Home » Eventi » Festambiente 2011: un “green new deal” per il futuro del Paese:

Festambiente 2011: un “green new deal” per il futuro del Paese

agosto 25, 2011 Eventi

ERA NUCLEARE (Ora non lo è più) “. Questa la scritta che campeggiava ovunque durante la ventitreesima edizione di Festambiente, la manifestazione di Legambiente conclusasi la scorsa settimana in Toscana. Sulle magliette dei ragazzi, volontari in servizio presso stand, bar e ristoranti, e su due striscioni, uno esposto nell’area concerti e l’altro sopra il palco dello spazio dibattiti: non poteva che essere l’esito dei referendum del 12 e 13 Giugno il “claim” di questa edizione di Festambiente svoltasi, come di consueto, presso il centro nazionale per lo sviluppo sostenibile “Il Girasole”, a Rispescia, all’interno del Parco Nazionale della Maremma.

Undici giorni di dibattiti, incontri, concerti all’insegna della sostenibilità e della lotta alle illegalità con 130 stand espositivi, 250 tra volontari e collaboratori, circa 400 enti patrocinatori, oltre 150 relatori, più di 100 artisti che si sono esibiti, 70 rassegne di degustazione, 20 laboratori ecologici al giorno nello spazio “Città dei Bambini”, il ristorante vegetariano più grande d’Italia e oltre 50 pellicole proiettate nel cinema all’aperto. Il tutto in un’area di oltre 20mila metri quadrati, una città sostenibile in cui si raggiunge il 90% di raccolta differenziata, non si usa la plastica, l’acqua è servita in caraffa, piatti e bicchieri sono esclusivamente in ceramica, vetro e amido di masi, l’alimentazione è biologica e a km zero, con prodotti tipici della Maremma e, inoltre, il palco concerti e quello per i dibattiti sono alimentati da pannelli fotovoltaici. Infine aderendo alla campagna nazionale di “Azzero CO2” le oltre 60 tonnellate di CO2 emesse comunque in atmosfera sono state compensate con l’acquisto di crediti da fonti rinnovabili in India.

“Siamo felici di aver festeggiato insieme a migliaia di persone – ha dichiarato Angelo Gentili, coordinatore nazionale della manifestazione e membro della segreteria nazionale di Legambiente – il successo nei referendum, ribadendo la nostra voglia e il nostro entusiasmo nel costruire un mondo migliore. Al di là dei numeri, il risultato più bello rimane la passione e la partecipazione della gente. Festambiente è uno degli eventi più importanti dell’estate italiana. Un messaggio chiaro alla classe politica del paese: l’entusiasmo e la grande partecipazione della gente dimostra che continua a soffiare forte il vento del cambiamento e della voglia di essere protagonisti. Abbiamo tracciato ancora una volta la strada per un futuro più sostenibile a sostegno delle buone pratiche, delle energie rinnovabili e contro le ecomafie e l’abusivismo edilizio. La gente vuole cambiare e lottare per ciò che è giusto. Ed è anche per questo – conclude Gentili – che noi continueremo con le nostre campagne e le nostre battaglie a camminare insieme, verso un mondo migliore”.

Ma si può veramente fare a meno del nucleare e coprire diversamente il fabbisogno energetico necessario al mantenimento dello sviluppo economico del nostro Paese? La risposta di Legambiente è sì, stando almeno all’esempio di altri Paesi, come la Germania, che ha abbandonato il nucleare pur mantenendo l’obiettivo di ridurre del 95% le emissioni di CO2 in atmosfera entro il 2050. Un obiettivo assoultamente realistico, hanno assicurato i relatori del convegno tenutosi il 13 Agosto, intitolato “Fuori dal Nucleare! Dall’ Italia la sfida per un nuovo modello energetico internazionale”.

Secondo Valerio Rossi Albertini, del CNR nazionale, le tecnologie “ci sarebbero”, pronte per arrivare molto vicini alla riduzione del 100% delle emissioni climalteranti, ma servono incentivazioni ed una forte volontà politica. La palla, dunque, passa di nuovo ai decisori in Parlamento. E, stando alle dichiarazioni rilasciate dal Ministro Paolo Romani all’indomani del referendum, un nuovo Piano Energetico Nazionale potrebbe essere pronto già a Settembre con le energie rinnovabili - è lecito prevedere – a farla da padrone.

In Maremma non si è parlato però solo di energia, ma anche di illegalità e crimini contro l’ambiente, con ampio risalto ai dati di Goletta Verde, sullo stato dei mari italiani. Non c’è da rallegrarsi: 146 i punti critici lungo il territorio nazionale, uno ogni 51 km di costa, l’80% dei quali fortemente inquinato. Sotto i riflettori, ancora una volta, l’emergenza foci: 112 quelle  off limits. L’Oscar dell’inquinamento va alla regione Calabria, dove oltre il 60% dei cittadini scarica a mare reflui non depurati a norma di legge, seguita da Campania e Sicilia. Il mare più pulito, invece, è in Sardegna, seguita dalla Puglia e dalla Toscana. A tutto ciò va sommato l’abusivismo edilizio. Anche in questo caso ai primi posti ci sono Sicilia, Calabria e Campania, ma è un problema che affligge anche il Lazio, Il Veneto, il Friuli Venezia Giulia, l’Emilia Romagna e le Marche. Per non parlare delle trivellazioni dei fondali marini per la ricerca di petrolio.

“Scarichi fognari illegali, cementificazione selvaggia delle coste e progetti energetici basati sulle fonti fossili sono i principali nemici del mare italiano – dichiara Stefano Ciafani, responsabile scientifico nazionale di Legambiente -. Serve un green new deal per la tutela delle coste e per il rilancio dell’economia turistica del Belpaese: depuratori per il 30% di cittadini che ne è ancora sprovvisto, abbattimento degli ecomostri, abbandono di progetti insensati come la svendita ai privati delle spiagge con pericolosi diritti di superficie o la corsa alle trivellazioni off shore di petrolio o, ancora, proposte di condono edilizio: sono solo una seria ipoteca per la tutela dell’ecosistema marino e costiero, alla base del turismo di qualità, sempre più importante per il Pil del nostro Paese”.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende