Home » Eventi »Recensioni » Euforia da green economy a Solar Expo e Greenbuilding 2010:

Euforia da green economy a Solar Expo e Greenbuilding 2010

maggio 10, 2010 Eventi, Recensioni

Il piazzale esterno di Solar Expo 2010 alla Fiera di Verona

 Si è chiuso venerdì a Verona Solar Expo & Greenbuilding, l’evento fieristico che con i suoi 69.500 visitatori (+ 9% sul 2009) e 1.200 espositori, si conferma l’appuntamento di riferimento, in Italia, per le energie rinnovabili e l’architettura sostenibile.

Impossibile, visti i numeri, fornire un quadro esaustivo della manifestazione che, articolata in 10 padiglioni e 100.000 metri quadrati di esposizione, genera nel visitatore un irrefrenabile senso di euforia da green economy, unito al timore reverenziale suscitato dai giganteschi moduli solari ”a inseguimento“, nuovi totem tecnologici di una società che vede il sole come una risorsa economica, più che una divinità.

Vediamo dunque, secondo la prospettiva volutamente parziale e soggettiva delle nostre impressioni di viaggio , le novità e curiosità che ci sono sembrate, a vario titolo, più interessanti.

Un modulo solare a inseguimento di ECOrel Power

Un modulo solare a inseguimento di ECOrel Power

Il mantra degli espositori 2010 è indubbiamente “chiavi in mano“. Che si tratti di PMI, grandi aziende o installatori artigianali di piccoli impianti, la promessa per il cliente che rieccheggia tra gli stand è quella di non doversi preoccupare di nulla. Un’esigenza chiaramente maturata dalla complessità tecnica della materia, ma soprattutto della normativa di riferimento, che rende estremamente utile il lavoro delle numerose società di consulenza e progettazione presenti in fiera, per orientarsi in un mercato di produttori e installatori talvolta troppo giovane per poter offrire le necessarie garanzie di esperienza e affidabilità.

Per questa stessa ragione Adecco, insieme agli organizzatori, ha allestito un Job Center che, oltre a informare, raccogliere CV e presentare offerte di lavoro, ha offerto consulenza ai candidati intenzionati a orientare la propria carriera nel settore delle energie rinnovabili.

Il Green Job Center di Adecco presente in fiera

Il Green Job Center di Adecco presente in fiera

Un supporto destinato a non terminare con la fiera, ma che la società di recruiting intende continuare ad offrire on-line, per contribuire a formare quei profili professionali già molto richiesti dalle aziende, ma ancora scarsamente prodotti dalle università.

Ma come vivono l’incertezza degli incentivi 2010 gli operatori del settore? A giudicare dalla fortissima presenza di aziende straniere – tedesche e cinesi in primis, ma anche spagnole e canadesi – sembra che sull’Italia splenda pur sempre un bel sole9Ren è l’esempio di un gruppo italo-spagnolo, nato dalla fusione tra Gamesa Solar e Ener3, che sviluppatosi inizialmente sul fronte spagnolo, vede ora nell’Italia il principale mercato di espansione, con 11 cantieri attivi in Puglia e nel Lazio, per un totale di 28,3 MW, e un recupero ambientale dell’Area Ex Snia Viscosa a Roma. I tedeschi, meno solari per natura, non intendono tuttavia cedere il primato fotovoltaico europeo e, attraverso la società di servizi della Camera di Commercio Italo-Germanica, DE International Italia Srl, promuovono in fiera l’appuntamento di Intersolar, a Monaco di Baviera dal 9 all’11 giugno prossimi, per favorire i contatti commerciali tra le aziende italiane buyer e le società tedesche fornitrici, interessate al mercato italiano. Ma a godere, tra i due “litiganti” potrebbe essere il terzo incomodo cinese, il colosso Yingli Solar - già fornitore di 9Ren e strategicamente collocato in Europa con l’headquarter di Monaco - presente a Solar Expo con un maxi stand che ne promuove, senza risparmio di risorse, la costosissima sponsorizzazione degli imminenti Mondiali di Calcio del Sud Africa.

I "gioielli solari" nella vetrina di Hyundai

I "gioielli solari" nella vetrina di Hyundai

Del resto, se la green economy – e il fotovoltaico in particolare – continuerà a galoppare agli attuali ritmi di crescita, il gioco vale la candela. Tanto che nello stand Hyundai – la casa automobilistica delle auto Blue Drive, che opera nelle rinnovabili in Italia attraverso la Hyundai ImageQuest Italy S.p.A di Frascati  - già si presentano il silicio e i componenti dei moduli fotovoltaici, monocristallino e policristallino, come preziosi gioielli da tenere in vetrina. Eppure il grande Thomas Alva Edison scriveva: “voglio rendere l’elettricità così economica che solo i ricchi si potranno permettere il lusso di utilizzare le candele“.  

A proposito di gruppi provenienti dal settore auto, desta interesse il franchising Ecoveicoli sviluppato dalla piemontese Autotecnica Group S.p.A.: un’originale modello di concessionarie e punti vendita dedicati alla mobilità sostenibile, dalle biciclette con pedalata assistita alle pedane, agli scooter, ai veicoli professionali elettrici e ibridi.  Una realtà innovativa che punta sugli accordi multimarca con i produttori delle principali novità ecologiche e sulla struttura flessibile del network per beneficiare di servizi e finanziamenti agevolati da parte degli istituti di credito.

Da segnalare infine la nuova iniziativa per le imprese del WWF, presente in fiera con la società WWF Ricerche e Progetti Srl. Si tratta del progetto Imprese per la Natura   , rivolto alle piccole e medie imprese italiane che – nonostante il periodo economico non particolarmente favorevole - vogliano, su base volontaria e con un contributo minimo (interamente deducibile a livello fiscale), rendere concreto il proprio impegno ambientale valorizzando, presso un pubblico qualificato, i propri prodotti environmental friendly

Lo stand di Ecoveicoli

Lo stand di Ecoveicoli

Lasciateci dunque concludere la carrellata sul concetto – abusato – di amicizia per l’ambiente, avanzando, per par condicio, una critica costruttiva agli organizzatori. In occasione dell’ultima edizione di Ecomondo avevamo infatti segnalato come, in un contesto dedicato alla sostenibilità ambientale, tutte quelle stoviglie e bottiglie di plastica, nei ristoranti della fiera fossero francamente fuori luogo. Forse siamo stati ascoltati e abbiamo appreso con piacere, poco tempo fa, che la Fiera di Rimini sarà la prima ad utilizzare solamente più materiale compostabile per la ristorazione. Non sarebbe opportuno che anche la Fiera di Verona, ospite della più importante manifestazione dedicata alle rinnovabili, in vista della prossima edizione desse il buon esempio con qualche accorgimento in più?

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende