Home » Eventi » Festambiente 2011: un “green new deal” per il futuro del Paese:

Festambiente 2011: un “green new deal” per il futuro del Paese

agosto 25, 2011 Eventi

ERA NUCLEARE (Ora non lo è più) “. Questa la scritta che campeggiava ovunque durante la ventitreesima edizione di Festambiente, la manifestazione di Legambiente conclusasi la scorsa settimana in Toscana. Sulle magliette dei ragazzi, volontari in servizio presso stand, bar e ristoranti, e su due striscioni, uno esposto nell’area concerti e l’altro sopra il palco dello spazio dibattiti: non poteva che essere l’esito dei referendum del 12 e 13 Giugno il “claim” di questa edizione di Festambiente svoltasi, come di consueto, presso il centro nazionale per lo sviluppo sostenibile “Il Girasole”, a Rispescia, all’interno del Parco Nazionale della Maremma.

Undici giorni di dibattiti, incontri, concerti all’insegna della sostenibilità e della lotta alle illegalità con 130 stand espositivi, 250 tra volontari e collaboratori, circa 400 enti patrocinatori, oltre 150 relatori, più di 100 artisti che si sono esibiti, 70 rassegne di degustazione, 20 laboratori ecologici al giorno nello spazio “Città dei Bambini”, il ristorante vegetariano più grande d’Italia e oltre 50 pellicole proiettate nel cinema all’aperto. Il tutto in un’area di oltre 20mila metri quadrati, una città sostenibile in cui si raggiunge il 90% di raccolta differenziata, non si usa la plastica, l’acqua è servita in caraffa, piatti e bicchieri sono esclusivamente in ceramica, vetro e amido di masi, l’alimentazione è biologica e a km zero, con prodotti tipici della Maremma e, inoltre, il palco concerti e quello per i dibattiti sono alimentati da pannelli fotovoltaici. Infine aderendo alla campagna nazionale di “Azzero CO2” le oltre 60 tonnellate di CO2 emesse comunque in atmosfera sono state compensate con l’acquisto di crediti da fonti rinnovabili in India.

“Siamo felici di aver festeggiato insieme a migliaia di persone – ha dichiarato Angelo Gentili, coordinatore nazionale della manifestazione e membro della segreteria nazionale di Legambiente – il successo nei referendum, ribadendo la nostra voglia e il nostro entusiasmo nel costruire un mondo migliore. Al di là dei numeri, il risultato più bello rimane la passione e la partecipazione della gente. Festambiente è uno degli eventi più importanti dell’estate italiana. Un messaggio chiaro alla classe politica del paese: l’entusiasmo e la grande partecipazione della gente dimostra che continua a soffiare forte il vento del cambiamento e della voglia di essere protagonisti. Abbiamo tracciato ancora una volta la strada per un futuro più sostenibile a sostegno delle buone pratiche, delle energie rinnovabili e contro le ecomafie e l’abusivismo edilizio. La gente vuole cambiare e lottare per ciò che è giusto. Ed è anche per questo – conclude Gentili – che noi continueremo con le nostre campagne e le nostre battaglie a camminare insieme, verso un mondo migliore”.

Ma si può veramente fare a meno del nucleare e coprire diversamente il fabbisogno energetico necessario al mantenimento dello sviluppo economico del nostro Paese? La risposta di Legambiente è sì, stando almeno all’esempio di altri Paesi, come la Germania, che ha abbandonato il nucleare pur mantenendo l’obiettivo di ridurre del 95% le emissioni di CO2 in atmosfera entro il 2050. Un obiettivo assoultamente realistico, hanno assicurato i relatori del convegno tenutosi il 13 Agosto, intitolato “Fuori dal Nucleare! Dall’ Italia la sfida per un nuovo modello energetico internazionale”.

Secondo Valerio Rossi Albertini, del CNR nazionale, le tecnologie “ci sarebbero”, pronte per arrivare molto vicini alla riduzione del 100% delle emissioni climalteranti, ma servono incentivazioni ed una forte volontà politica. La palla, dunque, passa di nuovo ai decisori in Parlamento. E, stando alle dichiarazioni rilasciate dal Ministro Paolo Romani all’indomani del referendum, un nuovo Piano Energetico Nazionale potrebbe essere pronto già a Settembre con le energie rinnovabili - è lecito prevedere – a farla da padrone.

In Maremma non si è parlato però solo di energia, ma anche di illegalità e crimini contro l’ambiente, con ampio risalto ai dati di Goletta Verde, sullo stato dei mari italiani. Non c’è da rallegrarsi: 146 i punti critici lungo il territorio nazionale, uno ogni 51 km di costa, l’80% dei quali fortemente inquinato. Sotto i riflettori, ancora una volta, l’emergenza foci: 112 quelle  off limits. L’Oscar dell’inquinamento va alla regione Calabria, dove oltre il 60% dei cittadini scarica a mare reflui non depurati a norma di legge, seguita da Campania e Sicilia. Il mare più pulito, invece, è in Sardegna, seguita dalla Puglia e dalla Toscana. A tutto ciò va sommato l’abusivismo edilizio. Anche in questo caso ai primi posti ci sono Sicilia, Calabria e Campania, ma è un problema che affligge anche il Lazio, Il Veneto, il Friuli Venezia Giulia, l’Emilia Romagna e le Marche. Per non parlare delle trivellazioni dei fondali marini per la ricerca di petrolio.

“Scarichi fognari illegali, cementificazione selvaggia delle coste e progetti energetici basati sulle fonti fossili sono i principali nemici del mare italiano – dichiara Stefano Ciafani, responsabile scientifico nazionale di Legambiente -. Serve un green new deal per la tutela delle coste e per il rilancio dell’economia turistica del Belpaese: depuratori per il 30% di cittadini che ne è ancora sprovvisto, abbattimento degli ecomostri, abbandono di progetti insensati come la svendita ai privati delle spiagge con pericolosi diritti di superficie o la corsa alle trivellazioni off shore di petrolio o, ancora, proposte di condono edilizio: sono solo una seria ipoteca per la tutela dell’ecosistema marino e costiero, alla base del turismo di qualità, sempre più importante per il Pil del nostro Paese”.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende