Home » Eventi » EUSEW: più coordinamento europeo per centrare gli obiettivi “20-20-20″:

EUSEW: più coordinamento europeo per centrare gli obiettivi “20-20-20″

giugno 25, 2012 Eventi

Tra il 18 e il 22 giugno, è stato stimato che 150 mila persone in tutta Europa abbiano discusso di efficienza energetica e di energie rinnovabili. Non male per un tema che, solitamente, non raggiunge, nelle cronache mediatiche, la popolarità di altri più futili argomenti. Il merito è della settima edizione della Settimana Europea delle Energie Rinnovabili (EUSEW) incentrata sulla presentazione della recente Comunicazione – adottata dalla Commissione Europea – sulla Strategia per le Energie Rinnovabili.

Nel corso della Settimana, che volutamente si è tenuta negli stessi giorni in cui a Rio si svolgeva il Summit delle Nazioni Unite, si sono susseguiti 150 eventi solo nella capitale dell’Unione Europea, e 950 manifestazioni in 40 Paesi diversi nell’ambito degli Energy Day. Diverse sono state le iniziative in programma anche in Italia, a cominciare dal convegno “Prospettive di sviluppo della bioenergia in Italia”, che si è tenuto a Milano il 21 giugno. A Napoli, invece, nell’ambito del progetto “Sballati e… compost-i”, l’Anea (Agenzia Napoletana Energia e Ambiente) ha organizzato, per la stessa data, l’Agorà della Sostenibilità. Rifiuti zero, per promuovere il riciclo dei rifiuti e degli scarti alimentari in casa per la produzione di compost. Il 22 giugno a Roma, invece, si è tenuta la conferenza “Abitare sostenibile in area mediterranea”, promossa dal Consorzio Nazionale CasaQualità a conclusione del progetto europeo “IRH-MED, Innovative Solutions for Mediterranean Residential Housing”.

Ma torniamo a Bruxelles, dove l’iniziativa ha preso vita, e soprattutto alla conferenza inaugurale presieduta dal Commissario Europeo per l’Energia, Gunther Oettinger. Durante la quale si è discusso del futuro energetico dell’Europa e proprio della nuova Comunicazione adottata dalla Commissione lo scorso 6 giugno. In base a quest’ultima l’Unione Europea si impegna a raggiungere una quota del 20% di energie rinnovabili entro il 2020. Cosa nota. La precisazione è però che un simile obiettivo può essere conseguito (in modo efficiente rispetto ai costi) solamente se tutte le politiche attualmente in vigore vengono correttamente attuate nei rispettivi Stati membri. Gli Stati dovrebbero cioè privilegiare un approccio europeo più coordinato per stabilire e riformare i regimi di sostegno e ricorrere di più ai meccanismi di scambio di energie rinnovabili tra gli stessi Stati membri.

Inoltre, la necessità da parte degli investitori di poter contare su certezze in materia normativa (velato richiamo al Governo italiano?) rende pressante l’avvio della discussione sul futuro di un solido quadro di riferimento, che vada oltre il 2020. A tal proposito, secondo Oettinger “dobbiamo continuare a sviluppare le energie rinnovabili e a promuovere soluzioni innovative. Ciò va fatto in modo efficiente rispetto ai costi. Questo significa produrre energia eolica e solare dove sia sensato farlo da un punto di vista economico, commercializzandola poi in Europa come già facciamo per altri prodotti e servizi”. Ma questa prospettiva, per quanto suggestiva, non contraddice forse il modello di produzione “distribuita” sul territorio, caro a Rifkin, a Clark e praticamente a tutte le associazioni ambientaliste? Il dubbio è legittimo.

I quattro settori nei quali, seconda la Commissione, è necessario intervenire in maniera più incisiva, da qui al 2020, per poter raggiungere gli obiettivi stabiliti in materia di rinnovabili, sono, in primo luogo, il mercato dell’energia: ovvero la necessità di completare il mercato interno dell’energia e affrontare, congiuntamente, il problema degli incentivi agli investimenti per la generazione di energia elettrica, in modo da consentire una facile integrazione delle rinnovabili in un unico mercato. Ugualmente importanti sarebbero dunque – secondo punto – i regimi di sostegno. A questo proposito è stato detto che la Commissione privilegerà programmi che incoraggino la riduzioni dei costi ed evitino sovra-compensazioni. La Commissione inoltre si è mostrata propensa a promuove un maggiore ricorso ai meccanismi di cooperazione contenuti nella direttiva sulle energie rinnovabili. I meccanismi di cooperazione permetterebbero infatti agli Stati membri di raggiungere gli obiettivi nazionali vincolanti mediante lo scambio di energie rinnovabili. Ciò vuol dire, come anticipato sopra, che uno Stato membro sarà incoraggiato, ad esempio, ad acquistare energia eolica o solare da un altro Stato membro o da un paese terzo al di fuori dell’UE. Una scelta che, pare, potrebbe risultare più economica rispetto alla produzione di energia solare o eolica nel paese di origine. Infine, la quarta mossa decisiva sarebbe la cooperazione in materia di energia nel Mediterraneo. Ciò che auspica la Commissione è, in definitiva, un miglioramento del quadro normativo e del mercato regionale integrato nel Magreb che faciliterebbe gli investimenti su larga scala nella regione e consentirebbe all’Europa di importare energia elettrica da fonti rinnovabili.

Quest’anno, più delle passate edizioni, la settimana UE sulle Energie Rinnovabili ha quindi costituito un ponte importante tra le imprese del settore e le istituzioni europee, che hanno trovato un punto di convergenza ben racchiuso nelle parole di Oettinger: “l’energia sostenibile è al centro della strategia Europa 2020 per una crescita e un’occupazione sostenibile e costituisce un’opportunità economica. Mentre il mondo sta già investendo molto nel consumo di energia più intelligente, è giunto il momento per l’Europa di intensificare gli sforzi per informare i cittadini sui suoi benefici, e garantire che le energie rinnovabili possano diventare un player competitivo nel mercato europeo dell’energia”.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende