Home » Eventi »Idee » Tradizione e innovazione: famiglie rurali in scena a Fiuggi:

Tradizione e innovazione: famiglie rurali in scena a Fiuggi

agosto 1, 2011 Eventi, Idee

A Grone, paese di montagna in provincia di Bergamo, Chiara Consoli, 32 anni, ha preso in mano l’azienda agricola di famiglia, aggiungendo alla tradizionale produzione di stracchino altre linee di formaggi, una fattoria didattica e l’attività agrituristica. Oggi lavora in azienda insieme ai genitori, il marito e la sorella.

A Terracina (Latina), l’azienda agricola Feragnoli produce insalata pronta all’uso dal 1989. Negli ultimi anni, la gestione dell’azienda è passata all’ultima generazione: Amelia, il fratello e il marito. Dopo gli studi universitari, la decisione di mettersi al servizio dell’attività di famiglia: sono stati ripensati i prodotti, costruito un nuovo stabilimento, creata una fattoria didattica. E ancora, in provincia di Palermo, a Collesano, Antonino Lo Curto e la moglie allevano con metodo biologico mucche da carne e da latte e stanno pensando di realizzare un’area attrezzata con tavoli e barbecue dove i clienti possono consumare i prodotti appena acquistati.

Quando si dice famiglia, si pensa spesso ai genitori con uno e due figli in un appartamento di città: i primi spesso fuori per lavoro, i secondi davanti alla tv o al pc per ammazzare il tempo. Ma la realtà italiana è un’altra: le famiglie che vivono nelle aree rurali sono oggi il 56,2%, più 1,2% rispetto agli anni Novanta, contro il 43,8% di quelle che vivono nelle città. A tenere le fila dell’agricoltura italiana, settore tutt’altro che statico, unendo una tradizione vecchia di secoli con un’attenzione costante all’innovazione, sono proprio una parte di quelle famiglie che vivono in zone rurali. Una realtà che spesso non viene raccontata, e a cui il Family Festival di Fiuggi, in collaborazione con la Rete Rurale Nazionale, ha voluto dedicare un evento, durante il quale sono stati anche presentati in anteprima i risultati di una ricerca dell’Ismea sull’argomento.

Le famiglie sono infatti, per la Rete Rurale Nazionale, il «pilastro dell’agricoltura del futuro»: «A fronte di un’impresa moderna che deve essere multifunzionale, e all’aumento della complessità della stessa, il fatto di avere un’azienda familiare con diverse persone in grado di svolgere attività diverse, con rapporti di reciprocità e fiducia, è un fattore positivo di affidabilità e convenienza».

Primo aspetto interessante che emerge dalla ricerca è che la maggior parte delle famiglie (57%) risiede in azienda e ha un tasso di natalità un po’ più alto rispetto alla media: «Quelle con un solo figlio – spiega Elisabetta Savarese dell’Ismea – sono il 35% (la media italiana Istat è del 46,5%), quelle con due figli il 47,6% (contro il 43% della media del paese) e quelle con tre o più figli il 17,5% (la media è del 10,5%)». E ai figli piace vivere nelle aree rurali: «Le percentuali di gradimento si attestato sull’82% per la fascia 18-39 anni e sull’88% per gli under 18». Per i giovani, vivere in campagna è bello in primo luogo per la qualità della vita, seguita dalla possibilità di conciliare lavoro e famiglia e poter dare continuità ai valori familiari. I bambini, invece, prediligono la vita in campagna perché vivono a contatto con la natura e non si annoiano mai.

Proprio come i figli di Chiara Consoli e della sorella Gloria, che passano i pomeriggi in azienda arrampicandosi sugli alberi e dando una mano ad accudire gli animali. Una vita in totale sintonia con la natura che fa dire a un bambino su due (49%) che da grande vorrebbe fare l’agricoltore. «Crescendo – continua Savarese – questa percentuale scende a un terzo fra i giovani tra i 18 e i 39 anni. Più della metà non è interessato a subentrare nella conduzione dell’azienda perché pensa che l’attività agricola non possa offrirgli un reddito sufficiente, perché già svolge o aspira a svolgere un’altra professione, e poi perché è un’attività che lascia poco tempo libero». E proprio il poco tempo a disposizione è uno dei fattori che più rende faticosa la vita degli agricoltori: per il 40% degli intervistati è insufficiente, per il 27% appena sufficiente, mentre il 33% lo ritiene adeguato. «Solo il 34% dei conduttori di un’azienda riesce ad andare in vacanza». Nel caso dell’azienda Feragnoli, spiega Amelia, «essendo in tre alla conduzione dell’azienda, riusciamo ad alternarci e a prenderci un po’ di tempo libero». Ma nel caso delle imprese più piccole, la cosa è molto più complicata: «Mio padre doveva andare a dar da mangiare alle mucche anche quando aveva la febbre. Non esistono feste, gli animali chiamano», spiega Chiara Consoli.

Ma i disagi, per le famiglie rurali, non si riducono al poco tempo per lo svago: «La mancanza di un’adeguata rete sociale è la principale problematica percepita da conduttore dell’azienda e coniuge, seguita dall’isolamento sociale e politico e dalla mancanza di servizi e trasporti». Se, nonostante tutto, il 20% dei genitori e il 13% dei figli non rileva nessun problema, i giovani over 18 si lamentano della condizione di isolamento e della mancanza di luoghi di incontro e divertimento, mentre per i più piccoli a pesare è il fatto di vivere lontano dagli amici e non poter andare dove vogliono senza essere accompagnati da qualcuno. È la situazione, per esempio, dei figli di Antonino Lo Curto: «Nel paese vicino all’azienda non ci sono cinema o altri luoghi di aggregazione al di fuori di qualche bar». Il figlio più grande già sogna di lavorare altrove e fare l’architetto, e tutte le speranze, per la sopravvivenza dell’azienda, sono puntate sul più piccolo.

Il problema, quindi, è che mancano i servizi: «Un giovane che voglia metter su famiglia in un’area rurale chiede un maggior sostegno alla maternità e genitorialità (37%), più servizi (asili nido, scuole, ospedali, 27%), maggiori servizi sostitutivi nel lavoro, che permettano di avere più tempo libero (13%)». Ma i figli degli agricoltori chiedono anche politiche che puntino su un accesso al credito più facile e sulla formazione. Più della metà non è a conoscenza delle agevolazioni a cui potrebbe accedere come giovane agricoltore, e che forse potrebbero fargli decidere di portare avanti l’azienda di famiglia.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende