Home » Eventi » EUSEW: più coordinamento europeo per centrare gli obiettivi “20-20-20″:

EUSEW: più coordinamento europeo per centrare gli obiettivi “20-20-20″

giugno 25, 2012 Eventi

Tra il 18 e il 22 giugno, è stato stimato che 150 mila persone in tutta Europa abbiano discusso di efficienza energetica e di energie rinnovabili. Non male per un tema che, solitamente, non raggiunge, nelle cronache mediatiche, la popolarità di altri più futili argomenti. Il merito è della settima edizione della Settimana Europea delle Energie Rinnovabili (EUSEW) incentrata sulla presentazione della recente Comunicazione – adottata dalla Commissione Europea – sulla Strategia per le Energie Rinnovabili.

Nel corso della Settimana, che volutamente si è tenuta negli stessi giorni in cui a Rio si svolgeva il Summit delle Nazioni Unite, si sono susseguiti 150 eventi solo nella capitale dell’Unione Europea, e 950 manifestazioni in 40 Paesi diversi nell’ambito degli Energy Day. Diverse sono state le iniziative in programma anche in Italia, a cominciare dal convegno “Prospettive di sviluppo della bioenergia in Italia”, che si è tenuto a Milano il 21 giugno. A Napoli, invece, nell’ambito del progetto “Sballati e… compost-i”, l’Anea (Agenzia Napoletana Energia e Ambiente) ha organizzato, per la stessa data, l’Agorà della Sostenibilità. Rifiuti zero, per promuovere il riciclo dei rifiuti e degli scarti alimentari in casa per la produzione di compost. Il 22 giugno a Roma, invece, si è tenuta la conferenza “Abitare sostenibile in area mediterranea”, promossa dal Consorzio Nazionale CasaQualità a conclusione del progetto europeo “IRH-MED, Innovative Solutions for Mediterranean Residential Housing”.

Ma torniamo a Bruxelles, dove l’iniziativa ha preso vita, e soprattutto alla conferenza inaugurale presieduta dal Commissario Europeo per l’Energia, Gunther Oettinger. Durante la quale si è discusso del futuro energetico dell’Europa e proprio della nuova Comunicazione adottata dalla Commissione lo scorso 6 giugno. In base a quest’ultima l’Unione Europea si impegna a raggiungere una quota del 20% di energie rinnovabili entro il 2020. Cosa nota. La precisazione è però che un simile obiettivo può essere conseguito (in modo efficiente rispetto ai costi) solamente se tutte le politiche attualmente in vigore vengono correttamente attuate nei rispettivi Stati membri. Gli Stati dovrebbero cioè privilegiare un approccio europeo più coordinato per stabilire e riformare i regimi di sostegno e ricorrere di più ai meccanismi di scambio di energie rinnovabili tra gli stessi Stati membri.

Inoltre, la necessità da parte degli investitori di poter contare su certezze in materia normativa (velato richiamo al Governo italiano?) rende pressante l’avvio della discussione sul futuro di un solido quadro di riferimento, che vada oltre il 2020. A tal proposito, secondo Oettinger “dobbiamo continuare a sviluppare le energie rinnovabili e a promuovere soluzioni innovative. Ciò va fatto in modo efficiente rispetto ai costi. Questo significa produrre energia eolica e solare dove sia sensato farlo da un punto di vista economico, commercializzandola poi in Europa come già facciamo per altri prodotti e servizi”. Ma questa prospettiva, per quanto suggestiva, non contraddice forse il modello di produzione “distribuita” sul territorio, caro a Rifkin, a Clark e praticamente a tutte le associazioni ambientaliste? Il dubbio è legittimo.

I quattro settori nei quali, seconda la Commissione, è necessario intervenire in maniera più incisiva, da qui al 2020, per poter raggiungere gli obiettivi stabiliti in materia di rinnovabili, sono, in primo luogo, il mercato dell’energia: ovvero la necessità di completare il mercato interno dell’energia e affrontare, congiuntamente, il problema degli incentivi agli investimenti per la generazione di energia elettrica, in modo da consentire una facile integrazione delle rinnovabili in un unico mercato. Ugualmente importanti sarebbero dunque – secondo punto – i regimi di sostegno. A questo proposito è stato detto che la Commissione privilegerà programmi che incoraggino la riduzioni dei costi ed evitino sovra-compensazioni. La Commissione inoltre si è mostrata propensa a promuove un maggiore ricorso ai meccanismi di cooperazione contenuti nella direttiva sulle energie rinnovabili. I meccanismi di cooperazione permetterebbero infatti agli Stati membri di raggiungere gli obiettivi nazionali vincolanti mediante lo scambio di energie rinnovabili. Ciò vuol dire, come anticipato sopra, che uno Stato membro sarà incoraggiato, ad esempio, ad acquistare energia eolica o solare da un altro Stato membro o da un paese terzo al di fuori dell’UE. Una scelta che, pare, potrebbe risultare più economica rispetto alla produzione di energia solare o eolica nel paese di origine. Infine, la quarta mossa decisiva sarebbe la cooperazione in materia di energia nel Mediterraneo. Ciò che auspica la Commissione è, in definitiva, un miglioramento del quadro normativo e del mercato regionale integrato nel Magreb che faciliterebbe gli investimenti su larga scala nella regione e consentirebbe all’Europa di importare energia elettrica da fonti rinnovabili.

Quest’anno, più delle passate edizioni, la settimana UE sulle Energie Rinnovabili ha quindi costituito un ponte importante tra le imprese del settore e le istituzioni europee, che hanno trovato un punto di convergenza ben racchiuso nelle parole di Oettinger: “l’energia sostenibile è al centro della strategia Europa 2020 per una crescita e un’occupazione sostenibile e costituisce un’opportunità economica. Mentre il mondo sta già investendo molto nel consumo di energia più intelligente, è giunto il momento per l’Europa di intensificare gli sforzi per informare i cittadini sui suoi benefici, e garantire che le energie rinnovabili possano diventare un player competitivo nel mercato europeo dell’energia”.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende