Home » Eventi »Nazionali »Politiche » Fotovoltaico: dal boom 2010 all’impasse 2011. E poi?:

Fotovoltaico: dal boom 2010 all’impasse 2011. E poi?

settembre 16, 2011 Eventi, Nazionali, Politiche

Al SolarTech della fiera Zeroemission, che si è aperto mercoledì a Roma, quest’anno si respira un’aria diversa rispetto al passato. I sentimenti sono contrastanti, come pure gli scenari futuri. Vittorio Della Chiesa dell’Energy e Strategy Group del Politecnico di Milano apre la conferenza inaugurale annunciando il superamento della soglia dei 10 GW di potenza installata, risultato raggiunto la settimana scorsa. Ma, pur di fronte all’evidenza di una rapida e significativa crescita, gli operatori del settore percepiscono una situazione di stallo del sistema.

Il settore fotovoltaico sconta ancora l’incertezza normativa del devastante Decreto Romani di marzo, che poneva termine al III Conto Energia senza definire le regole del IV Conto (entrato poi in vigore da giugno) e bloccando quindi, de facto, il settore fino all’uscita del nuovo decreto. Lo scenario, secondo Della Chiesa, è di cauto ottimismo, misto a un’attesa (prudentemente preoccupata) per il futuro.

C’è chi invece è più ottimista, come Gianni Silvestrini del Kyoto Club, che sottolinea come il tasso di crescita delle installazioni non si sia arrestato nel 2011, con l’entrata in vigore della fase IV del conto energia (a parte il periodo di incertezza citato). Nel 2011 l’Italia si conferma prima nel mondo per capacità installata, fornendo un contributo del 5% alla produzione di energia elettrica (entro quest’anno), mentre il prossimo arriverà a produrre la metà del carbone. Agostino Re Rebaudengo, presidente APER e di Asja, propone addirittura uno scenario che fino a poco tempo fa sarebbe sembrato utopistico, mentre adesso è accolto senza troppo stupore: arrivare a produrre il 40% dell’energia elettrica da fonte rinnovabile al 2020, ovvero 150 TWh su 375 TWh stimati. Nel 2010 l’energia era 330 TWh, di cui il 23%, 77TWh, da fonte rinnovabile.

Durante la tavola rotonda tra gli operatori del settore, dedicata alle possibili evoluzioni del settore, viene posta la questione del contributo aggiuntivo del 10%, in tariffa incentivante, riconosciuto agli impianti di provenienza prevalentemente europea e un operatore fa notare come in fiera un’azienda cinese, Trina Solar, abbia pubblicizzato i propri pannelli come idonei a richiedere il contributo per prodotti europei. Come ciò sia possibile lo spiega Paolo Mutti di Solsonica: il legislatore italiano ha inizialmente cercato di agevolare l’industria italiana, con una percentuale aggiuntiva di contributo per i pannelli italiani. Ma visto che l’Europa non permette di agevolare solo uno Stato membro dell’Unione, il contributo è stato esteso ai pannelli di origine europea. Fin qui tutto regolare. Sennonché questo principio iniziale è stato trasformato in una norma di difficile interpretazione, che prevede che il «costo di investimento per quanto riguarda i componenti diversi dal lavoro [...] sia per non meno del 60% riconducibile…».  In un mondo globalizzato, in cui ogni prodotto finale è composto da altre componenti provenienti dai Paesi più svariati, a sua volta costruite con materiali provenienti da altri, come è possibile determinare, con certezza, la percentuale di prodotto “riconducibile” all’Europa? A fronte della difficoltà interpretativa della norma e della rarità dei controlli era prevedibile che tutte le aziende, anche quelle extraeuropee, dichiarassero una percentuale di componenti europei per ottenere la gradita incentivazione aggiuntiva…

Ma la vera questione, su cui tutti concordano, rimane quella di avere un legislatore attento al settore, che accompagni il settore con incentivi decrescenti ma idonei ad arrivare alla grid parity, ovvero al punto in cui l’energia prodotta con il fotovoltaico avrà lo stesso prezzo dell’energia da fonte fossile. Per far sì che ciò accada, sarà necessario che le istituzioni ascoltino un settore che si avvia verso una fase di maturità e che non ne può più di essere trattato come “un vezzo ambientalista”. Basta anche agli stop-and-go, come quello avvenuto con il decreto Romani.

A proposito, Romani, invitato a partecipare alla conferenza sulle prospettive del mercato fotovoltaico, ha gentilmente declinato l’invito, lasciando una scottante sedia vuota

Veronica Caciagli

 


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende