Home » Eventi »Smart City » Flor ’12, il profumo del verde conquista la città:

Flor ’12, il profumo del verde conquista la città

maggio 28, 2012 Eventi, Smart City

Torino città grigia? Dimenticatela. Il capoluogo piemontese aspira, ormai da anni, a cambiare colore, grazie al verde dei suoi 18 milioni di metri quadrati di parchi  pubblici e privati, ma anche attraverso la riscoperta del piacere per il giardino. I saperi antichi e la tradizione dei giardinieri reali si uniscono quindi all’innovazione e alle nuove tecniche di coltivazione, generando una passione che può diventare travolgente. Per tre giorni, Flor’12, la mostra-mercato di piante e fiori organizzata nell’ambito di Fioi-TOconclusasi ieri a Torino con una partecipazione di più di 70mila persone – è stata tutto un brulicare di giovani, famiglie e anziani incuriositi da questa esplosione improvvisa di rose, orchidee, piante aromatiche, cactus. E quasi tutti, spesso con pochi euro, si sono portati a casa un pezzetto di verde, e magari anche un po’ di consapevolezza in più sull’importanza delle piante. “E’ importante che si capisca che le piante ci danno da mangiare, del cibo sano. Spesso la gente, comprando il cibo al supermercato, non si chiede quali sono tutti i passaggi che ci sono stati prima, chi ha coltivato quegli ortaggi e come sono arrivati nel loro carrello”, spiega l’esperta di orti e giardini Mimma Pallavicini, tra gli organizzatori dell’evento.

I torinesi hanno voglia di verde in casa, sul balcone, in cortile. Piante ornamentali, per vivere meglio il terrazzo o abbellire l’appartamento, ma anche da mangiare. E quindi meglio se fatte crescere da un vivaista attento alle tecniche di coltivazione, con zero pesticidi e concimi chimici. Una delle ultime tendenze sta proprio nell’edible landscaping: l’utilizzo per fini estetici – nei giardini pubblici o privati, ma anche nei vasi sul balcone – di piante da mangiare. Coltivate sempre più spesso, tendenza nella tendenza, da vivaisti che dicono no alla chimica e sono molto attenti alla conservazione della biodiversità.

Tra i precursori ci sono i Fratelli Gramaglia, proprietari di un vivaio a Collegno, alle porte di Torino. “Per noi che coltiviamo piante aromatiche da anni, il bando della chimica non è una scelta, ma una necessità”, chiarisce subito Paolo, che invita le persone ferme davanti ai vasetti di timo e basilico a toccare e annusare le foglioline. Nell’azienda ci sono collezioni di 3.000 piante aromatiche, 700 tipi di peperoncino, 50 di basilico, 100 di menta. A cui si aggiungono le piante officinali, quelle tintorie per colorare i tessuti naturalmente, e quelle velenose, come la digitale. Tutte coltivate con accorgimenti sostenibili: “Abbiamo ridotto al minimo l’uso della torba, che è sì naturale, ma non rinnovabile. Ne usiamo solo una piccola parte unendola alla sabbia e al compost. Inoltre stiamo anche sperimentando i vasi in plastica biodegradabile e l’uso di zuccheri per irritare e allontanare gli insetti”.

Chiara Baroni è la proprietaria del vivaio “Il grande castagno” a Cinzano, specializzato in piccoli frutti. “Le mie piante sono tutte concimate con sostanze organiche o con minerali. Non uso diserbanti, né concimi chimici. Basta guardarle per accorgersene: non sono tutte identiche come quelle prodotte in vivai con un’impostazione industriale”. Tra le tante piante particolari di Chiara c’è per esempio “il Goumi del Giappone, che in autunno fa delle belle bacche arancioni ricche di vitamina C”, oppure “l’Amelanchier canadensis, con bacche simili al mirtillo”. E poi frutti antichi come il gelso, il melo cotogno, il nespolo europeo, il corniolo, il prugnolo. E frutti di bosco rari, come il ribes rosa e il lampone giallo, o l’hymaliano Gojiberry: “Fa delle bacche rosse ricchissime di vitamine. È detto anche il frutto della giovinezza: ne bastano 30 grammi al giorno per rallentare l’invecchiamento”.

Nel suo vivaio Albaspina di Rondissone, sempre in provincia di Torino, Diana Pace ha iniziato addirittura a farsi il concime da sola. “Non potendo usare lo stallatico degli allevamenti tradizionali, perché contiene alte concentrazioni degli ormoni e degli antibiotici dati agli animali, ho iniziato a usare solo prodotti vegetali. Il concime che faccio ha come ingrediente principale il sottoproddotto della lavorazione dei semi di ricino”. Quando parla, Diana lo fa sempre mettendosi dal punto di vista del mondo vegetale. Non dice “combattere i pidocchi”, ma “rafforzare le difese immunitarie delle piante”. Obiettivo per cui usa macerati e decotti. Tutte sono “piante rustiche, di facile manutenzione, e meglio resistenti al freddo”, come “la rosa glauca o la rosa rugosa, eleganti e molto più resistenti delle rose moderne”. Ai suoi clienti, consiglia sempre di diversificare il giardino: “Più un ambiente è ricco, più trova un equilibrio da sé: per gli afidi non servono veleni, bastano le coccinelle”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende