Home » Eventi » Ecobuild, secondo giorno: gli altri non stanno a guardare:

Ecobuild, secondo giorno: gli altri non stanno a guardare

marzo 3, 2011 Eventi

Lo stand Hyundai, Courtesy of Greenews.infoL’Italia, come dicevamo ieri, s’è sicuramente desta e lo sta dimostrando, con una nutrita e agguerrita rappresentanza di aziende, in questa edizione di Ecobuild 2011. Ma è bene non sedersi sugli allori, perché gli altri paesi non stanno certo a guardare e se ci si sposta dalla manica sud alla nord del centro Excel, dedicata alle rinnovabili, la presenza italiana è, purtroppo, pressoché inesistente.

Qui la partita si gioca tra i colossi mondiali del fotovoltaico (quasi tutti tedeschi, americani o asiatici) che, sull’onda del nuovo ”Conto Energia” varato dal governo inglese, fanno a gara per avere lo stand più grande e originale possibile: Hyundai, Sharp, Suntech, Schüco, Canadian Solar, Solar World (che espone alle pareti un sorridente Jr. – l’attore di “Dallas” Larry Hagman – come un petroliere apostata in cappello texano, folgorato sulla via delle rinnovabili). Ma i giganti tra i grandi, che svettano su tutto e tutti sono Arcelor Mittal, il gruppo del magnate indiano Lakshmi Mittal, che fornirà tutto l’acciaio per le Olimpiadi di Londra 2012, e Saint-Gobain, il leader francese del vetro, giunto ormai a un catalogo di prodotti e “soluzioni per l’habitat del futuro” che vanno ben al di là dei vetri a bassa trasmittanza per il risparmio energetico.

Per questo è comunque elemento di orgoglio trovare, anche a queste latitudini della fiera, i Davide italiani che, incuranti dei Golia mondiali proseguono il loro percorso di sviluppo. Come la piccola Energica Srl, nello stand Piemonte Agency del Centro Estero per l’Internazionalizzazione, che rivendica la produzione di pannelli fotovoltaici Made in Italy (o meglio Made in Cavour, come ci tengono a sottolinare, facendo riferimento non al citatissimo statista, ma all’omonimo paesino piemontese): una rarità assoluta non solo in Italia che, come noto, pur avendo il conto energia più generoso del mondo può contare su una decina di produttori nazionali al massimo, ma addirittura in Europa, se si tiene conto che quasi tutti i moduli fotovoltaici tedeschi sono prodotti in Cina.

A pochi passi si trova invece IES, creatore inglese di uno dei migliori software al mondo per i progettisti di green building, con cui l’italiana E++, che si occupa di tecnologie rinnovabili dal 1925, ha stretto un accordo di distribuzione in esclusiva per l’Italia. IES Virtual Environment, ci spiega il giovane architetto Alberto Altavilla, consulente nel risparmio energetico, è un software che consente la modellazione energetica per il conseguimento della certificazione LEED , lo standard giunto in Italia dagli Stati Uniti grazie alla tenacia di un altro gruppo di imprenditori e progettisti trentini, confluiti nell’attivissimo Green Building Council Italia. Se è vero che, come sostiene Mario Cucinella, una buona progettazione conta per il 36% nel risparmio di emissioni climalternati, si può ben capire l’importanza di strumenti di ausilio al lavoro intellettuale degli architetti nella prospettiva del raggiungimento dei noti obiettivi europei del “20-20-20″.

Ma al di là di quanto si possa vedere negli stand, oggi Ecobuild chiuderà l’edizione 2011 con una terza giornata ricchissima di incontri e seminari, che spaziano dall’interior design promosso dalla SBID, la Società degli Interior Designers Britannici, presideuta dalla filo-italiana Vanessa Brady (ospite fissa della Camera di Commercio Italiana in UK), ai grandi temi planetari (e umanitari) affidati a nomi di grande richiamo come Bianca Jagger, l’attivista ex moglie del cantante dei Rolling Stones. Una cosa è comunque certa: Ecobuild ha già dimostrato a tutti i partecipanti di questa prima edizione “allargata” che ha tutti i requisiti per diventare la più importante fiere del settore in Europa. L’appuntamento è dunque per il 22 marzo 2012.

Andrea Gandiglio                

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende