Home » Eventi »Smart City » Flor ’12, il profumo del verde conquista la città:

Flor ’12, il profumo del verde conquista la città

maggio 28, 2012 Eventi, Smart City

Torino città grigia? Dimenticatela. Il capoluogo piemontese aspira, ormai da anni, a cambiare colore, grazie al verde dei suoi 18 milioni di metri quadrati di parchi  pubblici e privati, ma anche attraverso la riscoperta del piacere per il giardino. I saperi antichi e la tradizione dei giardinieri reali si uniscono quindi all’innovazione e alle nuove tecniche di coltivazione, generando una passione che può diventare travolgente. Per tre giorni, Flor’12, la mostra-mercato di piante e fiori organizzata nell’ambito di Fioi-TOconclusasi ieri a Torino con una partecipazione di più di 70mila persone – è stata tutto un brulicare di giovani, famiglie e anziani incuriositi da questa esplosione improvvisa di rose, orchidee, piante aromatiche, cactus. E quasi tutti, spesso con pochi euro, si sono portati a casa un pezzetto di verde, e magari anche un po’ di consapevolezza in più sull’importanza delle piante. “E’ importante che si capisca che le piante ci danno da mangiare, del cibo sano. Spesso la gente, comprando il cibo al supermercato, non si chiede quali sono tutti i passaggi che ci sono stati prima, chi ha coltivato quegli ortaggi e come sono arrivati nel loro carrello”, spiega l’esperta di orti e giardini Mimma Pallavicini, tra gli organizzatori dell’evento.

I torinesi hanno voglia di verde in casa, sul balcone, in cortile. Piante ornamentali, per vivere meglio il terrazzo o abbellire l’appartamento, ma anche da mangiare. E quindi meglio se fatte crescere da un vivaista attento alle tecniche di coltivazione, con zero pesticidi e concimi chimici. Una delle ultime tendenze sta proprio nell’edible landscaping: l’utilizzo per fini estetici – nei giardini pubblici o privati, ma anche nei vasi sul balcone – di piante da mangiare. Coltivate sempre più spesso, tendenza nella tendenza, da vivaisti che dicono no alla chimica e sono molto attenti alla conservazione della biodiversità.

Tra i precursori ci sono i Fratelli Gramaglia, proprietari di un vivaio a Collegno, alle porte di Torino. “Per noi che coltiviamo piante aromatiche da anni, il bando della chimica non è una scelta, ma una necessità”, chiarisce subito Paolo, che invita le persone ferme davanti ai vasetti di timo e basilico a toccare e annusare le foglioline. Nell’azienda ci sono collezioni di 3.000 piante aromatiche, 700 tipi di peperoncino, 50 di basilico, 100 di menta. A cui si aggiungono le piante officinali, quelle tintorie per colorare i tessuti naturalmente, e quelle velenose, come la digitale. Tutte coltivate con accorgimenti sostenibili: “Abbiamo ridotto al minimo l’uso della torba, che è sì naturale, ma non rinnovabile. Ne usiamo solo una piccola parte unendola alla sabbia e al compost. Inoltre stiamo anche sperimentando i vasi in plastica biodegradabile e l’uso di zuccheri per irritare e allontanare gli insetti”.

Chiara Baroni è la proprietaria del vivaio “Il grande castagno” a Cinzano, specializzato in piccoli frutti. “Le mie piante sono tutte concimate con sostanze organiche o con minerali. Non uso diserbanti, né concimi chimici. Basta guardarle per accorgersene: non sono tutte identiche come quelle prodotte in vivai con un’impostazione industriale”. Tra le tante piante particolari di Chiara c’è per esempio “il Goumi del Giappone, che in autunno fa delle belle bacche arancioni ricche di vitamina C”, oppure “l’Amelanchier canadensis, con bacche simili al mirtillo”. E poi frutti antichi come il gelso, il melo cotogno, il nespolo europeo, il corniolo, il prugnolo. E frutti di bosco rari, come il ribes rosa e il lampone giallo, o l’hymaliano Gojiberry: “Fa delle bacche rosse ricchissime di vitamine. È detto anche il frutto della giovinezza: ne bastano 30 grammi al giorno per rallentare l’invecchiamento”.

Nel suo vivaio Albaspina di Rondissone, sempre in provincia di Torino, Diana Pace ha iniziato addirittura a farsi il concime da sola. “Non potendo usare lo stallatico degli allevamenti tradizionali, perché contiene alte concentrazioni degli ormoni e degli antibiotici dati agli animali, ho iniziato a usare solo prodotti vegetali. Il concime che faccio ha come ingrediente principale il sottoproddotto della lavorazione dei semi di ricino”. Quando parla, Diana lo fa sempre mettendosi dal punto di vista del mondo vegetale. Non dice “combattere i pidocchi”, ma “rafforzare le difese immunitarie delle piante”. Obiettivo per cui usa macerati e decotti. Tutte sono “piante rustiche, di facile manutenzione, e meglio resistenti al freddo”, come “la rosa glauca o la rosa rugosa, eleganti e molto più resistenti delle rose moderne”. Ai suoi clienti, consiglia sempre di diversificare il giardino: “Più un ambiente è ricco, più trova un equilibrio da sé: per gli afidi non servono veleni, bastano le coccinelle”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Dissesto idrogeologico: in Italia 14.000 monumenti a rischio frana

marzo 4, 2015

Dissesto idrogeologico: in Italia 14.000 monumenti a rischio frana

I beni culturali di composizione calcarea a Roma (architettonici, archeologici, statue e fontane) al momento riportati nella Carta del Rischio del Patrimonio Culturale (ISCR) sono circa 3.600, mentre quelli con composizione bronzea sono 60: entrambe le tipologie sono principalmente collocate nel centro della capitale. Nonostante la potenziale aggressività territoriale di Roma sia risultata relativamente bassa, [...]

Global Innovation Network: nasce la rete per la promozione delle tecnologie pulite su scala internazionale

marzo 4, 2015

Global Innovation Network: nasce la rete per la promozione delle tecnologie pulite su scala internazionale

Le aziende italiane innovative interessate all’internazionalizzazione e all’ingresso in mercati esteri, da oggi potranno usufruire del GIN – Global Innovation Network. Si tratta di una rete di 25 centri di innovazione (incubatori, parchi tecnologici, centri di ricerca ecc.) internazionali focalizzati sui temi delle clean technologies. Seguendo questa direzione il  5 e 6 marzo a Berlino [...]

I prototipi alimentati a idrogeno in mostra a Green Mobility Show

marzo 3, 2015

I prototipi alimentati a idrogeno in mostra a Green Mobility Show

Hydrogen Park e Veneto Innovazione organizzano per il 6 marzo, dalle 9,30 alle 13, una mattinata di riflessione e di discussione sulle tecnologie basate sull’idrogeno, aprendo le porte a rappresentanti delle istituzioni europee, italiane e locali e dando ampio spazio alle eccellenze industriali del territorio. L’incontro aprirà la Green Mobility Show, seconda conferenza internazionale sulla mobilità [...]

Solar Share: il primo esperimento di energia solare in condivisione

marzo 3, 2015

Solar Share: il primo esperimento di energia solare in condivisione

È ufficialmente partito il primo esperimento italiano di solar energy sharing: 121 famiglie provenienti da ogni parte d’Italia hanno aderito a Solar Share, il primo progetto nazionale di condivisione a distanza dell’energia solare, che permette di superare ogni limite geografico sfruttando in tutto il territorio italiano l’energia prodotta dall’impianto La Masseria del Sole, in funzione [...]

Expocasa a Torino dal 7 al 15 marzo: protagonisti sostenibilità e vita all’aperto

marzo 2, 2015

Expocasa a Torino dal 7 al 15 marzo: protagonisti sostenibilità e vita all’aperto

Dal 7 al 15 marzo 2015 a Lingotto Fiere di Torino si svolge la 52° edizione di Expocasa, la più importante fiera del nord-ovest dedicata al mondo dell’arredo e alle soluzioni per la casa, punto di riferimento per chi desidera avere a disposizione in un unico luogo un ampio panorama di opportunità, idee, stili di [...]

All’Università di Siena torna l’insegnamento “Sostenibilità”

marzo 2, 2015

All’Università di Siena torna l’insegnamento “Sostenibilità”

Dopo il successo dell’edizione passata, l’Università di Siena organizza anche per l’anno accademico 2014-2015 l’insegnamento “Sostenibilità”,  aperto agli studenti di tutti i corsi di studio e al pubblico esterno. Il corso si inserisce nell’ambito del crescente impegno dell’Ateneo senese sui temi della sostenibilità, anche in relazione all’importante ruolo assunto all’interno del progetto dell’ONU Sustainable Development Solutions [...]

I locali promuovono il riuso con “Legno e Rilegno”

marzo 2, 2015

I locali promuovono il riuso con “Legno e Rilegno”

Quante cose si possono fare con un imballaggio di legno? Quante vite può vivere, dopo la prima? Per rispondere serve un numero con almeno tre zeri. C’è chi è in grado di farne una libreria, chi un tavolo e chi -scomponendolo – ne usa le parti per creare oggetti del tutto nuovi. Partendo dall’iniziativa lanciata [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende

VIDEO DEL GIORNO