Home » Eventi » Fuorisalone 2013: la green economy dietro agli eventi di design:

Fuorisalone 2013: la green economy dietro agli eventi di design

aprile 15, 2013 Eventi

Atelier e invitation, installazioni di architettura e design, il popolo del Fuorisalone milanese è da alcuni giorni nel pieno delle attività. Inaugurato il 9 aprile e terminato ieri, l’evento ormai attesissimo, vive nella città occupandone i suoi spazi: dalla Triennale a Brera, da Sarpi a Garibaldi, da PortaVenezia a Porta Romana, da Tortona a Lambrate. Arte e design, dicevamo, ma con un tocco di “verde” quest’anno particolarmente marcato.

A partire dalla partecipazione di Legambiente, che ha preso parte alla settimana di eventi con The GreenBike. L’associazione ambientalista ha accolto l’invito all’iniziativa organizzata da AMAZElab – laboratori di 
produzione e diffusione culturale – in collaborazione con l’Ambasciata e il Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi a Milano. L’obiettivo era ispirarsi alle città olandesi, eccellenze nell’incentivare l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto urbano. “Milano sta riducendo il traffico in maniera significativa – ha sottolineato l’assessore alla Mobilità, Ambiente, Arredo Urbano e Verde, Piefrancesco Maran – La settimana scorsa un’indagine internazionale ha mostrato che non siamo più la settima ma la ventesima città più congestionata d’Europa, ed è un ottimo risultato. Sulle biciclette stiamo investendo molto”. “Anche in Italia la “ciclorivoluzione” è iniziata – ha dichiarato Andrea Poggio, vice direttore generale di Legambiente- nel 2011 si sono vendute più bici che auto. In Lombardia, ci dice l’ultimo censimento degli Amici della bicicletta (Fiab), che 1 cittadino su 10 si muove pedalando”.

Legambiente ha presentato al Fuorisalone Superhub – progetto europeo di ricerca che coinvolge 20 partner in cinque nazioni della 
UE. Entro il 2014, e dopo 36 mesi di ricerca tecnologica e test sul campo effettuati insieme ai cittadini, si lancerà il prototipo di una nuova piattaforma tecnologica open source e multidevice (un’
applicazione cioè sia su pc che su smartphone e tablet) capace di costruire on demand percorsi di mobilità integrata: ogni cittadino riceverà informazioni e consigli per muoversi con un minor impatto ambientale, ma anche per ridurre i propri tempi di viaggio e, alle volte, riducendo
i propri costi.

Punto di riferimento per tutti i design addicted, anche quest’anno, è stata la Fabbrica del Vapore di via Procaccini 4, che ha ospitato eventi, laboratori e mostre. In particolare, fino al 14 aprile, presso la Cattedrale del Vapore, “Bla-Bla” di Mima- Milano Makers a cura di Alessandro Mendini con allestimento di Duilio Forte e con il patrocinio della Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte. “Posti di Vista 10*”, è invece un appuntamento ormai tradizionale del Fuorisalone giunto alla 10° edizione e dedicato quest’anno alla sostenibilità urbana, alle energie “verdi”, al rapporto città-verde produttivo, all’ecodesign e all’alimentazione bio tra performance, live, incontri a tema e workshop per adulti e bambini.

L’Ortofabbrica, in via Savona 37, si è invece confermata un métissage di ambientazioni, prodotti e soluzioni progettuali che fanno della bellezza, dell’utilità e dell’eco-sostenibilità a 360° il proprio fil rouge. L’appuntamento, ideato, realizzato e promosso dal designer Angelo Grassi, ha proposto un progetto di grande fascino e modernità all’interno di una cornice architettonica ottocentesca preindustriale. Recupero di antichi mestieri, riuso di materie prime, riciclo di cemento, ghisa, ferro, legno, vetro e metallo, ceramiche e tessuti, danno vita a prodotti rigenerati nei materiali e nelle funzioni d’uso, arricchiti da dettagli crudi, cui si affiancano produzioni seriali funzionali, amichevoli, di grande performance, tecnologicamente d’avanguardia e dal forte richiamo all’autenticità e all’etica.

Nel cuore del Quadrilatero della Moda di Via della Spiga si è accesa, in via permanente, la “smart city” attraverso l’integrazione delle tecnologie più all’avanguardia di illuminazione ‘intelligente’ e di connettività a banda ultralarga. Un sistema di luce urbana a proiettori led che abbinati al telecontrollo e alla potenzialità delle rete internet, permetteranno non solo di ottenere alti livelli di efficienza energetica, ma anche di attivare sul territorio servizi ai cittadini e ai visitatori italiani e stranieri: dalla mobilità sostenibile con le stazioni urbane di ricarica elettrica, alla sicurezza con le colonnine sos, dalla video sorveglianza al wi fi free alla connettività in fibra ottica con sistemi multimediali di comunicazione della nostra metropoli, attraverso un totem multimediale touch screen.

Accessibilità, comfort, calore, comodità, sicurezza, ecosostenibilità, tecnologia al servizio della persona sono state, infine, le parole chiave dell’opera Hi Home di Andrea Castrignano esposta in via Adige 11, zona Porta Romana. Castrignano – interior designer, ideatore e conduttore del format televisivo “Cambio Casa, Cambio Vita” in onda su LA5 – ha trasformato un loft nel suo nuovo studio, progettato per comprendere una “casa campione” dalle caratteristiche uniche. La casa environmentally friendly è concepita con innovative soluzioni in materia di risparmio energetico, fonti rinnovabili e utilizzo della domotica avanzata, con l’importante contributo di aziende eccellenti che hanno messo a disposizione del progetto il proprio know how tecnologico. Sul tetto un impianto fotovoltaico Made in Italy ”Super Solar” da 20kWp della Solar Energy Group, di ultima generazione fornisce l’energia necessaria al funzionamento di tutta la casa. L’attenzione all’ambiente è stata vagliata anche nella scelta dei materiali di rifinitura, per esempio usando in bagno pannelli di rivestimento delle pareti in Ivory Dream della Benetti Stone. Conosciuto come avorio vegetale è ottenuto dal seme di una palma amazzonica, la Tagua. I semi sono raccolti a mano senza danneggiare la vegetazione e senza abbattere alberi. L’emissione di CO2 di produzione di Ivory Dream è pari a zero. Anche la grande doccia è stata pensata per dare la sensazione di essere sotto una cascata naturale e il particolare del soffitto ricoperto di muschio disidratato contribuisce sicuramente a “creare l’atmosfera”.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende