile e lo zen – costruito in soli tre giorni – che si può leggere prorpio come simbolo di un’imprenditoria (in questo caso quella veneta) che, anche sul tema della sostenibilità, non si perde troppo in chiacchiere, ma fa, sperimenta e produce.

E’ di nuovo un architetto, Carlo Beltramelli, a farci da guida al suo concept che, a pochi giorni dall’apertura di un altro importante appuntamento londinese, La Dolce Vita, cerca di fondere la sostenibilità con il wellness e il lusso accessibile, per cavalcare - in nome della buona causa di riduzione dell’impatto ambientale - il cavallo vincente del fashion e del lifestyle italiani, tanto apprezzati all’estero, tra vasi in “legno liquido“, mosaici in vetro riciclato e ceramiche realizzate con materiali di recupero. Solo un assaggio di cosa si può vedere lungo le corsie di Ecobuild, un gigantesco caleidoscopio che fa capire cosa potrebbero essere le nostre case e le città non domani, ma già oggi. Alla faccia di chi pensa che tutelare l’ambiente non possa produrre reddito.

Andrea Gandiglio   

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende