Home » Eventi »Smart City » Flor ’12, il profumo del verde conquista la città:

Flor ’12, il profumo del verde conquista la città

maggio 28, 2012 Eventi, Smart City

Torino città grigia? Dimenticatela. Il capoluogo piemontese aspira, ormai da anni, a cambiare colore, grazie al verde dei suoi 18 milioni di metri quadrati di parchi  pubblici e privati, ma anche attraverso la riscoperta del piacere per il giardino. I saperi antichi e la tradizione dei giardinieri reali si uniscono quindi all’innovazione e alle nuove tecniche di coltivazione, generando una passione che può diventare travolgente. Per tre giorni, Flor’12, la mostra-mercato di piante e fiori organizzata nell’ambito di Fioi-TOconclusasi ieri a Torino con una partecipazione di più di 70mila persone – è stata tutto un brulicare di giovani, famiglie e anziani incuriositi da questa esplosione improvvisa di rose, orchidee, piante aromatiche, cactus. E quasi tutti, spesso con pochi euro, si sono portati a casa un pezzetto di verde, e magari anche un po’ di consapevolezza in più sull’importanza delle piante. “E’ importante che si capisca che le piante ci danno da mangiare, del cibo sano. Spesso la gente, comprando il cibo al supermercato, non si chiede quali sono tutti i passaggi che ci sono stati prima, chi ha coltivato quegli ortaggi e come sono arrivati nel loro carrello”, spiega l’esperta di orti e giardini Mimma Pallavicini, tra gli organizzatori dell’evento.

I torinesi hanno voglia di verde in casa, sul balcone, in cortile. Piante ornamentali, per vivere meglio il terrazzo o abbellire l’appartamento, ma anche da mangiare. E quindi meglio se fatte crescere da un vivaista attento alle tecniche di coltivazione, con zero pesticidi e concimi chimici. Una delle ultime tendenze sta proprio nell’edible landscaping: l’utilizzo per fini estetici – nei giardini pubblici o privati, ma anche nei vasi sul balcone – di piante da mangiare. Coltivate sempre più spesso, tendenza nella tendenza, da vivaisti che dicono no alla chimica e sono molto attenti alla conservazione della biodiversità.

Tra i precursori ci sono i Fratelli Gramaglia, proprietari di un vivaio a Collegno, alle porte di Torino. “Per noi che coltiviamo piante aromatiche da anni, il bando della chimica non è una scelta, ma una necessità”, chiarisce subito Paolo, che invita le persone ferme davanti ai vasetti di timo e basilico a toccare e annusare le foglioline. Nell’azienda ci sono collezioni di 3.000 piante aromatiche, 700 tipi di peperoncino, 50 di basilico, 100 di menta. A cui si aggiungono le piante officinali, quelle tintorie per colorare i tessuti naturalmente, e quelle velenose, come la digitale. Tutte coltivate con accorgimenti sostenibili: “Abbiamo ridotto al minimo l’uso della torba, che è sì naturale, ma non rinnovabile. Ne usiamo solo una piccola parte unendola alla sabbia e al compost. Inoltre stiamo anche sperimentando i vasi in plastica biodegradabile e l’uso di zuccheri per irritare e allontanare gli insetti”.

Chiara Baroni è la proprietaria del vivaio “Il grande castagno” a Cinzano, specializzato in piccoli frutti. “Le mie piante sono tutte concimate con sostanze organiche o con minerali. Non uso diserbanti, né concimi chimici. Basta guardarle per accorgersene: non sono tutte identiche come quelle prodotte in vivai con un’impostazione industriale”. Tra le tante piante particolari di Chiara c’è per esempio “il Goumi del Giappone, che in autunno fa delle belle bacche arancioni ricche di vitamina C”, oppure “l’Amelanchier canadensis, con bacche simili al mirtillo”. E poi frutti antichi come il gelso, il melo cotogno, il nespolo europeo, il corniolo, il prugnolo. E frutti di bosco rari, come il ribes rosa e il lampone giallo, o l’hymaliano Gojiberry: “Fa delle bacche rosse ricchissime di vitamine. È detto anche il frutto della giovinezza: ne bastano 30 grammi al giorno per rallentare l’invecchiamento”.

Nel suo vivaio Albaspina di Rondissone, sempre in provincia di Torino, Diana Pace ha iniziato addirittura a farsi il concime da sola. “Non potendo usare lo stallatico degli allevamenti tradizionali, perché contiene alte concentrazioni degli ormoni e degli antibiotici dati agli animali, ho iniziato a usare solo prodotti vegetali. Il concime che faccio ha come ingrediente principale il sottoproddotto della lavorazione dei semi di ricino”. Quando parla, Diana lo fa sempre mettendosi dal punto di vista del mondo vegetale. Non dice “combattere i pidocchi”, ma “rafforzare le difese immunitarie delle piante”. Obiettivo per cui usa macerati e decotti. Tutte sono “piante rustiche, di facile manutenzione, e meglio resistenti al freddo”, come “la rosa glauca o la rosa rugosa, eleganti e molto più resistenti delle rose moderne”. Ai suoi clienti, consiglia sempre di diversificare il giardino: “Più un ambiente è ricco, più trova un equilibrio da sé: per gli afidi non servono veleni, bastano le coccinelle”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Trentino Film Commission lancia il disciplinare “T-Green Film”, per premiare le produzioni a basso impatto

maggio 24, 2016

Trentino Film Commission lancia il disciplinare “T-Green Film”, per premiare le produzioni a basso impatto

Premiare le produzioni che scelgono la strada della sostenibilità e che ‘sposano’ un disciplinare “green”. È il nuovo strumento lanciato da Trentino Film Commission, per incentivare la sostenibilità ambientale in campo cinematografico. Il disciplinare per la certificazione è stato predisposto in collaborazione con APPA, l’Agenzia provinciale per la protezione dell’ambiente, TIS Engineering e Trentino Sviluppo, [...]

Explorando 2016: alla scoperta della via più lenta tra Torino e Milano lungo il Canale Cavour

maggio 23, 2016

Explorando 2016: alla scoperta della via più lenta tra Torino e Milano lungo il Canale Cavour

Quest’anno la presentazione della terza edizione di Explorando, l’evento-itinerario in bicicletta di quattro giorni, dal 2 al 5 giugno, alla scoperta di storia, natura e cultura delle vie d’acqua che collegano Milano a Torino lungo il famoso Canale Cavour (nel 150° anniversario dalla sua inaugurazione), si terrà a Milano martedì 24 maggio 2016, presso Casa FIAB. Per [...]

Edilizia sostenibile tra Italia e Cina. Un confronto promosso da Klimahouse

maggio 20, 2016

Edilizia sostenibile tra Italia e Cina. Un confronto promosso da Klimahouse

Dall’alleanza  tra  Fiera  Bolzano e  Messe  Frankfurt nasce  ”Klimahouse  China Congress”,  una nuova  piattaforma  espressamente  rivolta  alle  specificità  del  mercato  edilizio  cinese indirizzata  a  professionisti,  istituzioni  e  aziende  locali. L’evento,  che  vuole  offrire  un contributo in linea con i nuovi orientamenti dei governi cinesi in materia di green building, debutterà il 31  maggio al  New  China  International  Exhibition  Center [...]

Al lavoro senz’auto. Favini e altre aziende bassanesi promuovono la “Green to Work Week”

maggio 20, 2016

Al lavoro senz’auto. Favini e altre aziende bassanesi promuovono la “Green to Work Week”

Dal 23 al 28 maggio 2016 i dipendenti delle più importanti aziende e degli enti pubblici del bassanese saranno invitati a lasciare a casa l’automobile o a condividerla, a utilizzare mezzi ecosostenibili o a fare una passeggiata per andare al lavoro, in occasione della Green To Work Week, un’iniziativa nata dalla volontà di alcune aziende ed [...]

Cosa pensano i cittadini della qualità dell’aria? I risultati del questionario in Piemonte

maggio 19, 2016

Cosa pensano i cittadini della qualità dell’aria? I risultati del questionario in Piemonte

Consapevolezza dei cittadini e una diffusa preoccupazione per l’inquinamento atmosferico, ma anche una grande volontà di contribuire a risolvere il problema, mettendo in atto comportamenti virtuosi, che insieme a politiche adeguate possano consentire di raggiungere l’obiettivo di ridurre le emissioni. È il quadro che emerge dai risultati del questionario on-line sulla qualità dell’aria pubblicato sulla [...]

La rivolta del Lago di Como contro il “piccolo Mose”: otto anni di cantiere senza panorama

maggio 19, 2016

La rivolta del Lago di Como contro il “piccolo Mose”: otto anni di cantiere senza panorama

Otto anni senza il lungolago sono troppi per abitanti e turisti. Per questo sono pronte 80.000 cartoline-denuncia da consegnare direttamente a Palazzo Chigi. Como dice «Basta allo scandalo delle paratie», il cantiere infinito che nasconde uno dei panorami più belli del mondo e si rivolge al Presidente del Consiglio con cartoline raffiguranti il lago «ingabbiato» dalla recinzione [...]

Al Senato un incontro di Ecofuturo per “spolverare” l’aria delle città

maggio 18, 2016

Al Senato un incontro di Ecofuturo per “spolverare” l’aria delle città

Fuori dai giorni dell’emergenza, che hanno accompagnato anche quest’ultimo inverno, i protagonisti della divulgazione ecologista italiana, Valerio Rossi Albertini, Mario Tozzi, Jacopo Fo e Luca Mercalli, tornano ad avanzare proposte e riflessioni per risolvere il problema delle polveri sottili, responsabili di troppe malattie e decessi nelle nostre aree urbane e metropolitane. “SPOLVERIAMOCI” è un evento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende

VIDEO DEL GIORNO