Home » Eventi » Fieragricola 2012: l’ambiente è ancora una priorità?:

Fieragricola 2012: l’ambiente è ancora una priorità?

febbraio 3, 2012 Eventi

Dopo quanto è emerso ieri, dagli interventi al convegno inaugurale della 110° Fieragricola di Verona, verrebbe in realtà da chiedersi se l’ambiente sia mai stato veramente una preoccupazione degli agricoltori italiani e delle loro associazioni di categoria, in questi ultimi anni. Lasciando, ovviamente, da parte le isole felici delle aziende biologiche e biodinamiche, che rappresentanto ancora una nicchia, benché in costante crescita.

La situazione è paradossale e un po’schizofrenica. Il tema portante dell’edizione 2012 della fiera è infatti la “sostenibilità ambientale ed economica“, così come il titolo stesso del convegno è “Verso la nuova Politica Agricola Comune;: prospettive, sfide e opportunità per un’agricoltura sostenibile“. I padiglioni hanno aree che si chiamano “Bioenergy Expo“, “Area forum meccanica sostenibile“, “Area forum sull’agricoltura sostenibile“. La volontà degli organizzatori su come indirizzare la discussione pare dunque chiara e sincera. Ma gli interventi istituzionali dell’inaugurazione sono spiazzanti.

La vexata quaestio è sempre il fatidico “greening” proposto dal Commissario Europeo Dacian Ciolos nella bozza di riforma della PAC, che gli stati membri negozieranno nel corso dell’anno e contro cui si scagliano, a raffica, tutti i relatori sul palco. Sergio Marini, Presidente Coldiretti: “Oggi nella gerarchia dell’Unione Europea il problema ambientale non e’più prioritario, lo e’ quello del lavoro.” Paolo De Castro, Presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo: “mentre le politiche mondiali si concentrano sulla sicurezza alimentare le aree ecologiche rischiano di porre un freno alla produzione“. Mario Catania, Ministro dell’Agricoltura: “nè io nè voi abbiamo nulla contro le tematiche ambientali, ma il greening proposto dal Commissario Ciolos non può diventare un elemento penalizzante e creare oneri aggiuntivi per le imprese agricole”. Eppure, poco prima, il Direttore Generale del settore Agricoltura e Sviluppo Rurale della Commissione Europea, Josè Manuel Silva Rodriguez, aveva chiarito che la sifda sarà proprio “coniugare competitività e ambiente“. Coniugarle entrambe, altrimenti non sarebbe una sfida, ma soprattutto non avrebbe nulla di nuovo: da sempre le politiche nazionali cercano di stimolare la competitività delle proprie economie, ma fino ad oggi questo è stato fatto a scapito dell’ambiente e, per il Pianeta, così come per l’economia stessa (che si basa in gran parte sulle risorse naturali, la fertilità del terreno ecc) questo non è più, appunto, sostenibile.

L’accanimento italiano contro la proposta di riforma della PAC, benché contenga alcuni aspetti sicuramente condivisibili (come il contrasto all’idea che sia il mero criterio della superficie agricola a dettar legge o che non venga riconosciuto il know how qualitativo delle produzioni), genera quindi il sospetto che il fatto di “fare sul serio” in tema di sostenibilità ambientale, spaventi ancora molti agricoltori e i loro rappresentanti. Finché ci si limita alle dichiarazioni di principio, infatti, una frase a favore dell’ambiente “fa fine e non impegna”, ma quando poi bisogna applicare, sul serio, nuovi criteri sono dolori… Certo, sono dolori per tutti di questi tempi, nessuno escluso: taxisti, notai, farmacisti e, ahimè, anche agricoltori. Non mi sembra una valida giustificazione quella del presidente di CIA, Giuseppe Politi, che ha invocato tradizioni e modi di operare consolidati, che non si possono cambiare da un giorno all’altro. Con questa logica non si ci sarebbe mai evoluzione e saremmo fermi al medioevo.

Anche agli agricoltori è chiesto dunque di fare sacrifici per il bene comune e uno sforzo di innovazione, nel proprio interesse. Le idee, qui alla Fieragricola, non mancano certo. Penso, ad esempio, all’interessantissima ricerca commissionata dall’Informatore Agrario a Nomisma, sulla diversificazione economica in agricoltura. Utilizzare fonti di energia rinnovabile, realizzare agriturismi o agrinidi, partecipare ai farmers market con la vendita diretta dei prodotti e molte altre attività simili possono generare, alle piccole imprese agricole più intraprendenti, fino al 31% in più di reddito. La diversificazione o multifunzionalità, spiegano gli autori della ricerca Denis Pantini e Massimo Spigola, è ormai diventata irrinunciabile e aiuta la transizione aziendale alle nuove generazioni. I contadini inglesi e tedeschi lo hanno capito prima e meglio e, insieme a forme commerciali più aggressive e aggregazione delle forze, sono riusciti, pur in un momento di profonda crisi come il 2011, a vedere aumentare i propri redditi del +44% rispetto al 2005, mentre quelli italiani restavano pizzicati tra l’incudine dell’aumento dei prezzi e il martello di un reddito che oggi è solo più l’89% di quanto era sei anni fa. Un po’come dire che la crisi mette tutti a dura prova, ma vale pur sempre che, entro certi limiti, ciascuno è artefice della sua fortuna.

Ma torniamo al famigerato “greening”, visto non da una prospettiva ambientalista, ma economica. Ecco cosa ha detto ieri, in un bel convegno sul tema, Federico Vecchioni, presidente di Agriventure, il ramo di Intesa Sanpaolo dedicato all’agricoltura: “L’inverdimento della PAC è il presupposto fondamentale per mantenere il budget agricolo dell’UE. Il greening non va però visto in contrapposizione con la crescita e la produttività; se da un lato produrrà certamente un aggravio dei costi produttivi (stimato mediamente a livello europeo in 43 €/ha), dall’altro l’adozione delle misure in esso contenute produrrà un miglioramento delle condizioni pedo-climatiche, che si rifletteranno positivamente sulle produzioni (aumento della sostanza organica nei suoli, maggiore efficienza nella gestione delle acque di irrigazione e piovane, biodiversità e maggiore efficienza nella difesa)”. A tutto questo Vecchioni propone di affiancare un sistema di assicurazioni sulle produzioni, che possa mettere al riparo il reddito degli agricoltori da eventi climatici calamitosi e forti oscillazione dei prezzi, come per altro già succede negli Stati Uniti, con il Farm Bill, la “PAC americana”. Dove sta dunque la contrapposizione ambiente/agricoltura? Forse più nella psiche di chi è refrattario all’innovazione e al cambiamento, che nella proposta del Commissario Ciolos.

Andrea Gandiglio

Della riforma PAC si occupera’la seconda edizione del Workshop IMAGE – Incontri sul Management della Green Economy, dal titolo “Verso la nuova PAC: agricoltura e sistema alimentare“, organizzato da Greenews.info in collaborazione con la Citta’di Torino e l’Associazione Greencommerce, a Torino il 24 e 25 maggio 2012.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende